Rome is burning

mercoledì 15 dicembre 2010


14 dicembre 2010, va in scena un nuovo barbaro sacco di Roma. Immagini raccapriccianti, di stampo medievale. Sampietrini divelti, auto bruciate, vetrine rotte, pali sradicati. Le chiese gemelle avvolte dalle fiamme. Di fronte a simili scene ci chiediamo come sia possibile che tutto ciò sia potuto accadere. Che una città finisca nelle mani di gruppi di vandali organizzati, lasciati totalmente liberi di devastare una città. Chi sono queste persone? Vorremmo sapere i loro nomi. Perché sia chiaro che questa gente deve pagare, fino all'ultimo centesimo. Vorremmo che il movimento si dissociasse da questi comportamenti prima ancora di chiedere di non essere strumentalizzati. Ma ci sono altri interrogativi che ci tormentano. Ci chiediamo come sia stato possibile (sono parole del Prefetto Giuseppe Pecoraro) che un camion pieno di materiale edile sia stato dimenticato a pochi metri dal Senato, rifornendo i violenti di armi improvvisate, stecche di legno, tubi innocenti, pale e quant'altro. Come mai i cestini non siano stati svuotati dal materiale infiammabile, sigillati e ancorati a terra. In casi simili non ci si può limitare solamente alla repressione dei responsabili. La parola d'ordine è PREVENZIONE. I violenti erano ben visibili, avevano armi in bella mostra e andavano fermati subito. Tutti, dal primo all'ultimo. Per quanto riguarda i responsabili di questo barbaro sacco della città, ci sono decine di video girate dai giornalisti che hanno ripreso le scene, che mostrano persone intente a devastare la città, a staccare segnali stradali, a buttare a terra cassonetti, a scrivere slogan sui muri, a bruciare auto. Bene ha fatto il Comune a costituirsi parte civile. Ma ora i responsabili vogliamo vederli in faccia. Vogliamo vederli in tribunale, mentre rispondono delle loro azioni davanti al giudice. Le stime dicono 20 milioni di danni. Per i commercianti sono molti meno, appena 150 mila. Resta il fatto che la città è stata messa a ferro e fuoco. E questo non deve mai più accadere.

57 commenti:

Anonimo ha detto...

più che altro ci piacerebbe capire se hanno un cervello.

Anonimo ha detto...

Ecco qui un infiltrato, 23 foto sempre in mezzo alla polizia e nessuno lo ferma. Guardate bene ha un manganello in mano, poi una pala, poi un paio di manette e se andate più avanti vedete anche che sempre lui getta un cassonetto addosso a un poliziotto, si avvicina minaccioso alle camionette e attacca la guardia di finanza con un bastone. Ricordatevi le parole di Kossiga e non credete alle cazzate che vidicono, IDIOTI

http://www.repubblica.it/scuola/2010/12/15/foto/scontri_il_giallo_dell_uomo_con_la_pala_infiltrato_o_dimostrante_-10219683/1/?ref=HRER3-1

Giulio ha detto...

Beh se volete sapere qualcosa in più dei provocatori che hanno messo a ferro e fuoco Roma, date un'occhiata a questa galleria:

http://espresso.repubblica.it/multimedia/fotogalleria/27443155

n@po ha detto...

Sono rimasto shockato dalla visione di questo video:
http://www.youreporter.it/video_Piazza_del_Popolo_messa_a_ferro_e_fuoco_1
Roma come Baghdad

Anonimo ha detto...

Come hanno fatto a lasciare materiali edili tra cui martelli e tubi nei cantieri all'interno della zona off limit?

Pala ha detto...

Beh sennò non poteva passare il manifestante finto a raccoglierli. I soldi per questi provocatori non li tagliamo mai, eh Tremonti?

Anonimo ha detto...

eccolo che chiacchiera tranquillo con i carabbinnieri.
http://download.kataweb.it/mediaweb/image/brand_espressonline/2010/12/15/1292400028019_08.jpg

Les ha detto...

Se il post significa la solita retorica dell'infiltrato, mi dissocio.

I black bloc sono teppisti ben organizzati e i reparti di polizia li hanno affrontati senza cedere alla violenza.

Nemmeno la mediocrità della classe politica nostrana può mai giustificare il ricorso alla violenza.

A Riprendiamoci ricordo che un mese fa, senza zona rossa, un gruppo di contestatori è riuscito a forzare il portone del Senato.

I teppisti avrebbero fatto casino comunque, con o senza blocco del centro storico.

Anonimo ha detto...

Buon Natale:

http://www.youtube.com/watch?v=iogxxUlcdlo&feature=player_embedded

Anonimo ha detto...

Ma cosa diavolo scrivete ? Ora la colpa sarebbe della polizia ?

L'unica colpa della polizia e' di essere stata troppo morbida, se fossi stato li li avrei aiutati io a fermare quei barbari.

Trovo paradossale che si condanni la polizia e non i vandali che hanno incendiato cassonetti e mezzi pubblici.

La colpa e' anche di tanti cattivi maestri che dal caldo delle loro poltrone hanno fomentato questi invasati.

Nessuno sconto a chi devasta Roma.

Andrea Rossi

fitzcarraldo ha detto...

Ho l'impressione che guardate il dito e non vedete la luna.
Che ci siano provocatori prezzolati per provocare scontri è noto almeno dal 12 maggio 1977, giorno dell'assassinio di Giorgiana Masi su Ponte Garibaldi.
Che ci siano "professionisti" degli scontri di piazza è altrettanto noto..MA mi sorprende (e un pò mi disgusta) che anche in questa occasione, amici miei, non cercate di andare un pò più a fondo e capire se dietro questa esplosione di violenza non ci sia la presa di coscienza da parte di milioni di giovani che l'attuale maggioranza di governo sta creando le premesse per una vita eternamente da precari e senza nessuna delle garanzie in cui sguazza la "Casta"( privilegi, posti di lavoro a tempo indeterminato per figli, mogli e amanti, pensioni d'oro dopo pochi anni da parlamentari etc). E' di oggi la notizia che l'Italia è al terzo posto nel mondo per pressione fiscale (rapporto tra tasse e ricchezza prodotta) ma nel frattempo peggiorano tutti i servizi, aumenta il debito pubblico e la disoccupazione.
Vogliamo affermare che ieri in piazza c'erano 100.000 black-bloc? Suvvia..approfondiamo un pò le cose, eccheccazzo!!!

Anonimo ha detto...

Caro Fitzcarraldo, e' vero che gli infiltrati ci sono sempre stati e che ci sono anche i soliti violenti dei centri sociali, ma quello che non si puo' accettare e' la tua sorta di giustificazionismo, i problemi fiscali ed occupazionali ci sono ma dubito che questi problemi siano la causa degli scontri di ieri, chi porta la croce non ha tempo per ribellarsi, ieri come nel '68 in piazza a fare violenze c'erano i soliti studentelli figli di papa' che non sanno un cazzo di lavoro, esattamente come nel '68 in piazza c'erano i Ferrara, i Veltroni ed i D'Alema ovvero tutta gente figlia di ricchi che giustamente Pasolini disprezzava.

Non siamo in Africa, se un governo non ci piace ci sono modi pacifici per dimostrarlo, se poi il governo che non ci piace continua a vincere allora bisogna accettare il responso democratico delle urne, non si puo' imporre con la violenza il proprio pensiero.

Prima di voler cambiare il mondo questi delinquentelli dovrebbero iniziare a cambiare i loro comportamenti.

Andrea Rossi

Riprendiamoci Roma ha detto...

Stiamo dicendo la stessa cosa. I Carabinieri dovevano essere più duri con i responsabili del macello. Esiste la responsabilità individuale, o pensi che chiunque manifestando in buona fede debba beccarsi una manganellata addosso solo perché accanto a lui un coglione ha tirato un sampietrino? Fateci vedere dove stanno questi Black Bloc, fateci vedere quanti ne avete arrestati. Per me non ne hanno preso nemmeno uno, come sempre. La teoria degli infiltrati non me la sono certo inventata io, l'ha teorizzata apertamente quel sant'uomo di Cossiga.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Ma come facciamo tanto i civili e poi ci professiamo favorevoli alla retata spietata 'ndo cojo cojo? Scommetto che lì in mezzo poteva esserci pure vostro figlio. Occhio... che a chi tocca 'n se 'ngrugna!

Anonimo ha detto...

Gli infiltrati ci sono ma CI SONO ANCHE I VIOLENTI, ho frequentato lo stadio e so per certo che i poliziotti quando menano menano alla cieca, ma PER DIO SO ANCHE CHE CI SONO FIOR DI DELINQUENTI CHE PROVOCANO E FANNO CASINO DELIBERATAMENTE SENZA NESSUNISSIMO MOTIVO LOGICO, DEI FRUSTRATI CHE SCARICANO LE LORO FOLLIE SULL'UNIVERSO MONDO.

Contestare la Gelmini e' un diritto, ROMPERE LA MIA-NOSTRA CITTA' E' UN ATTO BARBARO ED INCIVILE NONCHE' INUTILE E STUPIDO.

DICIAMOLA TUTTA, IN MOLTI CENTRI SOCIALI (ED ANCHE IN QUALCHE GIROTONDO DEL POPOLO VIOLA) PIU' CHE LA DIGOS DOVREBBERO ENTRARE DEGLI PSICHIATRI.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

Il ragazzo con la pala è attualmente irreperibile.

fitzcarraldo ha detto...

Gentile Andrea Rossi io non giustifico .
Ho solo invitato ad essere un pò più approfonditi.
E basta con questi slogan su Pasolini, Ferrara etc..etc..
Se nel 20° secolo non ci fosse stato un movimento operaio organizzato non avresti istruzione pubblica, pensioni, indennità di malattia,cassa integrazione, sanità pubblica..
Studia un pò di storia và..oppure ti piacerebbe di nuovo un mondo di pochi privilegiati e tanti schiavi a contendersi le briciole? Ho posto dei quesiti non rispondermi con frasi fatte per favore.

Les ha detto...

Io sono civile e condanno gli infiltrati, che se ci sono vanno arrestati.

Ma non accetto il teorema che gli scontri sono, in fondo, moralmente giustificabili dalle ragioni della protesta.

Fitz nessuno ha detto che i manifestanti erano tutti violenti, ci mancherebbe.

Il post - che non condivido per l'impostazione "i black bloc ve li siete inventati voi" - parla degli scontri e non delle manifestazioni che sono legittime e fondamentali in uno stato di diritto.

Anonimo ha detto...

ma siamo prorpio sicuri che sia un infiltrato?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/12/15/luomo-con-la-pala-e-un-infiltrato-sono-minorenne/82073/
cmq la questione è che la gente è talmente stremata da come stanno andando le cose, che scende in piazza e sfonda tutto.
sapete che c'è?che quasi quasi ci voleva.

Les ha detto...

Ho l'impressione che l'anonimo qua sopra, con l'ultima frase, voglia scatenare una discussione tra di noi.
Non cadiamo nel tranello.

Alessandro ha detto...

E' vergognoso quello che è successo. Ma in TUTTA EUROPA si procede nello stesso modo per fronteggiare questa gente che c'è in TUTTA EUROPA. Londra, Dublino, Spagna, Grecia...In quest'anno 'sta gente s'è vista ovunque.

P.s. La zona rossa non è stata violata. Tutti gli scontri sono venuti all'esterno, pertanto le forze dell'ordine sono riuscite nel loro scopo (garantire ai parlamentari di votare senza pressioni di piazza, al massimo politiche). Il problema è che anche allargando la zona rossa non ci sono forze dell'ordine sufficienti per militarizzare tutto il centro o tutta la città...E' impossibile.

Ricordo inoltre che gli scontri sono iniziati solo dopo che la sfiducia non è passata.

Prepariamoci all'appuntamento del 17 dicembre, riforma Gelmini al Senato. Passerà senza problemi con ampia maggioranza (PDL+Lega+Fli), quindi prevedo altri scontri...

Alessandro ha detto...

E poi, ricordo ancora, che la manifestazione degli studenti non era autorizzata... Studenti che hanno violato un preciso art. del codice penale dovrebbero essere arrestati.

Ci sono due interessi costituzionali che collidono: la libertà di dissenso e la libertà di circolazione dei cittadini. Due art. della ns. costituzione che cozzano tremendamente in questi casi.

Se gli studenti fossero più civili (e meno analfabeti http://tv.repubblica.it/edizione/roma/roma-in-piazza-contro-la-gelmini-e-il-governo/58248?video ) avrebbero posticipato la manifestazione...

Riprendiamoci Roma ha detto...

Les nessuno ha detto che gli scontri sono moralmente giustificabili. Vorrei solo che si prendessero i responsabili. Repubblica di stamattina parla di 23 fermati, tra cui un falegname, un fuorisede, uno straniero. Sono TUTTI INCENSURATI. I Black Bloc non li hanno presi. Il "ragazzo con la pala" così come lo hanno chiamato, che era accanto alle forze dell'ordine con un manganello in mano è stato fermato ma è attualmente irreperibile. Aveva pure precedenti penali, ma non è stato trattenuto. Si sapeva che al corteo sarebbero arrivati black bloc ed estremisti (questo tipo con la pala pare fosse addirittura il figlio di un uno delle BR!) non è possibile che non siano stati fermati. Non è possibile che sia stato fatto arrivare nei luoghi della protesta un camioncino con dentro aste di legno e spranghe. Le forze dell'ordine servono anche a questo, non solo a schierarsi uno affianco all'altro in attesa di fronteggiare l'urto. Servono ad evitare che si scateni la guerriglia. E la prevenzione è fondamentale eppure non viene mai fatta. In mezzo a una carica può finire chiunque, dal semplice passante al giornalista, fino alla ragazzina innocua di 12 anni. Sarebbe meglio non dover arrivare a questo. I gruppi di violenti vanno isolati e fermati, tutti quanti. Anche i nquesto. Io poi non giustifico proprio nulla, ho definito il fatto "un nuovo barbaro sacco di Roma", "scene di stampo medievale", ti sembra che io stia a giustificare l'avvenuto? Ho aperto un blog di denuncia e volontariato civico contro il vandalismo, secondo te posso giustificare questo? Voglio capire se ad ogni futura manifestazione dobbiamo aspettarci questo. Perché il rischio è forte, molto forte.

Infine: nulla mi toglie l'idea che lo scontro violento in fondo convenisse a molti, e che nessuno abbia fatto niente per impedirlo. Anzi.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Alessandro, le forze dell'ordine non devono garantire l'incolumità dei parlamentari, devono garantire l'ordine. La zona rossa non è stata violata perché chiusa fisicamente dalle camionette, ma i manifestanti sono arrivati fino davanti al Senato e su tutta Via del Corso fino a Piazza del Popolo. Abbiamo visto l'accesso a Via del Corso chiuso da Piazza Venezia eppure i manifestanti sono entrati e sono arrivati pure davanti a Piazza Colonna, sempre da Via del Corso.

Anonimo ha detto...

chi sono i black block? un piccolo contributo alla riflessione...

http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=30727

alex

Alessandro ha detto...

Nella storia centenaria di questo paese non ricordo che ci sia mai stata una sola volta attività di prevenzione dinnanzi gli anarchici (non lo sono forse? Hanno imbrattato con le loro A cerchiate mezzo centro storico)... E l'estremismo di sinistra e destra, talvolta, li fomenta a questi qua.
--------

Quella gente, secondo me, è anche riconducibile alla sigla Action...
Andrea Alzetta di Action: "la situazione ci è sfuggita di mano".

Perché la Polizia non previene, non arresta? Perché, se quella gente fosse di Action, avrebbe copertura politica da parte di certa gente. Non scordiamoci che tal figuro era consigliere delegato all'emergenza casa di Veltroni... Non dico che sia il PD a proteggerli, probabilmente sarebbe falso. Però c'è qualcuno (non so chi) che lo fa...

Riprendiamoci Roma ha detto...

Alessandro ma Action non è quella associazione che occupa le case sfitte? Che c'entra con gli studenti? Io parlo di Black Bloc, di esponenti dei centri sociali, dei rifondaroli, e anche del blocco studentesco, che era in piazza insieme agli estremisti di sinistra. Perchè questi non vengono mai fermati?

Anonimo ha detto...

I Black Bloc esistono! Sono quelli che intonano le marcette con i tamburi, si sentono in numerosi video e si vedono pure chiaramente.

Les ha detto...

Riprendiamoci, allora volevi che ci fossero delle retate preventive a casa dei block bloc in tutta Italia?

In quel caso i giornali avrebbero parlato di Stato di Polizia, di un'intollerabile prova di forza che rischia di provocare disordini di piazza, di una gravissima intimidazione nei confronti del dissenso a questo governo, di abuso di potere.

E magari gli stessi che adesso condannano la "zona rossa" starebbero qui a dirci che la polizia anziché fare dei blitz mediatici a casa di "presunti" black bloc, avrebbe dovuto adottare un profilo più basso e creare un "cordone sanitario" attorno ai palazzi della politica che respinga gli eventuali attacchi dei facinorosi che si staccano dai pacifici cortei per creare disordini di piazza.

Io so che sei pacifista, Riprendiamoci, se no manco ci colaboravo a questo blog.

Ma ti faccio notare che hai scritto una frase che sembra imputare al governo le cause morali degli scontri di piazza:

"E chi semina vento raccoglie tempesta. Uno statista vero lo saprebbe, ma questo passa il convento."

Questo è per me un ragionamento inaccettabile, il dibattito politico non può essere la scusa per mettere a ferro e fuoco la città.

Anonimo ha detto...

Guardate qui:

http://www.youtube.com/verify_age?next_url=http%3A//www.youtube.com/watch%3Fv%3DGaKt4r98xvg%26feature%3Dplayer_embedded

Riprendiamoci Roma ha detto...

Les non parlo di retate a casa dei Black Bloc, peraltro vietate dalla Costituzione stessa e quindi inattuabili. Quando parlo di prevenzione mi riferisco alle strategie da mettere in atto per contenere e i disordini, isolare i violenti anziché caricare a casaccio come è stato fatto ieri. Chiedo conto anche dei motivi per cui il ragazzo con la pala, pur essendo stato fermato, risulta al momento irreperibile.

Riguardo la frase "chi semina vento raccoglie tempesta", non capisco proprio dove tu veda in queste parole una giustificazione degli scontri avvenuti. Io vedo un nesso causa-effetto, semmai. Ricordo che la riforma Gelmini avrà un'altra votazione a breve e che dopo quanto successo sarebbe quantomeno opportuno che si abbassassero i toni da quella che dovrebbe essere la parte più responsabile della cittadinanza, proprio perché chiamata a rappresentare i cittadini italiani e dunque investita di un compito gravoso e di responsabilità. Mettersi a dire certe cose, sparando a casaccio su un movimento di gente realmente esasperata, tirar fuori assurdi paragoni con gli anni '70, seppure smorzati nei giorni successivi, per me è da irresponsabili e non avrà altra conseguenza che esasperare gli animi. Non so come la vedi tu ma questo ragionamento non solo è accettabilissimo ma è la pura verità.

Io non entro nel merito della riforma, che non conosco in maniera così approfondita e anzi spero di andarmene quanto prima da questa cazzo di Università. Ma io vedo quello che succede da me e rifletto. Ci sono ingegneri precari che lavorano in laboratori che sembrano magazzini e prendono meno di uno spazzino raccomandato col posto assicurato a vita. Quando vedo che una troia gira in Ferrari solo perché l'ha fatta vedere a questo o a quel politico, quando leggo degli scandali parentopoli, quando leggo che l'Italia è il primo paese al mondo per numero di auto blu, SEICENTOTRENTAMILA contro i sessantamila degli USA, dieci volte di più di un paese che è grande come 33 italia messe insieme, e quando vedo la qualità della gente che governa e di amministra questo paese, senza distinzione di colore, mi chiedo con quale faccia tosta tu che guigi un'auto da 100mila euro con autista, bollo, assicurazione e benzina pagati, vieni a tagliare i posti a trentamila precari, con quale faccia tosta tu vieni a tagliare i fondi alla ricerca. La Costituzione Italiana afferma il principio di retribuzione proporzionata alla qualità e alla quantità della prestazione lavorativa. Qui una sveltina della prima zoccola di turno frutta più di un anno di lavoro di un ricercatore precario.

Secondo te non è realistico ipotizzare che la gente sia incazzata nera? Fatti un giro da me... a ingegneria.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Ha detto bene fitzcarraldo, siamo il terzo paese al mondo con la pressione fiscale più alta, eppure guarda te come cazzo sono tenute le nostre città. Guarda te che cazzo di treni abbiamo, che cazzo di autostrade, infrastrutture da quarto mondo, ospedali cadenti a pezzi. Per non parlare dei servizi pubblici. Ma dove cazzo finiscono queste tasse? Poi vai a dire a un precario che la pressione fiscale è salita e che a Natale non prenderà più lo stipendio. Magari trattalo pure come un residuo delle Brigate Rosse. Ipotizzare che questa gente sia incazzata nera ci vuole un genio o basta usare un po' il cervello?

Les ha detto...

La gente incazzata nera manifesta e basta, chi attacca la polizia è un teppista.

Riprendiamoci Roma ha detto...

E' un teppista un delinquente, un vandalo. Si, e allora?

Riprendiamoci Roma ha detto...

Il problema è fare in modo che simili atti di guerriglia non si ripetano.

Les ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fitzcarraldo ha detto...

E chi attacca il diritto al FUTURO di un'intera generazione cos'è?
Chi taglia la spesa sociale nonostante la pressione fiscale tra le più alte del mondo cos'è?
Chi continua a sguazzare in privilegi medievali (manca solo lo jus primae noctis) mentre una marea di gente fatica ad arrivare alla fine del mese cos'è?
Chi continua a raccontare BALLE SPAZIALI di tasse ridotte e migliaia di cartelloni abusivi rimossi cos'è?
Chi difende con le unghie, e so tutti d'accordo!!, il diritto di prendersi una pensione di migliaia di euro dopo pochi anni in Parlamento cos'è?
Chi costringe le migliori menti italiane ad emigrare perchè qui non si investe un cazzo nella ricerca cos'è?
Basta..mi fermo qui.
Sapete quanto amo Roma e la sua bellezza..
Sono stati commessi atti vandalici CHE CONDANNO FORTEMENTE..
ma forse non vi viene il sospetto che la pentola a pressione è scoppiata e non si tratta solamente di teppismo ma dell'esplosione di rabbia di una generazione che ha capito che sicuramente sarà più povera della precedente mentre i soliti noti lucrano miliardi anche grazie alle leggi che si auto-votano? Ma la vicenda di Cartellopoli non vi suggerisce nulla?? ECCHECCAZZO2!!!!

Les ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Riprendiamoci Roma ha detto...

Ho cancellato dal post la frase incriminata. Ma a questo punto mi viene naturale chiedere una cosa. Stante il fatto che i vandali esistono, e se non sono armati nessuno può limitare il loro diritto sancito dalla Costituzione a scendere liberamente in piazza, come facciamo ad evitare che Roma finisca a fuoco di nuovo? Perché dire che la colpa è dei vandali è pacifico, ma non risolve un emerito cazzo. Vogliamo continuare a parlare di aria fritta o vogliamo dire la nostra su come fare a prevenire altri simili atti teppistici? O pensiamo che la gente si incazzi senza un motivo?

Les ha detto...

la frase rimettila pure, non sono d'accordo sull'impostazione dell'articolo.

Les ha detto...

ecco il mio pensiero sulla vicenda
-
http://www.ilpost.it/stefanomenichini/2010/12/15/le-cose-stupide-di-un-giorno-a-roma/

Riprendiamoci Roma ha detto...

Questi due passaggi concordano perfettamente con il mio articolo.

"L’altro pomeriggio ho trascorso due ore nelle strade del Tridente barocco, tra il Corso, piazza del Popolo e il lungotevere, e non credevo a ciò che vedevo: i drappelli di finanzieri (soprattutto), carabinieri e celerini correvano da un incrocio all’altro senza logica, senza coordinamento, travolti da un’isteria pericolosa, sempre sul punto di farsi attrarre in una trappola o di andare a sbattere gli uni contro gli altri (è successo: li ho visti io)."

"Da Maroni, il Pd dovrebbe farsi spiegare piuttosto che cosa ha mandato in tilt l’apparato di sicurezza della questura di Roma, esponendo gli agenti a violenze evitabili e il centro della città a una discreta devastazione"

Anonimo ha detto...

La presa per il culo è ufficiale:
http://www.repubblica.it/scuola/2010/12/16/news/scontri_roma_udienza-10267806/?ref=HREA-1

ROMA, TUTTI SCARCERATI I 23 FERMATI
Il Tribunale ha convalidato gli arresti. Poi, valutando caso per caso, ha rilasciato 22 degli imputati. Per un giovane arresti domiciliari. Il sindaco: "Protesto a nome di Roma. I danni e la gravità degli scontri avrebbero richiesto ben altra fermezza"

Scarcerati dopo aver visionato i filmati. A processo andranno solo 8 di loro, tutti per lesioni e resistenze a pubblico ufficiale. UNO SOLO è AGLI ARRESTI DOMICILIARI.
Mi sa che i danni all'arredo urbano e i risarcimenti ai commercianti li pagheranno i romani come sempre.

Anonimo ha detto...

Ricordatevi le parole di Berlusconi "i veri studenti stanno a casa a studiare, questi sono solo fannulloni" questo sarebbe il discorso di uno statista o di un bulletto irresponsabile? L'ex picchiatore La Russa che se la prende con i manifestanti violenti è proprio il massimo.

Les ha detto...

Sì, Berlusconi ha detto una sciocchezza ma poi gli studenti che volevano manifestare pacificamente l'hanno fatto.

Quelli che invece hanno attaccato la polizia non sono in alcun modo giustificati dalle dichiarazioni del presidente del consiglio.

Il ministro La Russa che zittiva il capo studenti mentre parlava è stato uno spettacolo degradante, allo stesso modo il capo studenti ha giustificato gli scontri con il clima politico e sociale, squalificando le ragioni della protesta.

Traffico Matto ha detto...

No, secondo me non ha detto una sciocchezza...Ci sono 8 milioni di studenti in Italia. Ne sono scesi in piazza 100mila (stime loro!). E' matematico che la maggioranza sia rimasta a casa. Dissento invece sul fatto che siano fannulloni...Quello non è dimostrabile, essendo un carattere personale.

Nessun clima politico giustifica quello che è successo. NULLA giustifica la violenza.

Altro che infiltrati poi, è uscito chiaramente (nei verbali dei tribunali) che era gente figlia di anarchici, ex terroristi, etc. Autonomia operaia...

Anonimo ha detto...

So due anni che si protesta contro sta legge de merda stimo io che quelli contrari sò un po' di più dei centomilla scesi in piazza - che sono comunque di più di quelli scesi in piazza a sostegno della lista piddielle pe elegge la pesciarola. Un ricercatore che se fa rode er culo non è esattamente un fannullone, non meno del TROIONE che il nano ha fatto uscire di galera e alla quale ha rifilato settemila beuri!

Anonimo ha detto...

ritengo che la violenza sia a volte un male necessario.soprattutto se avviene quando in palamento si comprano le persone, sotto gli occhi increduli della gente.il futuro del nostro paese è stato pagato quattro spicci a tre venduti immorali.
la gente ne ha piene le palle di questa italia.
se studenti,black block, anarchici....chiamateli come vi pare mettono a ferro e fuoco la città un motivo c'è.
chiediamoci quale è il motivo e smettiamola di chiamarli solo vandali.
ciò che è successo in parlamento è di gran lungo piu vandalico e degradante di 4 manganellate e due macchine in fiamme.

Antonio ha detto...

Vabbene la zona rossa la zona verde o nera ma mi chiedo come sia stato possibile che una strada cosi importante come via del corso sia stata terra di conquista dei vandali?? e visto che hanno scarcerato praticamente tutti i fermati i danni chi li paga? il governo?

Antonio ha detto...

@anonimo
e perchè la violenza non la vanno a fare a casa dei politici invece di farla contro il patrimonio pubblico (cioè di tutti noi) e le attività private che con quello che succede in parlamento non hanno nulla a che fare??? eh??

Les ha detto...

attenzione ai commenti 19.14 e 19.33, sospetto Troll.

Anonimo ha detto...

non sono un troll. solo dico quello che penso.
e ribadisco che la corda si rompe quando si tira troppo.
voi pensatela come vi pare.

fitzcarraldo ha detto...

La risposta di questo governo alla frattura generazionale che si è determinata è: REPRESSIONE
Coprendosi di ridicolo vogliono applicare il Daspo ai manifestanti..come se le piazze fossero stadi..
Vanno avanti per la loro strada. tagli, tagli, tagli, regali alle scuole private, nessuna riforma del mercato del lavoro che dia una prospettiva diversa dal precariato a vita, premi agli evasori fiscali, migliaia di posti di lavoro, solo a Roma, a TEMPO INDETERMINATO, IN AZIENDE PUBBLICHE DECOTTE, per figli, mogli, amanti e amici degli amici, miliardi di euro per le missioni militari che nessuno sa più a cosa servano..
RAGAZZI LA STORIA ESIGE CHE SI DIA UN NOME ALLE COSE!!
E per addolcirvi il pomeriggio..correte all'Ara Pacis: presentano una nuova utilitaria a 1 metro..1METRO..dai marmi millenari di Augusto con il beneplacito della Sovrintendenza!!
Ha ragione l'anonimo..vogliono spezzare la corda..ricordatevi la faccia e gli occhi di un nostro ministro ad Annozero qualche sera fa..e meditate

Anonimo ha detto...

Studenti, la ricetta di Gasparri
"Servono arresti preventivi"
http://www.repubblica.it/politica/2010/12/19/news/gasparri_terroristi-10382634/?ref=HREA-1
Qualcuno ha qualcosa da dire in proposito?

fitzcarraldo ha detto...

C'è poco da dire, caro Anonimo..la sinistra ha passato 20 anni ad elaborare il lutto del crollo del comunismo, a FUSTIGARSI, incapace di elaborare un nuovo modello di società e rincorrendo penosamente sul suo terreno la Destra..con i risultati che sappiamo.
I FASCISTI non hanno mai realmente cambiato pelle..lo sono ancora e ne vanno orgogliosi.
Al poco onorevole Gasparri rispondo solamente con...ORA E SEMPRE RESISTENZA!

Anonimo ha detto...

ma in realtà il declino della sinistra era iniziato da tempo...vi ricordate (o meglio vi è mai capitato di leggere) l'articolo di Pasolino contro gli scontri polizia e studenti ? Diceva che i figli del sud (polizia) combatteva contro i futuri governanti che si preparavano al potere !
Se pensiamo che in quei cortei c'erano persone come veltroni e d'alema (compagni o borghesi ?) non possiamo che dargli ragione !

Anonimo ha detto...

Pasolini, ovviamente.

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO