Arte contemporanea?

venerdì 10 settembre 2010


Di fronte a simili spettacolini di quotidiana inciviltà rimaniamo sempre stupiti. Che si tratti di arte contemporanea? La domanda sorge spontanea, osservando bene la curiosa composizione in stile "natura morta". Abbiamo un gabbiotto aperto (un contatore? una centralina elettrica?) e alla mercè dei passanti, abbiamo un nastro bicolore acciambellato attorno, risalente probabilmente agli anni '80, lasciato lì a biodegradarsi (speranza vana). C'è l'usuale cumuletto di monnezza, un adeguato contorno di erbaccia, e per finire una scrittina (non ci facciamo mancare niente). Una composizione perfetta. La foto ce la manda Les, siamo nel devastato rione Trashtevere, ma potremmo essere da qualsiasi altra parte. Ormai a Roma il degrado è talmente diffuso e radicato, talmente endemico, che è impossibile non coglierne traccia, ovunque ci si trovi. Questi mini-spettacolini dell'inciviltà italica, tuttavia, il più delle volte sfuggono alla vista del passante distratto, troppo concentrato ad incrociare con lo sguardo il Grande Schifo. Ed è per questo che noi, inesorabilmente, continuiamo a inquadrarli, zoomarli, fotografarli per proporveli sul blog. Isolando il soggetto, forse, si riesce a cogliere la natura del problema. Il proprietario del gabbiotto si fida ciecamente a lasciar aperto il contatore. Non si preoccupa del fatto che, in caso di incidente, la responsabilità per il bambino morto fulminato sarà la sua. La municipale mette i nastri bicolori per segnalare i lavori, ma poi non li toglie, o se li toglie lascia un pezzetto. Anche questo è un tratto distintivo, una demarcazione del territorio. Il fiocchetto residuo DEVE esserci, per mostrare al mondo di che pasta siamo fatti noi. Il turista passa di lì e ci getta una cartaccia. In fondo che male c'è, lo fanno tutti. Il pischelletto giulivo col pennarello in mano lascia la firma sull'opera appropriandosene definitivamente. Si perché noi, in fondo, vogliamo sperare che di opera d'arte si tratti. Ed è per questo che alla foto abbiamo dato un tocco fiabesco, un bagliore suggestivo, un'atmosfera accattivante. Voi che ne dite?

5 commenti:

Anonimo ha detto...

PASSEGGIATA ANTIDEGRADO SOLITARIA:

Tra V.le Aventino e P.zza Remuria ho liberato 8 tra pali della luce e paline sempre dalla stesa locandina del "Centro Sportivo Colombo" che ha letteralmente tappezzato interi quadranti di Roma centro - sud.

Mc Daemon

Riprendiamoci Roma ha detto...

Gran bel lavoro McDaemon! La prossima volta sei dei nostri?

Anonimo ha detto...

Se posso volentieri...ma il tempo ultimamente è davvero tiranno.

Mc Daemon

Anonimo ha detto...

Neanche a Nairobi uno schifo tanto...

Riprendiamoci Roma ha detto...

Già, neanche Nairobi

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO