Il raccapricciante suk di Piazzale Flaminio

lunedì 2 aprile 2012

Mettetevi comodi, prendetevi un antiemetico e godetevi il solito spettacolo supercafone che Roma offre al mondo. Siamo a Piazzale Flaminio e la situazione è quella che vedete. Un orrendo, demente, allucinante suk che invade, insozzandola, tutta la piazza. Guardate le foto. Guardate che schifo. Guardate come hanno ridotto Roma. Guardate la cafonaggine con cui viene umiliata Porta del Popolo, la storica porta di ingresso al centro di Roma. E guardate come gli zozzari trasformano il piazzale in una discarica, gettando via stampelle, cartoni, cartacce, imballaggi. Guardate i camion degli zozzari parcheggiati in sosta vietata in curva. Il tutto in completa nonchalance, senza che nessuno muova un dito.



Scene forti non è vero? In qualsiasi paese civile simili spettacolini sarebbero semplicemente inaccettabili. Qui da noi sono la regola, e infatti noi siamo tutto meno che un paese civile. Siamo un paese di peracottari, alcuni con le pezze al culo, altri ripuliti, con la capezza e il dente d'oro. Ma sempre peracottari siamo.


Ma non è solo un fatto di cattivo gusto (in questo, si sa, noi romani siamo all'avanguardia). Alla base c'è un problema molto più serio. Ce lo spiega Alfonso Ippolito, Presidente dell'Associazione Esercenti di Via Flaminia, in questa intervista al Messaggero: "I Vigili del Fuoco, venuti mesi fa per il sopralluogo, hanno ribadito che nel caso si verifichi un incidente o un incendio dentro o a ridosso della metro in Via Alberto Ferrero, tappetini, teli e bancarelle renderebbero impossibile il passaggio dei mezzi di soccorso".


Dunque in caso di incidente, incendio, attentato, i bancarellari costituirebbero un ostacolo potenzialmente in grado di provocare une strage. Hanno tappato la via di fuga. Lo dicono i Vigili del Fuoco. Ma niente da fare. Gli zozzari non se toccano. A noi ce piacciono e quindi restano lì dove stanno.


Dobbiamo mettercelo in testa una volta per tutte. A Roma si riesce a spostare tutto tranne i mutandari. Pazienza che evochino scenari da terzo mondo, da favela di Calcutta o giù di lì. Pur di salvare il pittoresco mondo di pataccari e venditori di banane vale addirittura la pena di rischiare una strage, in caso di incendio o attentato in metro. Impossibile resistere al fascino cafone del mercatino. Bordoni li vuole perfino davanti al Colosseo. Avete letto?


A far da contorno a questo miscuglio di zozzate, le usuali scenette di sosta selvatica, gli immancabili cartelloni abusivi, la tradizionale "favelas giornalara" alla romana. Chi dobbiamo ringraziare? Questo dossier di foto ce lo manda Les.




14 commenti:

wanderobo ha detto...

tranqulli, è tutto autorizzato, la giunta Bordoni, Tredicine, Cassone è riuscita là dove la sinistra in 30 anni aveva solo chiuso un occhio, aumentare e legalizzare tutto lo schifo presente in città, loro lo chiamano mettere a reddito il suolo pubblico, noi lo chiamiamo più semplicemente suk o, in termini tecnici, economia del degrado, ma ha detto bene il bloggista, "a noi ce piace così". Per chi aspettava una svolta da una giunta d destra in termini di ordine e legalità si sta sta pentendo amaramente, ma la sinistra che nel 2013 verrà non promette nulla di buono, però abbiamo una soluzione:
la pista di sci a OStai, così i soldi che risparmiamo comprando stracci, la possimao investire in una bella settimana bianca a casa di Bordoni.... non so se ridere, piangere, incazzarmi, o più semplicemente, tristemente e inveitabilmente, rassegnarmi, parafrasno un celebre film (300) potrei gridare al turista che mi si presenta di fronte:
"QUESTA è ROMA!"

Anonimo ha detto...

Madonna che lerciume...

Anonimo ha detto...

Riferito al primo commento: NO, questa non è Roma, questa E' MERDA.

Chi dobbiamo ringraziare per lo stato di assoluto degrado in cui versa la Capitale? Il sindachetto Alemanno, i suoi sodali bordoni, tredicine e, non ultimo, l'inqualificabile cassone. Che schifo di città.

degradodivarese ha detto...

invece sono proprio giusto i CENTURIONI che apprezzano i Turisti e rallegrano un pò l'Area ! via camion bar, bancarelle e cingalesi con porcate cinesi.. inece SI ai Centurioni !
m. mariani

Anonimo ha detto...

I soliti post razzisti. Che male vi fanno un po' di bancarelle?

Les ha detto...

Non trolleggiare. I proprietari delle bancarelle da quarto mondo e coloro i quali rilasciano le licenze all'Assessorato al Commercio e gli permettono di stare lì, sono ITALIANISSIMI. Niente razzismo.

Anonimo ha detto...

eccolo!!! l'ineffabile BORDONI, che ha tirato fuori una delibera anni '80 per tutelare i bancarellari (al colosseo in questo caso)... qui quanto scrito su repubblica

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/04/04/news/colosseo_continua_l_invasione_di_bancarelle_met_postazioni_sarebbero_abusive-32718412/

"Dall'assessorato al Commercio recuperano una delibera del 1988 come riferimento normativo alle autorizzazioni per camionbar".

Anonimo ha detto...

MULTATE QUEL GIORNALARO A P.LE FLAMINIO!!! E' UNO SCHIFO FARE IL BUCATO COI MANIFESTI SUI PARAPEDONALI!!! MULTATELO!!!

Anonimo ha detto...

Ma dove siamo? Pare de stà a Calcutta!

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 11:53. Segnalalo ai PICS. Provvederanno a far rimuovere i cartelli e a multare.

Anonimo ha detto...

Pardon intendevo anonimo delle 10:06

degradodivarese ha detto...

tutti dal giornalaio di p.le flaminio a defiggere i suoi panni abusivi ! C' MON

Anonimo ha detto...

Piazzale Flaminio tra l'ingresso di villa Borghese e porta del Popolo, accesso al centro storico di Roma, dichiarato patrimonio dell'umanità, pare un girone dantesco! Hanno investito pure risorse economiche per restaurarlo. Assessori e sindaco andate a cagare!

Anonimo ha detto...

Ma fatela finita va che è il vostro perbenismo borghese a rovinà sta città. Questo sarebbe il degrado? Le bancarelle fuori Pzale Flaminio? Le auto parcheggiate male (che fanno incazzare anche me?). Io da quelle parti trovo più lercio e allucinante il trasporto pubblico e le stazioni di Flaminio (Rm/Vt compresa).
O lo stato d'abbandono di Villa Borghese.

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO