Ripuliamo il Pineto!

mercoledì 1 giugno 2011

Crea le tue foto ed immagini come Slideshow per eBay, Netlog, MySpace, Facebook o la tua Homepage!Mostrare tutte le immagini di questo Slideshow

Sara (anni 3) "Papà che è 'sta puzza?". Elisa (anni 5) "Non respirare e corri veloce". Comincia così la lettera scritta dal nostro Stefano al Messaggero e pubblicata integralmente sulla Cronaca di Roma. L'immagine di un parco pubblico ridotto allo sbando. Deiezioni ovunque (canine ed umane), bottiglie di vetro rotte ovunque, bivacchi, siringhe, ogni cosa. E' questo il benvenuto che offre il Parco del Pineto all'ingresso di Via Albergotti. Un parco frequentato da tantissimi bambini e che versa in condizioni folli di degrado e pericolosità. Come sia possibile tenere in questo modo un parco, esponendo i più piccoli a una miriade di pericoli, è davvero difficile da capire. Perché questo parco non viene curato? Mancanza di soldi? Mancanza di personale? No problem. Ci hanno pensato i residenti, in collaborazione con alcune associazioni, ad organizzare una magnifica iniziativa.

Ripuliamo il Pineto! Appuntamento domenica 5 giugno alle ore 10:30, Ingresso Casale Torlonia (biblioteca), Via della Pineta Sacchetti. Per tutti i cittadini che vogliono collaborare ad avere un parco più pulito e vivibile. Bastano un paio di guanti (meglio se da lavoro), scarpe chiuse, sacchi neri della monnezza e un po' di buona volontà. I rifiuti non sono nostri ma il parco sì. Collaborano all'iniziativa: Associazione "Il Pineto", Cittadinanzattiva, Comitato spontaneo di cittadini "Pasquino 18", Riprendiamoci Roma. Invitiamo tutti voi a partecipare e a spargere la voce condividendo questo post sulla vostra bacheca facebook.

6 commenti:

Franco XVIII° ha detto...

Abito a due passi dal Pineto e ricordo con grande nostalgia le battaglie condotte negli anni 70 per salvarlo dalle mani adunche della speculazione edilizia.
E' un parco meraviglioso che racchiude tesori naturalistici veramente incredibili.
Purtroppo da qualche anno è diventato il punto di ritrovo di centinaia di sbandati che passano il tempo a ubriacarsi ad ogni ora e non si curano certo di gettare l'enorme quantità di rifiuti che producono nei cassonetti.
Molti di questi personaggi VIVONO nel Parco dormendo sui cartoni (come si vede nelle foto) o in baracche di fortuna in punti nascosti tra la vegetazione.
Qualche anno fa addirittura era nata una vera e propria baraccopoli nel parco abitata da decine di "recuperanti" romeni (quelli che rovistano nei cassonetti con un gancio e che vedete andare in giro con carrelli della spesa)senza luce, gas, acqua, servizi igienici...IMMAGINATE LE CONDIZIONI.
Furono sgomberati e le baracche abbattute ma piano piano stanno ritornando.
C'è un'emergenza sociale sempre più acuta
Masse di disperati e di poverissimi si riversano a Roma da ogni angolo del mondo e il degrado aumenta inesorabilmente.
Puliamo pure il Pineto..ma non durerà molto, anche per l'arrogante inciviltà di tanti cittadini italiani che usano il parco come latrina per i loro amati cagnolini (amati fanaticamente molto più del proprio prossimo..)
E tra poco inizierà il rischio incendi..

Les ha detto...

Il parco del Pineto dovrebbe essere chiuso e sorvegliato con le telecamere, di notte, invece quando passo a Via Pineta Sacchetti sono stupefatto che praticamente non ci sono recinzioni, accanto al marciapiede, un muretto alto 1 metro e poi direttamente il parco!!!!! Ma com'è possibile? Dovrò chiedere a qualcuno.

Les ha detto...

Non ho saputo niente delle recinzioni ma in cambio ho visto il solito parco romano abbandonato a sé stesso, con l'aggravante che questo è grande come Villa Pamphili.

Anonimo ha detto...

Il Parco del Pineto grande come Villa Pamphili? Io non lo conosco, ma è davvero così?

Les ha detto...

Un pò meno ma il degrado è inaccettabile.

Les ha detto...

ot:

Gli ambulanti abusivi protestano per le multe

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=151699&sez=HOME_ROMA

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO