Roma è terra di nessuno

venerdì 17 giugno 2011

Your pictures and fotos in a slideshow on MySpace, eBay, Facebook or your website!view all pictures of this slideshow

Una email inviataci da Franco con immagini tremende. Il problema non è pulire un parco una volta tanto, il problema è mantenerlo pulito. E qui, a quanto pare, non c'è nessuno che pulisce. Roma terra di nessuno.

Ho letto con piacere della demolizione di baracche di fortuna effettuata ieri nel parco del Pineto. Vi invio alcune foto da me scattate ieri pomeriggio (14 giugno n.d.R.) nella zona del parco prospicente il mai completato Auditorium. Fa veramente male al cuore sia la povertà disperata di molte persone provenienti dai paesi dell'est o dell'Asia ma fa molto male anche lo spettacolo desolante dei tappeti di rifiuti che si lasciano dietro OGNI GIORNO. Pochi giorni fa alcuni volontari facenti capo al blog antidegrado RIPRENDIAMOCI ROMA hanno effettuato una pulizia della zona. Ebbene, come documentato dalle foto i sacchi neri ricolmi di rifiuti sono ancora lì accanto ad un raccoglitore di rifiuti MA NESSUNO NEL FRATTEMPO LI HA PRELEVAT! Ma è possibile che questo magnifico polmone verde sia diventato TERRA DI NESSUNO? Possibile che non si possa controllare questo fenomeno dei bivacchi di ubriaconi? La recinzione nuova DEVE ESSERE COMPLETA altrimenti non servirà a nulla. Chi cura la pulizia del Parco? E' assurdo che da 10 giorni non passi nessuno a pulire!! Consiglio di togliere quei due tronchi di pino messi uno di fronte all'altro, come vedete sono diventati un punto di riferimento per comitive di zozzoni!! GRAZIE!
(Franco)

5 commenti:

Anonimo ha detto...

E una volta completata la recinzione dovrebbe pure esserci qualcuno che apre e chiude i cancelli (la vedo dura). Purtroppo, come dimostrato dalle immagini, gli sgomberi , le recinzioni, le pulizie e quant'altro non servono a nulla senza il controllo del territorio. Una piccola precisazione: i rifiuti raccolti durante la pulizia dei volontari (c'ero anch'io)sono stati portati nei cassonetti e differenziati. I sacchi nelle foto sono quindi successivi. Comunque non molliamo.
Facciamo un'altra pulizia per dopo l'estate?
Ciao
Stefano

Anonimo ha detto...

Repubblica annuncia oggi una manovra del Comune di Roma che prevede uno sconto del 16% ai Cartelloni abusivi. FERMIAMOLI!
Vanno contattati subito i Consiglieri:

Athos De Luca
Antonio Torre
Massimo Inches (2 Municipio)
Alessandro Ricci (2 Municipio)

Unire nel fuoco incrociato il COORDINAMENTO BLOG ANTIDEGRADO DI ROMA (bastacarteloni;cartellopoli;riprendiamociroma;residenticentrostorico;romafaschifo;malaroma;degradoesquilino).

Proviamo ad organizzare INSIEME ED UNITI una GROSSA GROSSA SPALLATA AL CRIMINE CHE SIEDE IN CONSIGLIO COMUNALE UNA VOLTA PER TUTTE!!

Alessandro ha detto...

Questa città è una vergogna...

Anonimo ha detto...

Grazie da parte di tutti i cittadini perbene.

FRANCO XVIII° ha detto...

E come se non bastasse ad aggiungere altro schifo la notizia di oggi: una minorenne violentata da cinque delinquenti di origine filippina la notte del 30 aprile all'interno del mai terminato Auditorium (quello col tetto di rame).
Un altro tipico schifo romano con milioni di euro dei contribuenti gettati al vento in un'opera mai terminata e con le muara ricoperte di tags.
L'emergenza "sicurezza" a Roma è ormai DRAMMATICA e basterebbe ricordare come si rivelò determinante per l'elezione di Ale-Danno l'omicidio della povera signora Reggiani. ma ve le ricordate le promesse roboanti di rimpatri a migliaia e di controlli severissimi?
IL PARCO DEL PINETO E' UNA ZONA AD ALTISSIMO RISCHIO ORMAI E NON SOLO DI NOTTE.
Uno dei più bei polmoni verdi di Roma è invaso da balordi e sbandati, perloppiù provenienti dall'est europeo e dall'Asia, che lo stanno riempendo vergognosamente di immondizia, baracche e rifiuti ORGANICI.
Anche stamattina ho personalmente raccolto 3 sacchi di bottiglie e altri rifiuti..
COSA SI ASPETTA AD INTERVENIRE CON LA MASSIMA DETERMINAZIONE??
e ADESSO, MI RACCOMANDO, qualcuno blateri di razzismo...
NON NE POSSIAMO PIU'!!!!

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO