Lungotevere dei devastori

mercoledì 5 gennaio 2011

Crea le tue foto ed immagini come Slideshow per eBay, Netlog, MySpace, Facebook o la tua Homepage!Mostrare tutte le immagini di questo Slideshow

Nell'attesa che il blog torni pienamente a regime, postiamo le segnalazioni (alcune realmente agghiaccianti) che ci sono giunte dai nostri collaboratori e dai nostri lettori in questo periodo di vacanze natalizie. Cominciamo subito bene...

Alla base del degrado urbano ci sono le scritte sui muri. La ben nota Teoria delle finestre rotte a Roma si sta specializzando nella "Teoria dei muri imbrattati". Ovvero, se un teppista scrive sul muro (una tag, un graffito, una frase politica o una dedica d'amore) e nessuno la cancella, in poco tempo i muri del quartiere si riempiranno di altre scritte. L'indifferenza alle scritte sui muri è dovuta all'abitudine a vedere i muri pieni di scritte, che ha portato a pensare che le scritte sui muri siano una cosa normale. I romani credono che i muri siano delle superfici prive di valore estetico e che sia quindi legittimo utilizzarle per scriverci, disegnare o attaccarci un manifesto. E infatti, girando per Roma, non c'è un muro che sia pulito. Ogni tanto la politica si sveglia e annuncia un piano antigraffiti che si risolve in qualche muro riverniciato e puntualmente imbrattato il giorno dopo. Così non si va da nessuna parte. Occorre che la manutenzione sia giornaliera. Una squadra che pulisca i muri ogni giorno. Esiste qualcosa di simile? A quanto pare sì, leggendo il nuovo Piano Decoro del Comune: "Otto squadre (con 24 operatori) sono dedicate ogni giorno alla rimozione di graffiti e scritte", così è scritto sulla presentazione. Bene, ma in base a quale criterio vengono scelti i muri da pulire? Non è chiaro, sappiamo solo che gli interventi sono pianificati settimanalmente da una Segreteria del Coordinamento al Decoro. Ma se un muro appena pulito viene imbrattato il giorno dopo, il Coordinamento che fa, lo ripulisce subito o aspetta qualche mese? Lo vedremo con i muri appena puliti nel centro storico. Nel frattempo, questa è la situazione a Lungotevere degli Inventori, nei pressi di Ponte Marconi: graffiti sui muri e sulle serrande. (Les)

19 commenti:

Anonimo ha detto...

SCI DI FONDO AL CIRCO MASSIMO

http://www.06blog.it/post/10062/dopo-il-gran-premio-alleur-lo-sci-al-circo-massimo-roma-candidata-alla-the-sprinter-world-cup-2012

AHAHAHAHAAHAHAHAHAAHAHAHAAAAA

T/\g!sC|2iM3 ha detto...

A confermare la teoria, si puo' portare come esempio quello che sta succedendo a San Lorenzo. Muri di mezzo (e forse anche di piu') quartiere ripuliti questa estate, e ora DEVASTATI da graffiti, manifesti abusivi come se piovessero, scritte varie contro questo o quello di cui NON FREGA NIENTE A NESSUNO e ovviamente le tag dei soliti criminali.

Scrivo SOLITI perche' poi sono sempre gli STESSI! Che cosa ci vorra' mai a trovarli... e poi la BEFFA, dato che a uno che ha imbrattato mezzo quartiere (un tizio che si firma HOGRE) gli hanno anche lasciato uno spazio "legale" in via degli Ausoni dove ci ha propinato lo stesso schifo.

E io che speravo che arrivasse qualcuno ad arrestarlo... e invece pure i complimenti gli hanno fatto.

Bene, bravo, bis... ma va a quel paese!

Anonimo ha detto...

La soluzione è una sola. Mano pesante sugli imbrattatori: quando 1, 2, 3 ragazzini sfigati dovranno passare qualche notte in questura e pagare qualche migliaio di euro di danni...il fenomeno si dissolverà. Ci vogliono casi esemplari di legge applicata con il massimo della pena. Siamo stanchi di pagare per i danni (24 operatori per 8 squadre). Tolleranza zero per chi imbratta, deturpa, distrugge.

T/\g!sC|2iM3 ha detto...

Tanto per farvi capire quanto sia facile prendere uno di questi imbecilli... dato che hanno anche i loro blog su cui si vantano dei loro imbrattamenti:

http://streetlife.blog.dada.net/
http://www.lasciailsegno.it/index.php?it/467/hogre

Questo e' un altro loro sito:

http://www.urbantrash.net/graffiti/

Qui, lo descrivono pure:

http://www.grabmagazine.it/grab/?p=2872

Hogre è un giovane street artist attivo su Roma già da qualche anno. I suoi lavori, visibili sui muri della capitale, sono per lo più volti, facce più o meno note, immortalate in momenti di particolare espressività.
Diffonde la sua arte nell’anonimato, nascondendo il suo di viso. Di lui conosciamo, oltre i numerosi personaggi che tappezzano Roma, il suo ultimo progetto “Nella capitale delle Meraviglie”, in collaborazione con Pschycolab.

Se lo volevano arrestare bastava andare qui:

ORIZZONTE VERTICALE 3
JBRock vs Hogre
9 Luglio ore 19.30
STUDIO ORIZZONTE
Roma, via Barberini 60.
Info: press@fefeproject.com
Tel: + 06 70703043
www.fefeproject.com

E persino su questo sito TESORI DI ROMA:

http://www.tesoridiroma.net/curiosita/stencil_sanlorenzo.html
http://www.tesoridiroma.net/galleria/roma_graffiti/foto/grfslorenzocell121.jpg

MA TESORI DE CHE??? E se fanno chiudere Cartellopoli, a uno che mette le foto dei graffiti su un sito che si chiama cosi' lo dovrebbero mettere ar gabbio per sempre!

T/\g!sC|2iM3 ha detto...

E infine:

http://www.nellacapitaledellemeraviglie.com/home.html

dove scrivono:

"Nella capitale delle meraviglie è un progetto a cura di Psycholab e Hogre. Crediamo l’anonimato un valore prezioso, unico mezzo per preservare la libertà d’interpretazione."

L'anonimato... certo perche' se no vi arrestano a tutti.

E poi:

"...con una propagazione caotica delle immagini nei quartieri di San Lorenzo e Pigneto."

MA NESSUNO CHE JE DICE DE PROPAGALLE A CASA LORO 'STE IMMAGINI CAOTICHE???

Anonimo ha detto...

Un'amica italiana che vive ad Oxford da 30 anni mi ha raccontato che l'unico periodo di imbrattamento dei muri li è 15 giorni ad agosto, quando arrivano le carovane di bimbi europei a fare i corsi estivi. Ma ha aggiunto anche che ci sono telecamere ovunque e i giovani vandali - che noi erroneamente chiamiamo in italia writers ma non sono altro che vandali - che sporcano i muri un anno, l'anno dopo, se hanno la faccia di tornare ad Oxford, la scontano a distanza di un anno.

Noi abbiamo gli alemannoproclami. E poi i patti d'acciaio. E poi la tolleranza.
Diamoci da fare, migliorare si può, tantissimo.

Irene del Prato

Anonimo ha detto...

Segnalo in via Roberto Malatesta (e traverse), tratto compreso tra via Acqua Bulicante e Piazza dei Condottieri, decine di cartelli vendesi, di carta e plastificati, appesi sui pali della segnaletica stradale e sui pali dei lampioni. Su alcuni c'è scritto Real Casa Immobiliare.

Anonimo ha detto...

Su via Prenestina, nei pressi di Largo Preneste, sono comparsi dei cartelli, appesi sulla segnaletica stradale, che pubblicizzano persino un TORNEO DI BURRACO IN ZONA, seguito da numero telefonico di cellulare. Tra un pò pubblicizzeranno pure i tornei di play station di questo passo...

Anonimo ha detto...

OCCORRE ISTITUIRE UN NUCLEO INVESTIGATIVO DI POLIZIA MUNICIPALE CHE INVESTIGHI E ARRESTI GLI IMBRATTATORI.
Sapendo che rischiano non solo se colti in flagrante ma che DANNEGGAIRE I BENI COMUNI E' PERSEGUITO COME UN VERO E PROPRIO REATO sono convinto che molti di questi "eroi metropolitani" senza palle (ecco perchè ANONIMI, come i ladri!) si terrebbero a beneficio delle proprie abitazioni tanta splendida creatività ( = propensione a delinquere sapendo di godere di presochè totale immunità).
Mc Daemon

Anonimo ha detto...

scusate per il presochè aggiungo qui la "s" che mancava.
Mc Daemon

Les ha detto...

forum sul vandalismo grafico
-
http://www.apartmenttherapy.com/la/good-questions/good-questions-battling-neighborhood-vandalism-071170
-
"This reminds me of when I went to Rome a few years ago, and was saddened by the grafitti/tags all over historic structures."

Les ha detto...

Da un articolo del corrispondente a Roma della BBC:
-
Over the years I have witnessed the growing degradation of the inner city, the mindless graffiti which now deface even newly-restored buildings"
-
http://news.bbc.co.uk/2/hi/programmes/from_our_own_correspondent/8015480.stm

Les ha detto...

BREAKING NEWS:

Il Comune rende noti i risultati delle ordinanze antidegrado entrate in vigore l'8 febbraio 2010.

4 multe ai writers

6 multe per abbandono rifiuti ingombranti

12 multe per abbandono rifiuti davanti all'ingresso di bar, pub, ristoranti, etc.

per leggere il resto dei dati
http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/01/06/news/l_ama_in_rosso_non_multa_chi_sporca-10898394/

Nel frattempo, riesplode lo scandalo camion bar sul Messaggero e Corriere della Sera:

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=133318&sez=HOME_ROMA&ssez=CITTA

http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=35368&sez=HOME_ROMA&npl=&desc_sez=

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_gennaio_2/san-silvestro-vergogna-camion-bar-181181180142.shtml

Per finire in bellezza, prima pagina del Messaggero online sui manifesti politici abusivi

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=133384&sez=TITOLIDICODA

Flavio Gioia ha detto...

Allora ci sono tre ipotesi:
1) Alemanno sarà presto nominato Ministro della Cultura, perchè se resta il suo futuro politico è compromesso vista la gestione disastrosa. Visto che la gatta da pelare passa a un altro, giornali prima più buoni come il Messaggero improvvisamente tornano a parlare dei problemi di Roma.
2) Ci sono degli affari immobiliari in gioco e il giornale del costruttore mette pressione al sindaco per fargli firmare qualche concessione, magari proprio la cementificazione del Casilino (area via Teano).
3) La città è ridotta a un cesso tale che anche il Messaggero non può più far finta di nulla.

Antonio ha detto...

non sembrano neanche i muri dei palazzi ma delle tele espositive di proprietà dei writers....ma fargli pagare una tassa sull'utilizzo dei muri no? visto che abbiamo capito che è impossibile pretendere che i muri (storici e non) restino puliti, senza sbombolettate, si potrebbe provare questa cosa....

Anonimo ha detto...

i muri possono essere puliti, se ci sono riusciti a New York ci possiamo riuscire anche noi.
Solo che ci vuole un minimo di attività repressiva (multe) accanto alle ripuliture, sennò è inutile.

fabiorome1964 ha detto...

In questi giorni di festività ho avuto modo di frequentare più assiduamente il centro storico di Roma. Era un pò che non lo facevo e ad essere sincero ho provato un forte senso di tristezza. La città sembra sempre più lontana da quanto merita. Strade sporche, manutenzioni mai fatte (basta vedere lo stato di sfascio in cui versa la passeggiata che porta al Pincio), e dovunque mi giro si respira un'aria di abbandono generale.
Il decoro urbano ? E tutte le Apecar parcheggiate a Trinità dei Monti ? possibile che non si trovi un parcheggio meno indecoroso ?
E tutti i venditori abusivi che assillano i passanti ?
Una VERGONGA !!! Basta guardare come prendono per il fondelli i vigili che li dovrebbero sanzionare.
Quasi patetica l'immagine di una vigilessa che li supplicava di andare via perchè lei "nun je la faceva a correje ddietro" (1,65 x 90 kg di peso).
Cari Romani, qui o ce diamo una mossa a livello civico oppure sta città ce la distruggono definitivamente.
Io ci sto !!! Decidiamo cosa fare !!!

Fabio

Anonimo ha detto...

Decine di cartelli vendesi, sia cartacei che plastificati, sono stati fissati in questo periodo sui pali della luce e sulle paline della segnaletica stradale della zona di via Roberto Malatesta (VI Municipio) dalla Real Castelli Immobiliare.

Qui c'è il loro sito:

http://immobiliareroccapriora.agenzie.casa.it/

Indirizzo e-mail:

immobiliareroccapriora@alice.it

Telefoni:

069470061 - 0694073549 - 3333662560

Anonimo ha detto...

Fabiorome 1964, hai tutta la ragione : L'UNICA SPERANZA DI QUESTA CITTA' E' LA RISCOSSA DEI MOVIMENTI CIVICI ANTIDEGRADO!

Io pure ci sto.

Mc Daemon

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO