Abusivo? Non ti voto!

lunedì 30 aprile 2012

Così vanno le cose a Roma, capitale del più incivile, zozzo e barbone tra i Paesi Europei. Un gruppo di cittadini e politici illuminati apre un blog per denunciare la piaga dei manifesti elettorali abusivi e invitare la gente a non votare gli zozzoni. Ai romani, da sempre abituati a votare il faccione del politico che insozza di più, bisogna insegnargli le buone maniere. Pian piano ce la faremo. Seguite il blog, segnalate le foto dei politici zozzoni e mi raccomando non votate chi insozza la nostra città!

Blitz anti-stickers a Marconi

venerdì 27 aprile 2012

Nei giorni scorsi il blog Degradomarconi ha organizzato insieme con i volontari di Riprendiamociroma una passeggiata antidegrado nel quartiere Marconi. Crediamo sia il modo migliore per rispondere alle critiche piovute in questi giorni circa la bontà del nostro operato. In quasi due ore di blitz abbiamo rimosso un centinaio di stickers e ripulito saracinesche, pali e contatori dallo schifo attacchinaro. L'importanza di ripulire la città da questi adesivi non è solo un fatto estetico, ma è anche una lotta all'illegalità e al principio che chi vuole può accomodarsi e sporcare come e quanto vuole senza che nessuno gli metta i bastoni tra le ruote. Forse qualcuno pensava che dietro a questo business ci fossero semplici spurgatori o traslocatori? Provate a farvi due calcoli. Prendete una via e provate a contare quanti stickers trovate affissi. Provate ora a fare una rapida stima del numero di stickers che si possono trovare attaccati in tutta Roma. Questo vi darà una grossolana idea dell'entità dell'investimento (in termini di adesivi e attacchini).


Oltre a ripulire il quartiere dagli stickers abbiamo rimosso volantini pubblicitari e affissioni abusive di vendesi. Per chi volesse partecipare alle nostre passeggiate antidegrado, non esitate a contattarci! E ricordatevi l'appuntamento per il Decoro Day del 5 maggio! Godetevi un paio di prima/dopo.







AVVISO: Sesto Decoro Day!

mercoledì 25 aprile 2012
SABATO 5 MAGGIO 2012 (ORE 10.00)

APPUNTAMENTO: PIAZZA IRNERIO (ANGOLO VIA BOCCEA)


6° DECORO DAY NEL 18° MUNICIPIO

RIPULIAMO IL QUARTIERE


Coordinati dal 18 Municipio, associazioni, comitati, volontari e cittadini insieme per un quartiere più pulito e vivibile.

La sporco non è il nostro ma il quartiere sì!

Sostengono l’iniziativa:

- I volontari del 18° Municipio
- RIPRENDIAMOCI ROMA
- CITTADINANZATTIVA
- RETAKE ROME
- ASS. BASTA CARTELLONI
...assieme a tutti i cittadini che hanno voglia di dare una mano!


Vuoi partecipare alle prossime iniziative? Contattaci!

In merito all'Interrogazione di Gianna Filardi

lunedì 23 aprile 2012
Nei giorni scorsi sono stato messo al corrente (lo avrete già letto su altri blog) dell'interrogazione presentata dalla consigliera del XVIII Municipio Gianna Filardi al Presidente Giannini in merito all'organizzazione del Decoro Day. Nella suddetta interrogazione si parla del Decoro Day come di uno "spot pubblicitario", in cui i volontari "simulavano la spazzatura", frase che in italiano non ha alcun senso, ma che allude probabilmente al fatto che noi tutti eravamo lì a fare una sorta di recita teatrale, o qualcosa di simile.

Presentare una interrogazione è cosa assolutamente legittima e auspicabile quando risponda a una richiesta di trasparenza (ad es. per conoscere i costi di questi interventi). Quello che invece è inaccettabile è il tono usato nella suddetta, e le accuse esplicite lanciate non solo a un avversario politico, ma a un movimento intero di cittadini e volontari che da anni si battono per riportare il decoro in questa città infestata dai barbari, senza chiedere un euro a nessuno. Accuse basate, a quanto si afferma nell'interrogazione, su dicerie di non meglio identificati "alcuni cittadini".

Trovo quindi inutile dilungarmi ulteriormente nel rispondere a queste accuse, anche se, in qualità di co-organizzatori del Decoro Day, ci sentiamo in ogni modo chiamati in causa. E' chiaro che si sta parlando di aria fritta, del solito teatrino della politica da cui noi siamo sempre rimasti fuori. Per cui continuate pure a scannarvi tra di voi, ma fateci sapere almeno chi sono questi "cittadini" che hanno parlato di noi volontari in questi termini. Perché ci piacerebbe moltissimo poterci scambiare due chiacchiere.

D'altra parte non siamo certo dei novellini e non dobbiamo star qui a giustificare il nostro operato. Di noi e della nostra attività di volontari antidegrado hanno parlato i più importanti quotidiani nazionali.


Da Repubblica al Corriere della Sera (solo per citare i due più importanti) linkiamo solo qualche titolo:

Writers, ecco i volontari anti-scritte. L'Iniziativa del Blog Riprendiamoci Roma: "chiamateci per cancellare i graffiti e lo faremo gratis".

Manifesti elettorali, blitz dei "cittadini stacchini".

I cittadini stacchini puliscono Roma.

I cittadini stacchini aumentano e contagiano Alemanno. Il sindaco: "Splendido che i cittadini si organizzino: chiediamo un disarmo bilanciato tra i diversi candidati".

I cittadini contro i manifesti abusivi. Armati di raschietto e santa pazienza, dal centro alla periferia si susseguono le azioni antidegrado: sempre più persone puliscono i muri.

Cittadini stacchini, due nuovi blitz.

Insomma, siamo sulla Cronaca di Roma, non su quella di Napoli o Milano. Com'è possibile che un consigliere municipale di questa città ancora non sappia chi siamo e ci scambi per miseri figuranti? Addirittura la ZDF (la "Rai Due" tedesca) si è scomodata per contattarci e ha parlato di noi nel TG delle 20.

Ma anche ammesso che la Filardi non abbia mai sentito parlare di noi, per fugare ogni dubbio su queste calunnie mosse da ignoti "cittadini" sarebbe bastato dare un'occhiata al nostro blog. Ecco i nostri interventi, al di fuori del Decoro Day, solo nel XVIII Municipio:

06/09/10 - Piazza Irnerio, Via Baldo degli Ubaldi, Circonvallazione Cornelia
27/09/10 - Via Baldo degli Ubaldi
11/10/10 - Viale Marconi, Piazza Irnerio, Via Baldo degli Ubaldi, Via Leone XIII
15/10/10 - Via Giovan Battista Gandino
23/11/10 - Via Baldo degli Ubaldi
31/01/10 - Piazza Irnerio, Via Baldo degli Ubaldi, Circonvallazione Cornelia
07/01/11 - Via Baldo degli Ubaldi
08/06/11 - Parco del Pineto
20/06/11 - Via Baldo degli Ubaldi



Il Decoro Day non è una recita ed è nato solo a seguito di una nostra costante azione di lotta al degrado proprio nel XVIII Municipio. E quando la Filardi scrive, a margine dell'interrogazione, "le condizioni di decoro e pulizia del quartiere, così come constatato da me direttamente, non sono minimamente cambiate", a noi scappa un sorriso. Perché non siamo noi a doverci far carico di mantenere pulito il quartiere. Noi cerchiamo di lanciare un messaggio, di invertire una tendenza. Così come c'è gente che si diverte a sporcare, beh, sappiate che da oggi c'è anche gente che si preoccupa di ripulire. Così come c'è gente che si diverte ad attaccare manifesti e a scrivere sui muri, sappiate che c'è anche gente che quei manifesti li stacca e quelle scritte le cancella. Gente che non si rassegna a lasciare la propria città in mano agli zulù.

Gentile Filardi, se ancora non dovesse essere convinta della bontà del nostro operato, venga a trovarci al prossimo Decoro Day e le sarà tutto chiarissimo.

Riprendiamoci Roma

Ma si può vivere in una città così?

venerdì 20 aprile 2012

Il tasso di inciviltà degli "animali" che infestano la nostra città ha ormai raggiunto livelli grotteschi. Non so se ci rendiamo conto di quanto agli occhi dei cittadini del mondo civile noi siamo visti come un popolo di volgari zozzoni. L'imbarbarimento generale sembra inarrestabile. In tutto questo l'AMA ha totalmente rinunciato a pulire le nostre strade. Ecco il risultato.

Un popolo di pazzi furiosi

giovedì 19 aprile 2012

In Italia funziona così. Se apri una attività hai bisogno di certificati di prevenzione incendi, CPI, DIA, pareri sovrintendenze, visti, rivisti, cazzi, controcazzi, bollini, antimafia, e altre follie varie. Ma se c'hai l'amici sei assolutamente libero di piazzare un immondo suq da quarto mondo dove ti pare e quando t ipare, davanti ai monumenti, perfino alle uscite della metro. Sei perfino libero di piazzare un banchetto di patacche davanti alla vetrina di un negozio, oscurandola e vendendo la stessa merce che si vende lì dentro, ma taroccata. I Made in China tarocchi importati freschi freschi nei cartoni di banane. La cosa più grave è sicuramente il suq davanti alle uscite delle stazioni metro. Qualsiasi vigile del fuoco interpellato per una consulenza ti spiegherebbe (noi lo diciamo da anni!) che in caso di incendio o attentato all'interno della metropolitana una via di fuga ostruita rischia di causare una strage. Ma a noi non ce ne frega un emerito cazzo! Passi pure il cattivo gusto, passi pure l'"effetto Bangladesh" che colpisce il turista appena arrivato dal mondo civile, raccapricciante biglietto da visita gentilmente offerto ai poveri malcapitati. Ma si potrebbe almeno garantire la sicurezza, spostando i bancarellari un po' più là? Non sia mai. All'uscita della metro c'è più gente. Insomma, siamo un popolo di pazzi furiosi. Cosa aspettiamo a bonificare questa città dai moderni barbari?

Leggetevi questo bell'articolo di Repubblica, l'ennesima denuncia vana.

AVVISO: PASSEGGIATA ANTIDEGRADO

mercoledì 18 aprile 2012
Stasera è in programma una Passeggiata Antidegrado. Chi fosse interessato a partecipare, può contattarci al nostro indirizzo email: riprendiamociroma@yahoo.it

Il valzer dei manifesti abusivi

martedì 17 aprile 2012


Oggi sono passato per Via Nomentana e ne ho approfittato per fare le foto ai manifesti che ricoprono i muri all'angolo con Viale Regina Margherita: la Destra e il dj set Dreier-Zappalà, da una parte; il convegno "Anziani valore aggiunto", l'IDV, la CGIL e, soprattutto, il presidente dell'Assemblea capitolina Pomarici del PDL (ve lo ricordate?) che ci augura una sincera "Buona Pasqua" insieme al consigliere Buonincontro del municipio XI, dall'altra parte, sui muri di Via Nomentana. Questa la situazione dei manifesti abusivi alle 11.45 circa del mattino.








Alle 13 ripasso per Via Nomentana e scorgo da lontano un attacchino che incolla nuovi manifesti su quelli vecchi da me fotografati un'ora prima! Il tempo di raggiungere il muretto dei manifesti che l'attachino se n'è già andato.

Questa la situazione alle 13.15: manifesti di Pomarici coperti dai nuovi manifesti della Giunta "provinciale" Zingaretti e da quelli del Movimento per Roma di Michele Baldi:



Gli stessi manifesti, soprattutto quelli di Zingaretti, li ho ritrovati anche sui cartelli parcheggio della Clear Channel nello spartitraffico di Via Nomentana, fino a Porta Pia.


Complimenti allo sconosciuto Michele Baldi per l'esordio in grande stile nel club degli imbrattatori politici. Complimenti alla Giunta Zingaretti che ci aiuta nel consolidare la tesi che il centrosinistra non è ancora credibile sul decoro urbano. (Les)

Il viaggio da San Pietro a Trastevere

lunedì 16 aprile 2012


Stazione S. Pietro, aspetto il regionale per Trastevere, 2 fermate. Arriva il treno, coperto di graffiti sui finestrini, all'interno non si vede nulla! Sceso a Trastevere, sotto le scale del binario, venditori abusivi di calzini e di borse. Benvenuti a Roma, turisti! (Les)

Il quotidiano orribile suk romano. I taggaroli e i venditori di calzini. Guardate che schifo. Sono scene da quarto mondo che non meritano nessun commento, solo disprezzo e schifo nei confronti dei responsabili di un simile scempio. Viviamo peggio degli animali, e c'è chi non ha problemi a viverci. Noi non siamo tra questi.


I PICS? Funzionano alla grande!

venerdì 13 aprile 2012
Buongiorno,
vi segnalo che il muro ad angolo tra Viale Colli Portuensi e Largo Nostra Signora di Coromoto, è utilizzato per affiggere poster, affissioni editoriali e cartelli affittasi-vendesi. Se ne richiede la rimozione e relativa sanzione dei committenti, in riferimento all'ordinanza 37/2010 del sindaco di Roma.

In attesa di un Vs. riscontro, porgo cordiali saluti. (Les)











Questa l'email inviata da Les ai PICS qualche settimana fa. Nel giro di pochi giorni, i PICS ci hanno risposto, dandoci conto della completa rimozione dei cartelli abusivi, allegando le immagini che vedete sopra e annunciando sanzioni per i trasgressori. Complimenti dunque ai PICS, abbiamo finalmente un servizio efficiente per la lotta al degrado, che funziona davvero (ricordate il precedente?). E voi, cosa aspettate a segnalare ai PICS analoghe situazioni di degrado?

Pomarici e i manifesti abusivi

martedì 10 aprile 2012
Scattate stamattina a Piazza Carpegna (ricorderete il Decoro Day di qualche mese fa e successive affissioni). Oggi la location è utilizzata dal presidente dell'assemblea capitolina di Roma Capitale per le sue affissioni abusive (pensa un po'!). Resti di lasagna, secchi mollati, cornice abbastanza schifosa. (Stefano).


Evidentemente questi metodi pecorecci e villani di fare bassa politica d'immagine tornano ancora utili. La colpa è dei romani che continuano a votare chi insozza la propria città. Ma si può essere più idioti?

V Decoro Day: i volontari ripuliscono il XVIII

venerdì 6 aprile 2012

Sabato 31 marzo, nella zona di Porta Cavalleggeri, proprio a ridosso della Basilica di San Pietro, si è svolta la quinta edizione del Decoro Day organizzato nel XVIII Municipio e dai volontari, in collaborazione con gli urban blog romani. Grande soddisfazione tra gli abitanti del quartiere che sono scesi a complimentarsi con i volontari e il Presidente del Municipio. In qualità di blogger e volontari abbiamo acquisito nuovi contatti, ed è probabile che il Decoro Day possa crescere e allargarsi sempre di più. Come sempre l'invito è quello di prendere esempio da questa positiva esperienza e replicarla in tutti gli altri Municipi di Roma. Ecco il report e le foto dell'iniziativa inviate da Les e Franco.


Appuntamento alle 10 di mattina a Porta Cavalleggeri. Presenti i Volontari per il Decoro XVIII Municipio con il Presidente Giannini, gli agenti PICS e squadre dell'AMA, i volontari dei blog Riprendiamoci Roma (Stefano, uno dei promotori dell'iniziativa, Franco e Les), l'Associazione Basta Cartelloni a Roma, Cittadinanzattiva e tanti abitanti stufi del degrado che hanno voluto contribuire alla pulizia del quartiere. Era presente anche un giornalista dell'ANSA.

Partendo da Via delle Fornaci-Via Alessandro III, i volontari del XVIII municipio hanno provveduto a spazzare i marciapiedi e le strade, i volontari antidegrado hanno defisso adesivi e volantini abusivi, gli operatori al Decoro Urbano hanno riverniciato i muri di alcuni palazzi, cancellando tags e scritte vandaliche.















La defissione di adesivi ha interessato Via Alessandro III (tratto iniziale), Via Alcide De Gasperi, Via della Stazione di San Pietro (superfici: pali della segnaletica, lampioni, armadietti dell'elettricità, cassette postali, stipiti, cestini, segnali stradali).

Durante l'intervento di pulizia molti abitanti ci hanno fermato per congratularsi con i volontari e chiedere consigli sui problemi del quartiere (scritte sui muri, deiezioni canine, rovistatori di cassonetti, giardini sporchi etc.)



Arrivati alla Stazione di S. Pietro, gli operatori AMA con il presidente dell'azienda Benvenuti in persona e i volontari del XVIII municipio hanno sfalciato l'erba e ripulito i giardini di fronte all'ingresso. Nelle foto, inviate da Les e Franco, potete vedere alcuni interventi di rimozione degli stickers abusivi dei traslocatori, con tanto di prima-dopo.

Ringraziamo tutti i partecipanti al Decoro Day e invitiamo tutti al prossimo apuntamento, che si terrà tra un mese a Via Baldo degli Ubaldi, sempre nel XVIII Municipio. Tenetevi pronti!


Il raccapricciante suk di Piazzale Flaminio

lunedì 2 aprile 2012

Mettetevi comodi, prendetevi un antiemetico e godetevi il solito spettacolo supercafone che Roma offre al mondo. Siamo a Piazzale Flaminio e la situazione è quella che vedete. Un orrendo, demente, allucinante suk che invade, insozzandola, tutta la piazza. Guardate le foto. Guardate che schifo. Guardate come hanno ridotto Roma. Guardate la cafonaggine con cui viene umiliata Porta del Popolo, la storica porta di ingresso al centro di Roma. E guardate come gli zozzari trasformano il piazzale in una discarica, gettando via stampelle, cartoni, cartacce, imballaggi. Guardate i camion degli zozzari parcheggiati in sosta vietata in curva. Il tutto in completa nonchalance, senza che nessuno muova un dito.



Scene forti non è vero? In qualsiasi paese civile simili spettacolini sarebbero semplicemente inaccettabili. Qui da noi sono la regola, e infatti noi siamo tutto meno che un paese civile. Siamo un paese di peracottari, alcuni con le pezze al culo, altri ripuliti, con la capezza e il dente d'oro. Ma sempre peracottari siamo.


Ma non è solo un fatto di cattivo gusto (in questo, si sa, noi romani siamo all'avanguardia). Alla base c'è un problema molto più serio. Ce lo spiega Alfonso Ippolito, Presidente dell'Associazione Esercenti di Via Flaminia, in questa intervista al Messaggero: "I Vigili del Fuoco, venuti mesi fa per il sopralluogo, hanno ribadito che nel caso si verifichi un incidente o un incendio dentro o a ridosso della metro in Via Alberto Ferrero, tappetini, teli e bancarelle renderebbero impossibile il passaggio dei mezzi di soccorso".


Dunque in caso di incidente, incendio, attentato, i bancarellari costituirebbero un ostacolo potenzialmente in grado di provocare une strage. Hanno tappato la via di fuga. Lo dicono i Vigili del Fuoco. Ma niente da fare. Gli zozzari non se toccano. A noi ce piacciono e quindi restano lì dove stanno.


Dobbiamo mettercelo in testa una volta per tutte. A Roma si riesce a spostare tutto tranne i mutandari. Pazienza che evochino scenari da terzo mondo, da favela di Calcutta o giù di lì. Pur di salvare il pittoresco mondo di pataccari e venditori di banane vale addirittura la pena di rischiare una strage, in caso di incendio o attentato in metro. Impossibile resistere al fascino cafone del mercatino. Bordoni li vuole perfino davanti al Colosseo. Avete letto?


A far da contorno a questo miscuglio di zozzate, le usuali scenette di sosta selvatica, gli immancabili cartelloni abusivi, la tradizionale "favelas giornalara" alla romana. Chi dobbiamo ringraziare? Questo dossier di foto ce lo manda Les.




ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO