Una città preclusa ai disabili

giovedì 19 maggio 2011


Una ulteriore prova, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che Roma è la città più incivile del mondo. Una città preclusa ai disabili. Riceviamo e pubblichiamo:

Vi volevamo segnalare un triangolo nemico ai disabili purtroppo spesso in transito presso Via Livorno: auto e moto sul marciapiede (Sma-Hotel S.Giusto) + Piazza Lotario: park selvaggio di moto e auto sui marciapiedi e sulle strisce + Via Pigorini: presente un solo marciapiede ma stracolmo di auto e moto con l'aggiunta delle buche. Comunque qui non vi è presenza di addetti al controllo municipale. Vorrei aggiungere e ricordare che nulla è stato fatto da quando (un anno fa) molti di noi stanchi delle auto e moto sui marciapiedi abbiamo cominciato a denunciare questo disagio: i disabili sono INTERDETTI da via L. Pigorini e Piazza Lotario, due delle poche vie penalizzate e rimaste ancora ad oggi terra di nessuno; nessun controllo sui marciapiedi, non praticabili a causa di buche (e cantiere Metro da richiudere anche se non ci si lavora più) e presenza moto e auto costantemente sopra parcheggiate. Qui tutti i giorni i passeggini e le carrozzelle dei disabili abitanti su queste vie devono necessariamente e pericolosamente passare sul pezzetto di strada con i sampietrini destinato al transito delle auto che sfrecciano suonando allo sfortunato pedone. Il passaggio davanti al circolo Nomentano e alla Sma è altrettanto impossibilitato causa banchi ambulanti e auto costantemente presenti che chiudono il passaggio di pedoni e disabili. Vi allego qualche foto ricordo. (A. Veronesi)

27 commenti:

Anonimo ha detto...

E' veramente incredibile quello che accade a Roma senza che nessuno batta ciglio.

Anonimo ha detto...

Che vergogna dove sono i vigili urbani di questo municipio...Chi parcheggia in questo modo va punita!! La maleducazione e l'inciviltà si è moltiplicata sempre piu' in questo quartiere. Sandra _Via G. Moroni Piazza Bologna Roma

Anonimo ha detto...

CON ALEMANNO ROMA CAMBIA....

Duccio ha detto...

Vedo tergicristalli alzati nelle foto: BRAVI!!

Una soluzione può anche essere quella di svitargli le vitine delle camere d'aria delle ruote.

Vedi come gli passa la voglia.

Anonimo ha detto...

ma che dite!! allora come fa quel disabile mentale di Gianni Alemanno a dire che è tuttoapposto!!!

Anonimo ha detto...

non basta alzarli..spezzateli.
E' l'unico linguaggio che capiscono.
Avevo una condomina prepotente che pretendeva di far parcheggiare l'auto della figlia all'angolo della rampa del garage condominiale per tutto il week-end così quando arrivava qualcuno con una macchina un pò grande doveva fare cento manovre per entrare.
Una sera non ci ho visto più e ho preso la chiave grande di casa..immaginate il seguito.
Non l'ha più fatto.
Purtroppo con gli incivili prepotenti si deve agire così.

Anonimo ha detto...

Uniamoci popolo di piazza bologna e' una vera indecenza l'impunità ha superato ogni limite...ogni soppruso che vediamo bisogna chiamare subito i vigili ma consigliano loro stessi....0667691 e chiedere 3° gruppo vigili urbani e indicare le mille problematiche. Siamo piu' attivi e non facciamo finta di non vedere tutte queste angherie giornaliere..Forza gente. Mario Benvenuti_ Via Livorno

Anonimo ha detto...

E' una vergogna qui a piazza bologna, via livorno, via pigorini,via moroni, piazza lotario le strade sono piene di buche e sporcizie varie si respira un’aria esasperata e stanca, spadroneggia il parcheggio selvaggio, le aree verdi sono mal curate, l'incuria e l'abbandono regnano ovunque. I marciapiedi sono terra di nessuno gremita di venditori e parcheggiatori abusivi e, in omaggio al malcostume che oramai imperversa in molte delle zone centrali della Capitale, il quartiere non è più sicuro: la Piazza, una volta popolata da giovani, è oggi triste rifugio di genti di tutte le nazionalità, che bivaccano fino a notte inoltrata, lasciando qua e là lattine di birra, bottiglie vuote e molto altro.Bisogna agire e non far finta di non vedere. Chiamate le autorità!! Dott dario belmonte

Riprendiamoci Roma ha detto...

Siete in tanti da Piazza Bologna! Scriveteci via email, così organizziamo una bella passeggiata antidegrado lì!

Anonimo ha detto...

Bucateje le rote!!!!

Anonimo ha detto...

Purtroppo c’e’ da aggiungere un degrado in aumento specialmente in piazza.
Piazza bologna è ormai diventata invivibile….specialmente la sera troviamo gente ubriaca che nella migliore delle ipotesi dorme sulle panchine e nella peggiore da fastidio ai passanti dando certamente una cattiva immagine del luogo.
..tutto questo aiutato dai baristi che regalano alcool a gente al limite…essendo loro stessi completamente ubriachi(o peggio)disturbando i clienti dentro e fuori dal bar….facendo un giro dopo cena si puo vedere di tutto…da chi spaccia a chi disturba le persone che cercano un po di pace…tutto questo sotto gli occhi degli studenti fuori sede,che ovviamente nn essendo a casa loro si guardano bene dall’intervenire,e anzi fanno la loro parte lasciando per terra montagne di rifiuti…..Renato Ferri

Anonimo ha detto...

...e la mattina infatti ci sono bottiglie a terra sulla scalinata dell'ufficio postale di piazza bologna che testimonia il bivacco notturno. Francesco D.M.

Anonimo ha detto...

Ogni giorno è sempre piu' vincente la maleducazione e l'inciviltà, l'ignoranza rimane inpunita!! Barbara Sezze Piazza Bologna

Anonimo ha detto...

Vogliamo parlare degli annunci di ogni tipo affissi ad ogni dove? Fanno schifo! I pali sono stati ripuliti e quei geni degli affissori devono aver pensato che è stato per far loro nuovo posto. E' un quartiere tra i più cari di Roma che dovrebbe avere strade signorili e invece sembra di passeggiare per una bidonville. Personamente dedico le mie passeggiate a staccare ogni affissione abusiva, ma la mia è una lotta vana!

Anonimo ha detto...

Pochissimi parcheggi per i disabili e le multe per gli abusivi dove sono ? Troviamo un sfregio comune per questa gentaglia. Facciamogli la "D" con lo spray sulla macchina ! Cosi' sanno chi e' .
Una volta ho visto uno parcheggiato orizzontalmente su due posti a Unieuro. Mi hanno detto che non sono responsabili. Allora chi ? I vigili dove sono ? Per non parlare dei pischelli con la Smart. Il comune dovrebbe educare i suoi cittadini su cosa vuol dire parcheggio per disabili.
A Roma c' e' un ignoranza mostruosa, il rispetto del cittadino non esiste. Trogloditi.

Anonimo ha detto...

Mentre i cantieri gialli si erigono ancora indisturbati sull'incrocio piazza Bologna / via Michele di Lando / via Livorno, l'abbandono imperversa in tutta piazza Bologna, investendo non solo le zone direttamente interessate dai lavori, ma anche le aree limitrofe.
Dietro via Livorno, a ridosso della SMA e di piazza Lotario, così come agli incroci con via Boni e via Pigorini, mancano parcheggi, mancano marciapiedi e difettano i transiti pedonali: tutto è oramai letteralmente invaso dall'abusivismo di auto, scooter e moto. Alcune zone sono, addirittura, diventate irraggiungibili per disabili e carrozzine, tristemente costretti a transitare in mezzo alla strada; come se non bastasse, su punti coperti alla visuale degli automobilisti.
A ciò si aggiungono i banchi abusivamente eretti da ambulanti di dubbia regolarità, che, del tutto indisturbati, occupano i rimanenti marciapiedi, aggiungendo al caos altro caos.
Come se ciò non bastasse, sia nella Piazza che davanti alla Posta la situazione è drammaticamente pericolosa: cocci di bottiglie, vetri rotti, immigrati e clandestini di ogni genere che bivaccano ubriachi anche per tutto il giorno e tutta la notte, importunando i residenti in vario modo. La cosa ancor più grave è che la polizia, spesso presente fisicamente sull'area, non fa niente per migliorare la situazione, limitandosi a guardare passivamente quello che accade, senza intervenire.

La popolazione è stanca di questa situazione, che ha compromesso e sta compromettendo gravemente uno fra i più bei quartieri di Roma. Malgrado le denunce e gli esposti, nonché le lettere di protesta e gli articoli dei giornali, nessuno fa nulla.
E' evidente come piazza Bologna stia vivendo, abbandonata a se stessa, il più brutto momento della sua storia. La situazione dev'essere risolta dalle Istituzioni Comunali e Municipali al più presto, secondo le reciproche responsabilità. Infatti, le persone, che convivono con questo stato di cose da oltre cinque anni, esasperata e stanca, potrebbe reagire in maniera grave ed irreparabile, e la colpa sarebbe di chi non interviene in nessun modo, quantomeno ad arginare l'incuria ed il degrado che si registrano, tristemente più drammatiche, giorno dopo giorno. Sabello Mario

Anonimo ha detto...

Siamo abbandonati tra erbacce buche marciapiedi inaccessibili e piene di moto_ Nicole:via livorno

Cohors Praetoria ha detto...

Sig. Sabello
non si aspetti nulla dalle "istituzioni". La realtà è sotto gli occhi di tutti: a Roma comandano i prepotenti e le mafie.
Involontariamente (ma non ne sono certo ormai..) spalleggiati da certa sinistra irresponsabile e dalle litanie inconcludenti della Chiesa LE MAFIE INTERNAZIONALI stanno prendendo possesso della nostra città. Centinaia di migliaia di clandestini senza arte nè parte continuano ad invadere Roma pronti ad essere sfruttati come semi-schiavi nell'industria del falso, nelle campagne, nello spaccio di droga e nell'economia del degrado.
Passano la maggiorparte del loro tempo a ubriacarsi, scatenare risse, accampandosi nei parchi urbani urbani diventati ormai discariche e latrine a cielo aperto (vedi Parco del Pineto)..eppure ancora c'è chi starnazza stoltamente accusando chi cerca di far aprire gli occhi di essere "razzista e fascista"..Noi e i nostri figli sconteremo le scelte criminali del capitalismo internazionale alleato con le grandi organizzazioni mafiose..l'unica speranza siamo noi stessi! DIFENDIAMO LA NOSTRA CITTA' O SAREMO SOMMERSI E SCACCIATI
E' una realtà che ormai neanche il più fanatico terzomondista può negare.

Anonimo ha detto...

ottima osservazione di Cohors Praetoria e adesso diamoci da fare non ci facciamo promettere tante favole dai politici...ma costituiamo associazioni in ns difesa e alziamo la voce ...abbiate coraggio uscite dai vs appartamenti il degrado è fuori dal vs portone..diamoci forza l'un l'altro :SVEGLIA!!! Franco Di Veroli: piazza bologna

Anonimo ha detto...

E' una vergogna , ancora ad oggi non si e' risolto nulla siamo in piena anarchia, ognuno fa quello che vuole e rimane impunito...provate a leggere questo articolo:
http://www.abitarearoma.net/index.php?doc=articolo&id_articolo=23800

Mario Berardi

Anonimo ha detto...

Guarda, di scandali riguardo ai disabili ce ne sono diversi.
Il Sig. Silvestro Romano, titolare del locale Turi & Tano in Via Lazio 17, diventato personaggio pubblico con "Vigilopoli", è in realtà accusato di aver divelto un posto dei disabili e cancellato col catrame le strisce per collocare i suoi tavolini. Diversi residenti e negozianti di Via Lazio dichiarano di avero visto nel luglio 2010 porre in atto tale vandalico gesto.
Nonostante un procedimento penale a suo carico è diventato personaggio pubblico recentemente. A quanto dicono i giornali avrebbe dichiarato, nell’ambito dell’inchiesta “Vigilopoli”, di essere stato vessato da vigili ed agenti con ripetuti controlli, omettendo però di specificare che vigili ed agenti eseguissero ordini precisi dei giudici penali che hanno disposto il sequestro dei tavolini, “corpo del reato”, dopo la misteriosa sparizione del palo del posto dei disabili e delle strisce.
Questo Sig. Silvestro Romano, sempre a quanto dicono i giornali, avrebbe anche raccontato di avere una sentenza del Consiglio di Stato che lo legittimerebbe ad occupare il suolo pubblico, sentenza che non esiste!!
Il posto per i disabili è stato latente per circa 2 anni, del tutto dimenticato, e riposizionato, insieme alla segnaletica vigente, solo pochi giorni addietro.
Purtroppo nessun giornale ha però parlato dell’accaduto.

Riprendiamoci Roma ha detto...

ti riferisci a questo caso qui? http://www.dissapore.com/primo-piano/tavolino-selvaggio-lo-stupefacente-caso-di-via-dei-banchi-vecchi/

Anonimo ha detto...

No, "Riprendiamoci Roma".
Il caso di Via dei Banchi Vecchi (assai meno grave) è finito su tutti i giornali.
Quello di Silvestro Romano no. I giornali hanno riportato le asserite dichiarazioni di questo signore che sosterrebbe di essere vittima di un racket dei vigili ma nessuno ha scritto la verità.
Da luglio 2010 a Maggio 2012 Via Lazio ha perso il parcheggio dei disabili in quanto un palo del posto dei disabili sparì improvvisamente nel nulla e le strisce del posto furono cancellate con il catrame.....poco dopo comparvero i tavolini, gli ombrelloni e le sedie del locale di Silvestro Romano, senza espressa autorizzazione, collocati sopra il posto dei disabili, sopra i parcheggi per le macchine e le moto e davanti ai negozi altrui.
Uno schifo!! La Procura ed i giudici penali disposero il sequestro di tutto, altro che vigili!
Mentre il ristoratore di Via dei Banchi Vecchi è stato sputtanato davanti al Mondo, Silvestro Romano è stato falsamente osannato come un eroe che ha combattutto contro il "sistema" corrotto, quando in realtà ha posto in essere qualcosa di umanamente disgustoso occupando un posto dei disabili!!!

Anonimo ha detto...

Aggiungo, perchè non tratti questa questione di Silvestro Romano sul tuo sito? Sarebbe un modo per togliere il fango gettato addosso alla Polizia Municipale da Silvestro Romano e, semplicemente, fare giustizia.
Senza alcuna espressa autorizzazione,Silvestro Romano s'impadronì di un posto dei disabili e dei posti per le macchine e motorini, mettendoci sopra i tavoli le sedie e gli ombrelloni del suo locale.
Fu indagato e la Procura, un Giudice delle Indagini Preliminari ed un Tribunale del Riesame sequestraono tutto. Altro che pressioni e racket dei vigili. I vigili agivano su sollecitazione dei residenti e dei giudici penali.
Considera pure che nonostante il sequestro i sigilli penali furono spesso trovati rimossi ed i tavoli rimessi nella disponibilità dei clienti! Ma ci rendiamo conto?
Invece Silvestro Romano è stato osannato come se fosse un martire che ha lottato contro il "sistema".
Non solo, ha pure denunciato in passato i vigili e gli agenti che lo multavano e controllavano (perchè aveva occupato un posto dei disabili!!), sostenendo "persecuzione" ed "abuso di potere". Tutto archiviato perchè il fatto non sussiste. Ed invece questo Silvestro Romano nella mente dei lettori sembra sia un eroe rivoluzionario. Che Paese. E i giornalisti ormai la verità l'avranno pure scoperta ma non interessa loro pubblicarla perchè vorrebbe dire ammettere di aver preso un colossale granchio!!

Riprendiamoci Roma ha detto...

Salve! Purtroppo non abbiamo la competenza tecnica per addentrarci in simili questioni, solitamente ci limitiamo a segnalare le situazioni di cui veniamo a conoscenza.

Anonimo ha detto...

Ok, grazie. L'aver concesso di condividere questa verità è già molto e contribuisce a fare corretta informazione.

avv cimino ha detto...

Vorrei ricordare a questi insigni luminari, che carta canta.
Ad oggi 3 tra vigili urbani e dipendenti comunali sono stati arrestati per corruzione e abuso… vorrei ricordare sempre agli insigni dotti che ultimamente 112 vigili urbani DEL Comune di Roma sono stati prosciolti per prescrizione da una inchiesta per corruzione ed abuso di ufficio, la cosa ripugnante e schifosa è, che alcuni di questi hanno continuato la loro carriera “onesta e illibata”, tant’è che oggi sono coinvolti in altra inchiesta per corruzione oggetto anche delle mie denunce..
Infine vorrei ricordare sempre ai bastardi anonimi che si nascondono dietro i blog e forum solo per sputare calunnie e infamie false, che sono dei veri bastardi e infami…
Ritengo fino alla prova contraria (e non alle vostre bastarde calunnie e infamie) che sono semnpre stato un cittadino onesto…
I verbali non sono stai a me contestati per ordine di nessun Magistrato ma per ordine di chi evidentemente non ha avuto da me mazzette !!!!!
Fatti oggetto di denuncia penale…
Continuate pure, solo questo sapete fare, nascondervi dietro gli alias e bastardate che fate!!!!!
Infine vi ricordo che sull’asserito procedimento penale a mio carico non ci crede neanche il P.M titolare che a distanza di quasi tre anni dal fatto, non si è degnato neanche di richiedere il rinvio a giudizio. Evidentemente sicuro che le sue accuse non troverebbero alcun riscontro probatorio in sede dibattimentale o forse perchè nel corso del dibattimento salterebbe fuori che egli stesso è indagato per gli stessi fatti dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PERUGIA. E INFINE LA CIRCOSTANZA CHE A QUASI DUE ANNI DALLA CHIUSURA DEL LOCALE SI CONTINUI A PARLARE DEL SOTTOSCRITTO NON FA CHE RAFFORZARE LE MIE DICHIARAZIONI RESE AI PUBBLICI MINISTERI TITOLARI DELL’INCHIESTA VIGILOPOLI. E COME DISSE UN VERO ILLUMINISTA: CHE SE NE PARLI BENE O MALE, PURCHE’ SE NE PARLI.
GRAZIE PER IL SUPPORTO FATTIVO CHE STATE DANDO ALLE MIE DICHIARAZIONI.
DR. SILVESTRO ROMANO

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO