Missione compiuta!

giovedì 29 luglio 2010


Venerdi mattina sono state consegnate in Campidoglio le firme a sostegno della delibera d'iniziativa popolare contro cartellone selvaggio. In tutto circa 10.000 firme, di cui 8.500 validate dall'Ufficio Elettorale del Comune. Insomma abbiamo indubbiamente ottenuto un ottimo risultato. Grazie a tutti. (Fabio Depino).

Ora possiamo dirlo: missione compiuta! E compiuta alla grande! 10.000 firme raccolte è una signora cifra. E' esattamente il doppio della quota minima richiesta per legge. E rappresentano un segnale d'allarme per l'amministrazione che non potrà certo essere ignorato. Ora la delibera di iniziativa popolare arriverà in discussione al consiglio comunale e da lì si comincerà a giocare a carte scoperte. Chi voterà contro rimarrà col cerino in mano. E non potrà più nascondere le proprie responsabilità. Ringraziamo tutti i volontari che hanno partecipato alla raccolta firme, le associazioni, i blogger antidegrado, i forumisti di Skyscrapercity e i semplici cittadini che hanno speso il loro tempo per raccogliere le firme necessarie. Ogni sera un banchetto, ogni sera una raccolta firme, anche il weekend, anche con 40° all'ombra. Un impegno intensissimo e gravoso che ha coinvolto anche i membri di Riprendiamoci Roma, togliendo tempo alla consueta organizzazione delle nostre passeggiate antidegrado. Tuttavia il nostro lavoro non è finito. Per vincere questa battaglia occorre continuare a sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema. Dobbiamo continuare a parlare con la gente, mostrare loro le immagini degli orrori cartellonari. E lo faremo senz'altro. Giusto il tempo di riprendere fiato e di goderci un po' di meritato riposo.

EDIT, 1 agosto 2010 - Intanto la battaglia di Cartellopoli finisce nuovamente sui giornali, sulla prima pagina di Cronaca Roma, e perfino sul TG5.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ben fatto, ma ora dedichiamoci ai graffiti.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Ma certo, ci mancherebbe altro :)

Les ha detto...

A settembre iniziamo la campagna antigraffiti vandalici.

Les ha detto...

Pensate che ieri a In Onda - programma di attualità su La7 - erano ospiti Alemanno e Fuksas che parlavano dei problemi di Roma. Luisella Costamagna ha nominato i cartelloni abusivi e Alemanno li ha elencati come nulla fosse! Fuksas ha detto che c'è il problema degli alberi e non ha minimamente accennato ai graffiti che rovinano qualsiasi architettura, moderna o antica, di Roma. Strano che non li veda, ha lo studio a Piazza Monte di Pietà, a pochi passi dall'imbrattatissima Via dei Pettinari. Se non protestano gli architetti contro le scritte vandaliche, chi lo fa? Noi!!!

Antonio ha detto...

Quello è il problema Les, ormai (loro) si sono abituati ai graffiti anche perchè Roma è totalmente ricoperta di scritte da quello che vedo io da esterno...dopo cosi tanti anni a forza di vedere scritte ovunque chi è che si scandalizza ora??? Neanche son capaci (o interessati???) a coprire una tag...figurati interi palazzi e muri.....per me Roma rimarrà sempre cosi, magari con qualche piccole oasi...pensa che attaccato al muro di un palazzo nella zona medievale qui a FE ho trovato un foglietto scritto a mano con su scritto "vendo frigorifero...." ormai attaccano qualsiasi cosa ovunque, non bastano più i pali, tanto non cè nessuno che controlla queste cose...che pena l'Italia!

Anonimo ha detto...

Qui a Roma hanno preso anche ad attaccare i cartelli vendesi sugli alberi,m con un bel chiodo fissato sul tronco. Considerando quanti ne attaccano, probabilmente presto morirà qualche albero per questo motivo.

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO