Una volgare speculazione

martedì 2 novembre 2010


Chi segue questo blog sa quanto noi siamo sempre stati favorevoli al Gran Premio di Roma. In prospettiva, più che il ritorno economico, ci piaceva l'idea che il rione ne uscisse fuori riqualificato con interventi sull'arredo urbano, nuovi marciapiedi e l'ipotesi suggestiva dell'interramento della Cristoforo Colombo, con conseguente pedonalizzazione dell'asse monumentale che va dalle Tre Fontane al Palalottomatica. Cosa positiva sarebbe stata il ritorno d'immagine per un quartiere unico nel suo genere in Europa, che avrebbe tutte le carte in regola per costituire, da solo, un polo di attrazione turistica, molto più di quanto non lo sia ora. Le architetture del ventennio, ma anche la nuova Nuvola e gli edifici residenziali di Renzo Piano, nonché l'Acquario virtuale e l'apertura al pubblico del Palazzo della Civiltà e del Lavoro, alias Colosseo Quadrato, trasformato in museo della moda e del design con annesso ristorante panoramico. Un intervento all'arredo urbano sarebbe assolutamente necessario per rilanciare il quartiere. Ma alla vista del progetto abbiamo letteralmente strabuzzato gli occhi. Nessuna traccia degli interventi sull'arredo urbano, né dell'interramento della Colombo. Il progetto prevede la costruzione dei due mostri osceni che vedete nel rendering qui sopra. Un abominio che ci lascia senza parole, uno stupro in piena regola, inaccettabile e irricevibile senza se e senza ma. L'architetto che ha partorito questa cacata mostruosa è, citando Repubblica, Carlo Maria Sadich, già autore del "Soratte Outlet". E così, in uno dei quartieri meglio disegnati d'Europa, esemplare manifesto dell'architettura del ventennio, consentiamo a un architetto di centri commerciali di piazzare una volgarissima "carie" informe. Senza un bando internazionale, senza una gara. Un modello di edilizia che in Europa è bandita da anni, e che a Roma trova terreno fertile a causa della cafonaggine di certi indidivui inopportunamente piazzati nei posti che contano. Altro che Gran Premio. Questa è una volgarissima e irricevibile speculazione edilizia.

7 commenti:

Les ha detto...

Io ero favorevole al Gran Premio a due condizioni.
-
La prima, la più importante: nessun tipo di disagio agli ospedali e cliniche dell'Eur.
-
La seconda, ripulitura totale dei muri e rifacimento aiuole e arredo urbano.
-
Tutto è vanificato dal progetto del Comune di costruire nuovi palazzi vicino al tracciato del Gran Premio.
Se quello è il piano definitivo, il Gran Premio NON si deve fare.

asgard1 ha detto...

Uno sconcio unico: ma chi diavolo autorizza queste cose al giorno d'oggi, dove le principali capitali europee ci ridono dietro a vedere queste NEFANDEZZE?

Anonimo ha detto...

E menomale che questo sindaco si è fatto eleggere criticando le speculazioni di Veltroni...

Anonimo ha detto...

Ragazzi che schifio assurdo!!!

Anonimo ha detto...

Non si può rovinare così l'unica zona decente della città. FERMATEVI!

Anonimo ha detto...

E' stato smentito tutto comunque...

degradodivarese ha detto...

Fellini e l'EUR :
http://www.youtube.com/watch?v=I7JRrM9uyBc
evento ! compaiono un paio di timide scritte/"tags" degli anni '80

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO