Nuovi blog antidegrado nascono...

mercoledì 31 agosto 2011


Nasce Degrado Marconi. Un nuovo blog antidegrado di quartiere, sul modello di Degrado Esquilino e San Lorenzo Resiste. Il nuovo blog si occuperà di ogni aspetto del degrado: scritte sui muri, affissioni abusive, cartelloni, sosta selvaggia, abusivismo commerciale e ogni altra possibile forma di inciviltà. Sarà gestito da Les, sempre molto attento alle problematiche del quartiere, che conosce come le sue tasche. Se avete un blog antidegrado vi invitiamo a linkarlo e a seguirlo con costanza. A Les va un grosso in bocca al lupo e un augurio di buon lavoro per questa nuova avventura, che speriamo possa portare frutti importanti e migliorare un quartiere oggi letteralmente devastato dal degrado.

Rassegna stampa dell'Estate Romana

martedì 30 agosto 2011
Il Corriere della Sera dedica un bellissimo ed eloquente articolo sull'invasione dei camion bar lungo Via dei Fori Imperiali e davanti al Colosseo, mostrando una serie di "cartoline" assolutamente agghiaccianti. Nel frattempo, Repubblica ci informa che il Comune di Roma pubblicizza un nuovo numero per denunciare l'abbandono per gli animali utilizzando cartelloni abusivi. Numero che, peraltro, nemmeno funziona. Un'ulteriore prova, se mai ce ne fosse stato bisogno, che Comune e cartellonari sono culo e camicia. Nel frattempo, alla raffica di omicidi registrati ad inizio anno, si aggiungono i consueti stupri estivi. Ma la sicurezza dov'è?

Siamo tornati (ancora più incazzati)

lunedì 29 agosto 2011


Tanta era la voglia di denunciare lo schifo in cui annega la nostra città che ci siamo tolti qualche giorno di vacanza per tornare al lavoro. Siamo tornati con qualche giorno d'anticipo, più incazzati e determinati di prima. Se avete sentito la nostra assenza non preoccupatevi, la vostra attesa sarà ben ripagata. Batteremo il ferro finché è caldo e senza fare sconti a nessuno. Abbiamo deciso di apportare alcune modifiche al blog. Il numero di aggiornamenti giornalieri salirà da uno a due, e cercheremo di mostrarvi quante più foto possibili delle sconce condizione di degrado in cui versa Roma. Ovviamente ci servirà tutto il vostro aiuto. Quindi datevi da fare fin da ora e mandateci le vostre segnalazioni. E tenetevi pronti: stiamo per organizzare eventi e passeggiate antidegrado clamorose. Stay tuned!

Buone vacanze!

venerdì 5 agosto 2011


Riprendiamoci Roma chiude per ferie. Questi ultimi mesi sono stati un po' travagliati, per mancanza di tempo e impegni vari, e il blog ne ha risentito. Ma la determinazione a portare avanti le nostre battaglie non è mai venuta meno. Ci prendiamo due settimane di pausa, per staccare un po' la spina e riflettere su nuove strategie e iniziative future. Ci ritroviamo qui il 1° settembre, ancora più agguerriti e determinati. Ci saranno delle novità interessanti sul blog. Riprenderemo alcuni progetti accantonati da tempo e cercheremo di portarli avanti. Seguiremo con interesse la nascita della fondazione "Insieme per Roma" e tutte le iniziative volte a regolarizzare l'attività dei volontari antidegrado. Ci sarà molto da fare, quindi preparatevi tutti. Il settembre che sta per venire sarà caldo e l'agenda degli impegni sarà fittissima. Un'ultima cosa mi preme sottolineare. Questo blog è nato indipendente e come tale deve rimanere. Questo è un blog d'avanguardia, che propone idee e soluzioni e le mette in pratica in piena autonomia. Non siamo qui a fare la velina delle iniziative istituzionali, siamo qui a dettare noi la nostra agenda. Su molti punti noi blogger siamo arrivati prima. Abbiamo lanciato le passeggiate antidegrado e inventato la figura del "volontario antidegrado". Abbiamo mostrato a tutti come fosse semplice combattere i graffiti e proteggere le facciate degli edifici. Per settimane siamo finiti sulle prime pagine dei più importanti quotidiani nazionali con la nostra campagna dei Cittadini Stacchini contro i manifesti abusivi. Le delibere anti-affissioni e anti-volantinaggio, le iniziative di ReTake Roma, la pulizia dei muri dalle scritte da parte dell'AMA, l'istituzione dei PICS, altro non sono che la realizzazione delle nostre idee. Forse non abbiamo i mezzi per mettere in pratica da soli i nostri progetti, ma abbiamo la forza di smuovere l'opinione pubblica e l'amministrazione. Se l'argomento degrado è ora all'ordine del giorno e costantemente sulle prime pagine dei giornali, questo è solo merito nostro. Dei blog romani antidegrado. L'auspicio è quello di continuare a camminare una spanna avanti a tutti. Collaborando con coloro che hanno a cuore le sorti di questa città, ma mantenendo la nostra autonomia e rilanciando la nostra azione. Indietro non si torna, si può andare solo avanti. Come dicono in molti nei commenti: ALEA IACTA EST! Ci vediamo a settembre!

Lì dietro c'è l'Ara Pacis...

giovedì 4 agosto 2011


Anche al Porto di Ripetta, cartelloni in violazione del Codice della Strada e del Regolamento Comunale Affissioni!

Visconti-Pics contro le locandine abusive

mercoledì 3 agosto 2011


Si è conclusa da poche ore la conferenza stampa dell'assessore all'ambiente Visconti, che ha presentato i risultati della campagna contro le affissioni selvagge negli ultimi due mesi: 60 mila pezzi staccati tra locandine, manifesti, adesivi (circa 10 mila al mese); 5 mila contravvenzioni elevate dal Nucleo Pics Decoro della Polizia Municipale di Roma (in media 830 al mese).

La vera novità, forse la chiave di volta per cominciare ad arginare veramente il fenomeno, sono le denunce penali. Infatti l'assessore Visconti, a nostro avviso il migliore della giunta Alemanno, ha presentato alla Procura di Roma una maxi denuncia per danneggiamento aggravato nei confronti di ben 108 soggetti che si facevano pubblicità con gli adesivi, pubblicando i loro numeri telefonici. Le inchieste vanno avanti a pien ritmo e tra poche settimane vedremo se i responsabili verranno condannati a pesanti multe o addirittura, come previsto dall'articolo 635 del Codice Penale, a una reclusione da 3 mesi a 6 anni. Oltre ai committenti, speriamo, verrano scoperte le tipografie e le copisterie che stampano volantini e adesivi, pare le stesse per molti degli adesivari e locandinari in circolo nella città di Roma.

Nel corso della conferenza stampa, su domanda del sottoscritto, l'assessore ha confermato che a settembre inizieranno le procedure per l'iscrizione alla fondazione "Insieme per Roma" che darà finalmente la possibilità agli oramai tanti volontari al decoro di essere accreditati come collaboratori del Comune e lavorare in sinergia con Pics ed Ama nella difesa QUOTIDIANA dei singoli quartieri dal degrado urbano nelle sue varie forme (scritte, affissioni, manifesti, etc.).

Ovviamente, ribadiamo noi, il tutto nella più totale AUTONOMIA POLITICA, per colpire chiunque non rispetti il decoro, siano questi anche i partiti politici. Su questo c'è stato anche un breve ma importante scambio di opinioni tra i giornalisti presenti in sala, che chiedevano se la stessa tolleranza zero venisse applicata ai manifesti abusivi dei politici, e l'assessore Visconti che prima ha risposto che i due livelli, affissioni dei politici e locandine-adesivi non erano paragonabili ma poi, vista l'insistenza dei partecipanti, ha dovuto rassicurare un maggiore sforzo contro TUTTE le affissioni abusive, politiche comprese.

Sui cartelloni un breve accenno: il documento diffuso dall'ufficio stampa riporta la cifra di 169 rimozioni d'impianti pubblicitari 6x3. Lo riteniamo un dato superfluo e sviante nella vera battaglia ai cartelloni abusivi che ancora oggi vengono installati e subito dopo "sanati" con l'autodenuncia all'Ufficio Affissioni. I 6x3 ancora installati rappresentano l'1% dei vari formati e tipologie di cartelloni che stanno invadendo le strade, i giardini, gli spartitraffico di Roma, senza che l'Ufficio preposto al controllo intervenga con le rimozioni o gli oscuramenti previsti per legge. Ma su questo Visconti poco può fare, non è la sua materia, non ha responsabilità, se ne occupa un altro assessorato e voi tutti sapete quale: Attività Produttive.

Ritornando invece alla defissione dei manifesti, va dato atto all'assessore Visconti di essersi impegnato come nessuno aveva mai fatto, in Comune, contro quello che molti ritenevano un problema secondario se non addirittura un "non-problema", nel complesso del degrado romano. Invece, noi dei blog lo diciamo da tempo: se i muri sono sporchi e le affissioni sono tollerate, la gente si abituerà al degrado e inizierà a comportarsi in maniera incivile e antisociale. Invece, i muri puliti e la mancanza di affissioni fanno capire subito che i luoghi della città sono da tutelare come la propria casa. (Les)

Cornelio e Gabriele: mo basta!

martedì 2 agosto 2011


Carissimi, vi invio la foto dell'attacchino pizzicato mentre attaccava adesivi in una strada dell'Aurelio e con la borsa piena di tal meraviglioso elemento di arredo urbano. Ho notato che si stanno spandendo a macchia d'olio in tutta la città (notati a Balduina e Viale Manzoni). Ma guardate un pò che fine fanno gli adesivi? E' CHIARO IL MESSAGGIO SECONDO VOI? Ho inviato tutto ai PICS, a parte l'ultima ovviamente. Stacchiamone più che possiamo! (Fitzcarraldo)

L'invito è a tutti voi: quando vedete questa monnezza appiccicata ovunque, staccate, staccate, staccate senza pietà! Questi volgari zozzoni, che la Municipale ha finalmente cominciato a denunciare, vanno sconfitti sul campo. Dobbiamo colpirli nel loro stesso business, fino a quando, per loro, non sarà più conveniente ricorrere a questa barbara e incivile forma di pubblicità. I peracottari devastatori di questa città vanno spediti a calci in culo fuori da Roma. Non aspettate i PICS, che sono troppo pochi per poter ripulire tutta Roma dalle porcate di questi maiali. Sono i cittadini stessi, stanchi delle loro zozzate, a doverli vomitare fuori di qui. Siamo noi che dobbiamo muoverci in prima persona. Ci vuole una vera e propria rivolta civile, un movimento culturale prima di tutto. E' il motivo per cui abbiamo aperto questo blog. Difendiamo la nostra città dall'assedio degli zozzoni. Tutti in strada a combattere il degrado!

La pubblicità illegale del Comune

lunedì 1 agosto 2011


Che succede quando a Roma, la città con il maggior numero d'impianti pubblicitari a fini istituzionali in Europa, il Comune si affida a una delle 336 ditte pubblicitarie private (uno sproposito unico in Occidente) per pubblicizzare una campagna di comunicazione contro l'abbandono degli animali e lo fa su cartelloni che sono installati in spregio al Codice della Strada? Succede che scoppia lo scandalo, com'è avvenuto nelle ultime ore, prima sui blog antidegrado e poi sulla Repubblica con un articolo che denuncia l'ennesimo scempio della cartellonistica romana, ormai totalmente fuori controllo. Anche l'inziativa più lodevole, come una campagna di sensibilizzazione sul tema dell'abbandono degli animali, diventa una farsa colossale quando va ad arenarsi all'VIII dipartimento del Comune di Roma, Ufficio Affissioni e Pubblicità. Lo stesso ufficio dove, grazie alla delibera 37/2009, regolarizzano gli impianti abusivi sotto pagamento di un'indennità uguale al canone pagato dalle ditte regolarmente autorizzate; lo stesso ufficio al quale arrivano i verbali della Polizia Municipale che denunciano impianti irregolari e lì rimangono per mesi senza che i cartelloni denunciati vengano rimossi o la loro pubblicità oscurata, come peraltro previsto dal Regolamento Comunale sulla Pubblicità e Pubbliche Affissioni. Un Ufficio che non ha sorvegliato abbastanza neanche stavolta, visto che la pubblicità del Comune è andata a finire su impianti che violano il Codice della Strada e il Regolamento Comunale Affissioni; alcuni di questi sono già stati sanzionati dalla Polizia Municipale ma, chissà perché, non sono stati né rimossi né oscurati. Cosa dobbiamo pensare? Forse il Comune ha voluto favorire alcune ditte private per una campagna che poteva benissimo essere pubblicizzata su impianti comunali? La denuncia arriva da un articolo di Repubblica. Aspettiamo le spiegazioni del Comune (semmai arriveranno) per fare chiarezza su questa opaca vicenda. (Les)

ShareThis

STATISTICHE GIORNALIERE

GUARDA I NOSTRI VIDEO