E adesso taggano perfino sui musei!

giovedì 1 dicembre 2011


L'invasione dei moderni barbari è ormai inarrestabile. Marcano il territorio come i cani selvatici quando pisciano in terra, e non si fermano davanti a niente. Questa volta hanno preso di mira la facciata del Museo Nazionale Romano "Crypta Balbi", a Via delle Botteghe Oscure. Non è dato sapere se la scritta sia ancora lì, ma è probabile che l'umiliante smerdata debba rimanere esposta per giorni e giorni, settimane, se non addirittura mesi, alla vista di turisti inorriditi, prima di essere malamente cancellata con qualche pecetta di vernice. Il problema non è affatto risolto. Contro questi puzzolentissimi cani selvatici CI VUOLE LA GALERA!

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Davvero pensate che questi microcefali siano in grado di distinguere una cabina telefonica da loro madre ?!

Dio, che pretese avete da questi "ORB"!

Mc Daemon

Anonimo ha detto...

Non c'è verso di beccarli tutti ..... Ma qualcuno qualche legnata l'ha presa!

Alessandro ha detto...

la galera, non mi stancherò mai di ripeterlo, è già prevista dal codice penale per questi reati. Il problema è che a Roma non credo ci sia una seria attività d'indagine per tagliargli le mani!

manuele mariani ha detto...

in quella via se non sbaglio c'è anche la sede distaccata del FAI, giusto ? loro come stanno messi ? e soprattutto, fanno quacosa contro il degrado e la sciatteria di Roma, o stanno a guardare ?

Rebel Yell ha detto...

Ma intanto inizierei con allestire un falso servizio di una TV locale sulla street art, intervistando i ragazzini che escono dai vari negozi che vendono pennarelloni e vernici a Roma. Qualche domanda di rito, tipo "la tua tag qual è" etc. etc. e poi la fatidica... "ma anche, dai, detto tra noi, di notte vai a taggare?". Dato che sono dei poveri esibizionisti, buona parte di loro ammetterà di farlo o di averlo fatto. Altri diventeranno paonazzi "se lo sanno mamma e papà" "se lo viene a sapere la scuola" etc. poi al termine della raccolta del materiale o si manda tutto in questura o, poco più avanti, si prendono i ragazzini a legnate.

Australopithecus Afarensis ha detto...

Soooo libberoooooooo e faccio come cazzo me pareeeee.
Butto a monnezza pe strada, me ne frego da'a raccorta differenziata (tanto la sorella der cognato de n'amica de mi cuggina ha dettoooo che buuuttanooo tutooinziemeee!!).
Er cagnolino dorce mio deve adesse libberooo pure lui de cacà per tera e abbaià 15 ore consecutive sur barcone de casa nostra..mò pijo a smart, accenno a radioooo e me sento Marioneeee, daje roma dajeee e lazzioo meerdaaaaa.
Oggi pommeriggio poi me faccio n'antro tatuaggio uguale a quello der Grande Fratellooo, ammmazzaaa quanto so ficooo
A stronzi sciallateee..taggo quanto me pare!!!!

Anonimo ha detto...

Ecco una sintesi del tipo di persona che fa i tag, descritto in questo video.
Che altro dire, questi so proprio dei poveracci. Mi fanno quasi pena.

Che poi dicono "non ci prenderanno mai". Bella forza non ve cerca nessuno. poracci

http://www.youtube.com/watch?v=WhbdlmwikBg&feature=related
Fabrizio

Fabrizio Vienna ha detto...

Ah e per rimanere in tema di writers. Eccoli qui su facebook con nomi e cognomi.

http://it-it.facebook.com/pages/-Writers-Roma-/168176976558954

Quindi voglio dire, qua sarebbe pure facile beccarli. se effettivamente si vuole.
la verità è che a nessuno je ne frega niente de sti sfigati

Rebel Yell ha detto...

...l'unico che aveva provato a fare qualcosa (il blog Tag is Crime) si è pure beccato una denuncia per diffamazione. Fate vobis.

Rik ha detto...

Date un occhiata !
http://www.forumhiphop.net/community/viewtopic.php?p=8634

Fabrizio Vienna ha detto...

Rebel, sai come è finita la denuncia?
Sai qualcosa di piu'?

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO