Volontari antidegrado a Via Merulana

lunedì 21 maggio 2012

Mercoledi scorso Riprendiamoci Roma ha organizzato una nuova passeggiata antidegrado a Via Merulana. La situazione che abbiamo trovato rispetto ai nostri precedenti blitz è a dire il vero migliorata. Le affissioni di vendesi e agenzie immobiliari sono praticamente scomparse, salvo sporadiche eccezioni. Anche i manifesti elettorali, sebbene ancora presenti (specie quelli di Casa Pound), risultano decisamente diminuiti. Quello che invece continua a proliferare sono gli stickers dei traslocatori e dei serrandari e la pubblicità di bassissimo livello dei negozi di cineserie o di fantomatici corsi di meditazione orientale. Così ci siamo concentrati su quelli:



Qui vedete Stefano, Marco, Les e Giovanni in azione. Ecco a voi la fine che fanno gli stickers e le pubblicità appiccicati sul marmo dei palazzi e sui lampioni. Anche un manifesto elettorale del PD appiccicato su un cassonetto ha fatto una brutta fine. In tutto avremo staccati un centinaio di stickers e una trentina di affissioni.


Qui vedete uno dei rari casi di vendesi che ancora resistono nella zona (che, lo ricordiamo, è quotidianamente bonificata dal nostro Giovanni). Questo cartello grida vendetta, pensate che è stato attaccato con dei chiodi direttamente addosso all'albero. Una vergogna. E ovviamente abbiamo provveduto noi a rimuoverlo.












Sul finale ci siamo anche dedicati a un gruppo di manifesti abusivi che protestavano contro l'apertura della discarica a Villa Adriana. Intendiamoci, noi siamo contrarissimi all'apertura di discariche in generale, tanto più a pochi metri da un sito che è Patrimonio dell'Umanità. Dovremmo vergognarci anche solo di aver pensato a una simile opzione. Vi immaginate i turisti del mondo civile che dovessero visitare la Villa tra le puzze e i miasmi della discarica? Ma non ci vergogniamo? A pensare ancora, nel 2012, a costruire discariche? Ma che popolo di peracottari incivili siamo?


Comunque i manifesti erano abusivi, peraltro affissi su un caseggiato di non chiara origina (una chiesa sconsacrata e in rovina?) ma recante la scritta "Comune di Roma". Come potete vedere dalle foto, li abbiamo estirpati tutti.


Ecco fatto. La lasagna cartacea è venuta giù senza opporre resistenza. E questa è la fine che devono fare tutti i manifesti abusivi. E durante la prossima campagna elettorale torneranno nuovamente all'opera i cittadini stacchini!


La nostra passeggiata è finita qui, ma ce ne saranno sicuramente delle altre. A breve vorremmo coinvolgere i commercianti in un'opera di pulizia delle proprie saracinesche, offrendoci come volontari per poterle ripulire o ripitturare. Chi volesse partecipare alle nostre passeggiate non deve far altro che contattarci al nostro indirizzo email, e verrà inserito nella nostra mailing list e contattato al momento opportuno. A presto!

6 commenti:

Les ha detto...

"Il prefetto Pecoraro rispetti la legge".

E lo faccia pure il Comitato Spontaneo "Salviamo Villa Adriana", affiggendo legalmente i suoi manifesti, senza imbrattare la città.

In ogni caso, la discarica per sostituire Malagrotta, andrà comunque fatta, non a Villa Adriana, non a Corcolle, ma da qualche altra parte sì. E' necessaria, non se ne scappa.

A prescindere dall'aumento della raccolta differenziata, da tutti fortemente auspicato, serve un luogo per il deposito e lo smaltimento dei rifiuti non riciclabili o compostabili.

Opporsi a prescindere, significa voler ignorare la realtà dei fatti, Riprendiamoci.

Anonimo ha detto...

D'accordo, ma gestita poi con bando internazionale e non data al solito tizio asso pigliatutto (--> Malagrotta)

Matteo ha detto...

Grazie mille!

Anonimo ha detto...

Anche Alemanno si è opposto alla discarica a Villa Adriana ma non ho capito per quale motivo la decisione spetta a Pecoraro.

Manuele Mariani ha detto...

bravi, è proprio sugli adesivi e i manifesti, che bisogna puntare le prossime operazioni di volontariato anti degrado.
avanti così !

Anonimo ha detto...

Bravissimi. Grazie mille. Ma perchè i vigili non li multano visto che ci sono numeri di recapito? That's too much work, I guess!!!

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO