LA SAGRA DELLA PORCHETTA CONTINUA: TRA SMOG E MIASMI VARI L'IGNOBILE PAPPIFICIO "EN PLEIN AIR" DI STAZIONE TERMINI!

giovedì 31 gennaio 2013

Guardare queste immagini repellenti espone a rischio di orticaria e rash cutanei improvvisi. Come sia stato possibile autorizzare questo demenziale "circo della magnata" rimane ancora un mistero. Fatto sta che, se i vigili non intervengono (e in zona ce ne sono eccome!), dev'essere per forza tutto in regola. Osservando gli sguardi allucinati e i brividi di ribrezzo dei turisti, tuttavia, viene da chiederci se questo sia il modo migliore di promuovere l'immagine di Roma nel mondo. Uno di quei paninari sta a mezzo metro dai pisciatoi chimici del cantiere della (eterna) Metro C, da cui sgorgano molteplici rigagnoli maleodoranti che invadono il marciapiede. Vendere panini scamuffi tra la puzza di smog e quella di piscio non è proprio il massimo. Manco Er Monnezza di troverebbe a suo agio in questa fiera del trucido. Ma a Roma si sa, le cose vanno così, tocca chiude un occhio...




A proposito, ci piacerebbe sapere come sia stato possibile autorizzare lo stazionamento di un camion bar direttamente SOPRA il marciapiede. E come sono pittoreschi quesi cartoni di chiquita... e vogliamo parlare delle felpe Dolce & Banana?

CITTADINI E VOLONTARI, RESISTENZA ANTIDEGRADO: LE FOTO E IL REPORT DEL XIII DECORO DAY NEL XVIII MUNICIPIO!

mercoledì 30 gennaio 2013


Sabato 26 si è svolto il XIII Decoro Day del Municipio 18. Dalle 10 alle 13 cittadini volontari, attivisti e politici del Municipio 18 sisono impegnati in pulizie e rimozioni di affissioni abusive. La giornata del decoro ha avuto un prologo verso le 8 di mattina con le squadre dell'Ama condotte dal presidente del XVIII Daniele Giannini, a ripulire muri e arredi del quartiere intorno a piazza Pio IX da scritte e graffiti vandalici. Nel Parco del Pineto sono stati rasati i prati presso l'ingresso alla biblioteca comunale.















Il raduno dei volontari ha avuto luogo alle 10 in piazza Pio IX. Erano presenti rappresentanti di "Riprendiamoci Roma", del "Comitato Spontaneo per l'Ambiente - CO.SP.A", i "Volontari del Decoro Urbano e del Verde del Municipio 18", gli operatori dell'Ama, i vigili del Pronto Intervento Centro Storico - PICS, diversi cittadini e, in rappresentanza del Municipio 18 i consiglieri Eleonora Nalli e Raimondo Fabbri, il presidente del Consiglio Fabio Benedetti e il presidente del Municipio 18, Daniele Giannini. Dal punto d'incontro i partecipanti si sono divisi in squadre che hanno percorso le strade limitrofe, pulendo marciapiedi, aiuole e carreggiate. Come successo durante i recenti Decoro Day, i volontari hanno poi piantato un albero come simbolo di attenzione all'ambiente e al decoro del quartiere. Il nuovo prunus è stato impiantato al centro di piazza Pio IX.

Post: Municipio XVIII
Foto: Stefano

SOSTA SELVATICA, TUTTI SUL MARCIAPIEDE! DAL CAMION DELL'AMA AL FURGONE, FINO ALLA PANDA DI TURNO. E MAI UNA MULTA! CRONACA DI UNA CITTA' ALLO SBANDO...

martedì 29 gennaio 2013

A Roma è diventata ormai la normalità. I pizzardoni nemmeno passano più. Mai una multa. La sosta selvatica istituzionalizzata, grazie alla partecipazione di ODIAROMA. Una città totalmente allo sbando. Serve un bel calcio in culo per tutti, di quelli colossali, che lasciano il segno della scarpa sulle natiche.

CITTADINI STACCHINI A RAPPORTO! LA CAMPAGNA ELETTORALE ENTRA NELLA FASE CALDA, E QUANDO IL GIOCO SI FA DURO I DURI INIZIANO A GIOCARE...

lunedì 28 gennaio 2013


Tornano i cittadini stacchini per difendere la città dai barbari incartatori! Contro la volgarità e la peracottaggine della campagna elettorale alla carbonare, scendono in campo i cittadini in prima persona. Giù le mani dalla città di Roma! Chiunque fosse interessato, ci contatti via email.

ECCO LA FINE CHE FANNO I VOLANTINI CHE NON INTERESSANO: DAI TERGICRISTALLI FINISCONO REGOLARMENTE IN TERRA!

venerdì 25 gennaio 2013

Non ci stancheremo mai di ripeterlo, i volantini sui tergicristalli delle auto sono una delle principali cause di sporcizia delle strade. Questi volantini finiscono regolarmente in terra (uno su due almeno) all'arrivo del proprietario dell'auto non interessato al contenuto degli stessi. Quindi se vedete un volantino su un tergicristallo di un'auto non esitate a rimuoverlo! Prevenire è meglio che pulire.

DICE "I POETI DER TRULLO NON USANO LA BOMBOLETTA". FORSE LORO NO, E FORSE NON SONO NEMMENO IL PROBLEMA. IL PROBLEMA VERO E' L'EMULAZIONE A OPERA DI IDIOTI...

giovedì 24 gennaio 2013

Ed ecco la prova degli "effetti collaterali" prodotti dal fenomeno di malcostume del momento ignobilmente sdoganato da uno dei più importanti quotidiani nazionali. Da Marconi a Via Ostiense, dal Poertuense a Monteverde, è tutto un fiorire di pisciate di cane sui muri inneggianti ai poeti del trullo. Una sorta di Dead Poet Society alla carbonara, dove ciò che conta non è tanto il messaggio, quanto l'etichetta che gli si appone sopra. Sei un poeta semplicemente perché ti definisci tale. E il prezzo che la città dovrà pagare a questa ennesima fissazione adolescenziale di Repubblica sarà altissimo.


E' vero, i muri sono "democratici", ma anche le più perfette forme di democrazia devono sottostare ad alcune regole per poter essere preservate. Perché la tua libertà finisce dove inizia la mia. La libertà non è un concetto individuale, ma collettivo, sociale, comunitario. Se tutti sono liberi, nessuno è libero. Quella non è democrazia, è anarchia allo stato puro.

NUOVO APPUNTAMENTO CON IL DECORO DAY NEL XVIII MUNICIPIO! SABATO 26 GENNAIO ALLE ORE 10 TUTTI IN STRADA A RIPULIRE IL QUARTIERE! CI VEDIAMO A PIAZZA PIO IX

mercoledì 23 gennaio 2013

ANCORA SULLA ASSURDA CONDANNA DI CARTELLOPOLI: LA RASSEGNA STAMPA E L'INTERVENTO DI DANIELE GIANNINI

martedì 22 gennaio 2013


CONDANNA CARTELLOPOLI: il Presidente del XVIII propone una sottoscrizione pubblica.

Il Presidente del Municipio 18 Daniele Giannini ha rilasciato oggi una dichiarazione di solidarietà e appoggio al blogger Massimiliano Tonelli, curatore del sito cartellopoli.net, condannato recentemente a 9 mesi di reclusione e alla sanzione di 20.000 euro per un post pubblicato sul blog.

"Da circa due anni - ha dichiarato oggi il presidente Giannini - la nostra amministrazione del Municipio 18, gli attivisti e i blog anti degrado di Roma, hanno costituito una rete efficace di denuncia e di interventi concreti per combattere la vergogna degli impianti abusivi e dei manifesti selvaggi che deturpano la nostra città. Con organizzazioni come Bastacartelloni, CittadinanzAttiva Aurelia, Co.Spa. e Riprendiamoci Roma scendiamo in strada ogni mese in occasione dei Decoro Day del Municipio 18, proprio per mettere un freno a questi fenomeni degradanti. Ora una sentenza che giudichiamo incomprensibile colpisce al cuore Cartellopoli, un blog che è parte di questa rete, rischiando di compromettere il circuito virtuoso che abbiamo faticosamente ma risolutamente creato con cittadini e associazioni. A tutto ciò mi oppongo con decisione: noi del Municipio 18 non lasceremo soli Tonelli e Cartellopoli, come nessun altro "anello" di questa catena di civiltà. Se necessario promuoveremo una sottoscrizione pubblica nel XVIII per raccogliere i 20.000 euro della sanzione, e scenderemo in piazza di persona, come abbiamo fatto per la vicenda dell'IDI-San Carlo, per chiedere ai cittadini di sostenere chi difende i loro diritti e i loro spazi comuni".

L'ULTIMO INNAMORAMENTO DI REPUBBLICA: I POETI DER TRULLO! I NUOVI BARBARI SDOGANATI DA UNO DEI PIU' IMPORTANTI QUOTIDIANI NAZIONALI

lunedì 21 gennaio 2013


Quando uno dei più importanti quotidiani nazionali scopre di non avere nulla da raccontare, in una città devastata dal degrado, dall'abusivismo, dalla microcriminalità e dall'illegalità delle mafiette del quartierino, è un fatto grave. Ancor più grave, però, è quando lo stesso quotidiano decide di sdoganare questi fenomeni di malcostume. E' quanto accaduto in un delirante articolo uscito sul Venerdi, in cui il vandalismo dei nuovi barbari con la bomboletta e il pennarello viene addirittura elevato a rango di arte.

I poeti del Trullo, er Bestia, er Farco e gli altri sulle orme di Pasolini.

Leggetevi il demenziale articolo.

WE WANT YOU! IL TUO QUARTIERE FA SCHIFO? INVIACI LE FOTO DENUNCIA, VERRANNO PUBBLICATE SUL NOSTRO BLOG!

venerdì 18 gennaio 2013

Questo blog vive e funziona anche grazie alle TUE segnalazioni. Non rassegnarti a vivere nel degrado, sommerso di monnezza come gli animali. Scendi in strada e documenta lo schifo del tuo quartiere! Le condizioni indegne in cui ti costringono a vivere! Clicca qui e inviaci le tue foto denuncia, le pubblicheremo qui sul blog. E condividete i nostri post sulle vostre bacheche facebook!

Riprendiamoci Roma

CONTRO MANIFESTO SELVATICO ARRIVA L'ALTOLA' DEL PREFETTO. GLI ZOZZONI PRONTI A INCARTARE ROMA SONO AVVISATI!

giovedì 17 gennaio 2013

In previsione della nova calata barbara non sarebbe male farsi trovare pronti. Cittadini Stacchini, siete in ascolto?

Roma invasa di manifesti elettorali, altolà del prefetto sui cartelloni

Che la città è già massacrata da manifesti e cartelloni elettorali non gli è certo sfuggito. Lo vede tutti i giorni con i suoi occhi. E probabilmente glielo ricordano continuamente i numerosi comitati cittadiniche lottano contro l’invasione delle affissioni soprattutto quelle dei partiti politici. Così il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, ha preso le contromisure. Almeno quelle di sua competenza: "Subito un vertice con tutti i candidati alle elezioni regionali - annuncia - per il rispetto della normativa e la comunicazione di tutte le regole e le sanzioni".

Per Pecoraro l’emergenza elezioni è scattata da un pezzo: tra ricorsi controricorsi sulla data elettorale e la gestione della macchina organizzativa non è andato in vacanza e ha trascorso le festività natalizie in ufficio.

"Aspetto solo la chiusura dei termini per la presentazione dei candidati alle prossime consultazioni regionali e immediatamente dopo convocherò il vertice - spiega - È praticamente inutile parlare ora con le coalizioni o con i vari partiti. I verbali, infatti, sono a carico dei singoli candidati ed è a loro che devo rivolgermi direttamente per il rispetto della città".

La scadenza per presentare i nomi dei candidati alla presidenza della Regione Lazio è fissata per il 10 gennaio 2013. Quindi con ogni probabilità, dicono a Palazzo Valentini, il vertice sarà fissato la settimana successiva, tra il 14 e il 16 gennaio.

Ma oltre ai rappresentanti politici il prefetto convocherà anche i responsabili dell’amministrazione comunale: "Il Comune per primo, con la polizia locale, deve effettuare i controlli sulla regolarità delle affissioni e degli impianti utilizzati". Stando ai dati diffusi, alle ultime consultazioni regionali (quelle del marzo del 2010) sono stati circa 19mila i verbali di contravvenzione elevati dalla polizia municipale a fronte di altrettante affissioni non a norma.

Pecoraro e il suo staff stanno seguendo passo passo anche l’inter della legge sull’incadidabilità che affida funzioni di controllo proprio alle prefetture. "Al momento la legge non è ancora stata approvata - dice il prefetto - stiamo aspettando. Nel frattempo, però, i funzionari effettuano comunque i loro controlli in base alla normativa vigente. Se la nuova legge inserirà altri vincoli li faremo rispettare".

LA CHIESA DELLA SANTISSIMA TRINITA' DEI PELLEGRINI UMILIATA DALLA CAFONAGGINE ROMANA. RIPUGNANTE ACCROCCO ANTI-SOSTA SELVAGGIA

mercoledì 16 gennaio 2013

Quella che vedete nella foto è la Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini. Una delle più belle e importanti chiese del settecento romano, opera di Francesco de Sanctis, lo stesso architetto che ideò la scalinata della Trinità dei Monti in Piazza di Spagna. Il volgare accrocco che la umilia in maniera indecente e inaccettabile è stato messo lì dalla Polizia Municipale presumibilmente per scongiurare la sosta selvatica davanti alla chiesa. Solo il tanto che basta ai fedeli per entrare, a quanto pare, perché la sosta selvatica viene tuttora praticata (notare la Fiat 5OO in sosta sulla sinistra, in quello che è un PASSAGGIO PEDONALE). Al di là della sconcezza dell'accrocco fotografato (una pecionata vergognosa) che davvero solo un buzzurro poteva concepire e mettere in atto, quello che rileviamo in questa fotografia è la totale mancanza di un arredo urbano efficace. Sarebbe bastato istallare dei paletti dissuasori anti-sosta per  proteggere il passaggio pedonale e scongiurare la sosta selvatica. Ma a quanto pare il romano cafone preferisce affidarsi al fai-da-te. Con risultati grotteschi.

LA CHIESA DI SAN GIORGIO IN VELABRO COMPLETAMENTE TRANSENNATA COME FOSSE UN'AREA CANTIERE! IL SOLITO CIMITERO DI LAMIERE! SONO TORNATI GLI UNNI?

martedì 15 gennaio 2013












Ha sopravvissuto a guerre, bombe, devastazioni, ha sopravvissuto perfino a un attentato terroristico. Oggi, la martoriata (ma bellissima) Chiesa di San Giorgio al Velabro subisce una ulteriore umiliazione da un popolo di moderni Unni incivili. Totalmente transennata con vergognosi, demenziali moncherini di metallo, un girotondo dell'orrore che fa gridare vendetta alle poche persone civili che ancora abitano questa città marcia. Immancabile il cimitero di lamiera attorno, macchine, camioncini, tir e altre pachidermiche montagne di merda. Sono tornati gli Unni?

A VIALE MARCONI I TOPI SCORRAZZANO GIULIVI TRA LE MONTAGNE DI SACCHI NERI DELL'IMMONDIZIA: UN VERO SUCCESSO LA DIFFERENZIATA ALLA CARBONARA!

lunedì 14 gennaio 2013


Con questa lettera intendiamo ringraziare il Presidente dell'Ama Benvenuti che questa settimana ci ha concesso un incontro per parlare dei problemi che l'introduzione della raccolta differenziata ha portato nel nostro quartiere.

Vogliamo inoltre elogiare l'opera di educazione alla raccolta differenzia che il Presidente sta portando avanti nelle scuole e speriamo che anche nel nostro municipio seguano eventi del genere. Auspichiamo un coinvolgimento più attivo anche da parte del Municipio XV, che forse poco ha fatto per rendere partecipi i cittadini dal 2010 ad oggi e poco fa per mano della Polizia Municipale, che potrebbe multare ma non lo fa.

Esponiamo anche a voi la nostra idea di istituire una sorta di "responsabile" di zona, un operatore che gestisca al meglio le aree a lui affidate. Noi pensiamo ad un operatore che raccolga i sacchetti dell'umido e dell'indifferenziata, che spazzi la zona circostante, che svuoti i cestini nei dintorni, che multi chi merita la multa ed informi i cittadini sul corretto differenziare. I netturbini coscienziosi che svolgono al meglio il proprio lavoro già lo fanno, sono troppi quelli che invece non lo fanno e si lasciano andare apertamente a sfoghi disarmanti tipo "io prendo 600€ al mese, sai quanto me ne frega dell'immondizia??!".

Onestamente non ci aspettavamo che dopo l'incontro con il Presidente la situazione qui a Marconi migliorasse dall'oggi al domani ma dobbiamo constatare che sta continuando a peggiorare velocemente ed in maniera preoccupante. Eravamo "abituati" alla presenza di topi nelle calde sere d'estate ma negli ultimi giorni è capitato più volte di vederli in pieno giorno fra la gente sulla frequentatissima e sporchissima Viale Marconi. Evidente segno che la sporcizia che noi vediamo e solo la punta dell'iceberg. Continuiamo quindi a chiedere ad AMA interventi mirati e costanti di pulizia delle strade, di rimozione dell'immondizia abbandonata in terra ed ormai anche una derattizzazione e disinfezione.

Il fallimento della raccolta differenziata a Marconi

La nostra email: differenziata.marconi@gmail.com
La nostra pagina facebook: http://www.facebook.com/pages/Il-fallimento-della-raccolta-differenziata-a-Marconi/264527147004114

L'ASSURDA VICENDA CARTELLOPOLI SULLE PRIME PAGINE DI REPUBBLICA ROMA: ATTESTATI DI STIMA E SOLIDARIETA' A UNO DEI MIGLIORI URBAN BLOG DI ROMA!

venerdì 11 gennaio 2013

Comunicato stampa Umberto Croppi (candidato Sindaco di Roma)

Condanna a Massimiliano Tonelli: Umberto Croppi "Gravissima la decisione di condannare chi denuncia il degrado di Roma".

In merito alla condanna a 9 mesi di Massimiliano Tonelli, giornalista e blogger romano, responsabile del sito "Cartellopoli" che denuncia costantemente lo scandalo di cartelloni pubblicitari, abusivi e non, che devastano il territorio della Capitale, Umberto Croppi, candidato a Sindaco di Roma, dichiara: "Appare inspiegabile e gravissima la sentenza che ha condannato in primo grado a nove mesi di carcere Massimiliano Tonelli. Al di là degli aspetti tecnici della sentenza e oltre la piena solidarietà ad un coraggioso e valente giornalista, non si capisce come chi denuncia abusi possa essere ritenuto istigatore di reati contro chi è palesemente in violazione della legge".

"La questione degli impianti pubblicitari nella Capitale" - prosegue Croppi - "è uno degli elementi più evidenti del degrado estetico ma è anche una sacca di abusi e illegalità diffusa. L'atteggiamento dell'attuale amministrazione, come di quelle che l'hanno preceduta, è di totale assenza nell'opera di repressione e di lassismo nella regolamentazione."

Conclude il candidato Sindaco: "È da auspicare che questo incredibile episodio possa essere l'occasione per sottolineare lo scandalo che investe la nostra città in tema di affissioni e porre in maniera drastica la necessità di un impegno tassativo per chi si candida a governare Roma di reprimere l'abusivismo e liberare l'intero perimetro urbano da una forma invasiva, antiquata e pericolosa di pubblicità. Per quanto mi riguarda l'unico approccio possibile è quello della tolleranza zero".












Comunicato stampa Athos De Luca (Consigliere Capitolino del PD)

Cartellone selvaggio: De Luca (PD) condannato chi denuncia anziché i colpevoli scempio, Alemanno dia solidarietà a Massimiliano Tonelli di Cartellopoli

Il giornalista Massimiliano Tonelli che gestisce il sito "Cartellopoli" per una sacrosanta battaglia contro lo scempio del degradante fenomeno di cartellone selvaggio è stato denunciato dal titolare di un impianto che era stato rimosso da alcuni cittadini impegnati i nquesta battaglia di civiltà. Il giornalista è stato condannato per istigazione a delinquere per aver denunciato lo scempio dei cartelloni. In attesa degli esiti definitivi del giudizio non possiamo che rimanere stupefatti per questa sentenza e sarebbe opportuno che il Sindaco di Roma responsabile insieme all'assessore Bordoni dell'invasione abusiva dei cartelloni pubblicitari esprimesse piena solidarietà a questo cittadino che si batte per il decoro di Roma e oggi si trova paradossalmente denunciato per questo suo impegno civile, che trova origine proprio dalla inefficacia e inerzia del Campidoglio nel far rispettare le regole e stroncare questa forma incivile di abusivismo che costituisce anche un pericolo per la sicurezza dei cittadini. E' quando dichiara Athos de Luca, impegnato da anni contro l'arroganza e l'indecenza di cartellone selvaggio che che non è tollerato in nessuna capitale europea.

APRIRE UN BLOG CHE DENUNCIA LA MAFIA CARTELLONARA E RITROVARSI CON UNA CONDANNA A 9 MESI PER ISTIGAZIONE A DELINQUERE. ACCADE A CARTELLOPOLI...

giovedì 10 gennaio 2013

Aprire un blog di denuncia contro il degrado e l'illegalità a Roma può farti finire in galera. E' quanto rischia di accadere al blogmaster di Cartellopoli, "reo" (?) di aver denunciato il proliferare di centinaia di migliaia di abominevoli cartelloni abusivi che hanno trasformato la città di Roma nella Grande Selva Burina (come testimoniato dalla grottesca foto qui sopra) e di aver dato voce e spazio a cittadini esasperati da questo tsunami di volgarità peracottara. Una "colpa" veramente inaccettabile nella capitale mondiale dei cartelloni, tanto che questa meritoria opera di denuncia è stata derubricata a mera "istigazione a delinquere".

Ricordiamo che Cartellopoli è l'unico spazio, insieme a Basta Cartelloni a Roma, ad aver condotto un'opera di denuncia seria e sistematica contro l'invasione dei cartellonari. Per il resto su questo volgare stupro della città è calato un silenzio tombale, come un immenso banco di nebbia. Affossare l'unico avamposto contro l'invasione barbarica cartellonara equivale a condannare una città intera a vivere nella merda vita natural durante. Se i blog antidegrado non vengono nemmeno riconosciuti nella loro opera meritoria, ma vengono addirittura infangati da accuse infamanti (manco fossero ritrovi da ultras!) allora tanto vale chiuderli e allontanarsi il più possibile dalla terra dei cachi e di pulcinella, in cerca di un paese che abbia standard di civiltà adeguati ai tempi che corrono.

Una sola domanda ci sentiamo di porre, non sappiamo bene a chi ma la facciamo lo stesso. Che fine hanno fatto le centinaia di denunce presentate da Cartellopoli contro impianti irregolari e/o abusivi? Che fine hanno fatto le richieste di centinaia di romani di un intervento della magistratura per indagare sul Grande Scempio cartellonaro?

Esprimiamo totale solidarietà a Massimiliano Tonelli e al BENEMERITO blog Cartellopoli.

Per chi volesse approfondire la vicenda, vi rimandiamo all'articolo di ieri di Cartellopoli.

Riprendiamoci Roma

IL CARTELLO DI DIVIETO DI SOSTA? NUN C'E' PROBLEMA! ESEMPI EMBLEMATICI DI COME UN ARREDO URBANO SBAGLIATO POSSA GENERARE IL CAOS. E I PIZZARDONI POI...

mercoledì 9 gennaio 2013

Ecco due esempi emblematici di come un arredo urbano fatto coi piedi (con la complicità dei pizzardoni) possa generare il caos. Nel primo caso abbiamo un segnale di divieto di sosta con tanto di avviso zona rimozione. Ma ciò non scoraggia l'autista dell'auto, che difatti se ne fotte bellamente e parcheggia come se niente fosse. Forse ingannato dalla striscia in terra, di quello che dovrebbe essere un camminamento pedonale e invece viene scambiato per una striscia di parcheggio consentito. Se quell'area è pedonale allora perché non realizzare un bel marciapiede? Forse per dà una mano ai furbetti...


Nel secondo caso, abbiamo ancora un segnale di divieto di sosta con zona rimozione, ma il furgone (e parecchie auto più avanti) sono comunque in sosta. Anche qui ingannate da una carreggiata di dimensioni abnormi e da una sorta di riga in terra che farebbe pensare a una zona di parcheggio. Peraltro siamo a pochi metri dall'Ambasciata di Spagna. Anche qui, va ristretta la carreggiata e allargato il marciapiede (possibilmente fatto meglio di quella zozzeria che si vede in foto). Ovviamente nessuna auto aveva una multa sul cruscotto, ma questo è scontato...

A META' TRA LA SATIRA E LA DENUNCIA, UN NUOVO URBAN BLOG SUI GENERIS DI LOTTA AL DEGRADO: ALEMANNO E I VIGGILI URBANI!

martedì 8 gennaio 2013


Si chiama Alemanno e i ViGGili Urbani, e l'approccio è a metà tra la satira e la denuncia del degrado urbano (in particolare sosta selvaggia e inefficienza dei "pizzardoni"). Con il suo linguaggio volutamente sopra le righe (un po' alla "Dagospia" per intenderci, o, perché no, alla "Riprendiamociroma"), spiattella in faccia ai romani tutta la peracottaggine, la buzzurraggine, l'inefficienza dell'amministrazione cittadina. Seguitelo perché è veramente divertente e pungente nelle sue denunce!

Ormai la quantità di urban blog di denuncia (molti dei quali di grande qualità) sta raggiungendo livelli degni di attenzione. Abbiamo un pubblico vasto e preparato, e tra aggregatori di notizie e social network raggiungiamo una quantità di persone sempre maggiore. La crescita del seguito di questi blog è esponenziale e sembra non volersi arrestare. Presto chi non metterà la lotta al degrado e la restituzione di condizioni di decoro e vivibilità di livello europeo finirà sistematicamente nel fango.

ANNO NUOVO, VECCHIO CHE AVANZA: LE PECIONATE ALLA ROMANA NON PASSANO MAI DI MODA. I MANIFESTI DI ZINGARETTI

lunedì 7 gennaio 2013


Bentrovati a tutti e buon anno! La campagna elettorale è alle porte e la città si appresta nuovamente ad essere totalmente incartata. Forza con le segnalazioni, ci aspetta un anno di duro lavoro. Intanto beccatevi i manifesti di Zingaretti, che seppur non abusivi (come giustamente segnala Roma fa Schifo, è presente il timbro del Comune sulla "M" di  "IMMAGINA") sono il segno di come la campagna elettorale qui a Roma viene ancora concepita con le logiche dell'incartamento selvaggio.

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO