Passeggiata Antidegrado a Viale Marconi

martedì 1 giugno 2010


Le vie dello shopping sono piene di affissioni abusive sui pali e sui muri. Non fa eccezione Viale Marconi, i cui lampioni e semafori vengono presi di mira da attacchini, traslocatori e e agenti immobiliari che li incartano con le loro pubblicità. Vista la situzione, abbiamo pensato di svolgere qui la passeggiata antidegrado di questa settimana. Appuntamento alle 21.00 a Piazza della Radio. Con forbici e taglierini abbiamo estirpato il maggior numero possibile di affissioni abusive, avvisi di vendesi e stickers dei traslocatori e serrandari. Alcuni di questi erano addirittura appiccicati sui cassonetti, proprio sopra l'indicazione della raccolta differenziata. Così ti ci cade l'occhio ma intanto non riesci più a leggere come devi smaltire i rifiuti! Pazzesco. A Piazza Fermi è accaduta una cosa bizzarra: una volante della Polizia ci ha fermato mentre scartavamo i pali del semaforo, dicendoci che non potevamo farlo ma dovevamo chiamare i vigili urbani. Seee, come no, gli stessi che dovrebbero multare le auto in doppia fila o segnalare i cartelloni illeciti... Così abbiamo spiegato ai due agenti in macchina che i nuovi decreti antidegrado prevedono sanzioni per chi affige ed espone "manifestini e simili". En passant, abbiamo ricordato ai poliziotti che il primo a rallegrarsi delle nostre azioni è stato proprio il sindaco Alemanno, quando nelle vesti di "cittadini-stacchini" abbiamo ripulito i muri dai manifesti abusivi dei politici durante le ultime elezioni. Alla fine i due agenti hanno desistito e sono ripartiti con la loro auto e noi ci siamo chiesti per l'ennesima volta perché la Polizia ci ferma a noi ma lascia stare quelli che delinquono e cioè quelli che attaccano i manifesti sui pali. Bah. Per finire, abbiamo testato su un muro ignobilmente sfregiato dalle tags il nostro prodotto antigraffiti e il risultato è stato più che decente. Come sempre, ringraziamo i partecipanti e diamo appuntamento al prossimo blitz antidegrado.

17 commenti:

nokia1 ha detto...

Ormai multano chi stacca e ignorano chi attacca....che bel paese !

Iena Ridens ha detto...

Hanno davvero la faccia come il culo

Riprendiamoci Roma ha detto...

La tag è venuta via bene, vero? Il prodotto che utilizziamo noi è poco viscoso e viene applicato con uno spruzzino, per questo penetra bene nei buchi del marmo e il risultato è soddisfacente. Dobbiamo comprare una spazzola a setole dure per migliorare ancora il risultato.

Les ha detto...

Stavo di corsa e avevo solo una spugna, sennò facevo meglio.

Riprendiamoci Roma ha detto...

E' comunque un ottimo risultato. Sicuramente meglio del prodotto viscoso, che invece va bene più per le superfici liscie. Anche la scelta di applicarlo a spruzzo ha favorito la penetrazione nel marmo. Con la spazzola possiamo provare a farlo penetrare ancora di più nei pori.

theDRaKKaR ha detto...

quei due poliziotti sono due dementi

theDRaKKaR ha detto...

PS prossima volta che vi ferma la polizia dategli di video che poi mettiamo su YouTube ;-)

cittadino romano ha detto...

Mail, firmata, appena inviata a Sindaco e Questore:

Spett. Questura di Roma,
Egregio Sindaco di Roma,

alcuni volontari anti-degrado ci hanno riferito che in data 31 maggio 2010 ore 21.00 circa, in zona Viale Marconi, mentre erano all'opera rimuovendo manifesti e locandine abusivi dai cartelli stradali, semafori, pali della luce, cassonetti eccetera una volante della Polizia di Stato li accostava e i due agenti occupanti l'autovettura comunicavano ai volontari che l'operazione di ripulitura non era consentita. Ovviamente nasceva una discussione nel quale i volontari sottolineavano l'utilità sociale della loro operazione, riconosciuta persino dal Primo Cittadino, col risultato che gli agenti desistevano e si allontanavano.

Voglia questa Spettabile Questura sensibilizzare gli agenti in servizio sul territorio ad aiutare i volontari antidegrado e a combattere con più incisività l'attacchinaggio abusivo.
Soprattutto che gli agenti non facciano l'opposto, cioè contestare la benemerita opera di volontariato dei cittadini e tralasciare il controllo dell'abusivismo.

Voglia infine l'Egregio Sindaco sensibilizzare le forze dell'ordine a contrastare con più efficacia l'indegna opera di deturpamento causata da pochi a discapito della città eterna e della cittadinanza romana tutta.

Cordiali saluti,

MattSid ha detto...

La risposta alla vostra domande è semplice: quello che facciamo noi è anormale perché poco diffuso, mentre affiggere manifesti abusivi e schifezze di sorta è la normalità.

E ciò è inaccettabile.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Grazie cittadino romano.
MattSid hai detto tutto.

fitzcarraldo ha detto...

Ragazzi siete grandi..
Io mi sto impegnando sul fronte (è proprio il caso di dirlo..) cartelloni abusivi ma tra qualche giorno avrò un pò più di tempo per partecipare anche alle vostre iniziative!
L'episodio della PS che se la prende con voi mi ricorda quell'operatore dell'AMA che in Via Nazionale, completamente ricoperta di manifesti abusivi, se la preSE con noi che li toglievamo..Meglio riderci su..E CONTINUARE

degradodivarese ha detto...

anche a me la polizia (e/o carabinieri) mi ferma sempre per chiedere cosa stia facendo.. solo una volta però mi hanno diffidato dal continuare le operazioni di bonifica. di solito dopo che gli spiego quello che faccio, perché lo faccio e che non mi paga nessuno, dopo mostrato il documento di identità, mi fanno i complimenti, a volte ringraziano e se ne vanno. diverso con i vigili.. molto più rigidi e dalla mente ristretta.. o non ti vedono del tutto (non si accorgono di grossolani errori di segnaletica stradale o di enormi buche sull'asfalo, figuariamoci se notano qualcuno vicino a pali, semafori e fermate autobus che potrebbe sia pulire come nel mio caso, ma anche fare l'esatto contrario) oppure sono estremamente severi come mi è capitato un paio di volte che mi hanno sequestrato il taglierino !
m. mariani

Anonimo ha detto...

I vigili sono dei poracci.

Marcello ha detto...

Per cittadino romano: grazie per aver invato l'e-mail al Questore, pero' l'episodio e' avvenuto il 26 maggio, e non il 31.
Sarebbe un peccato se venissero puniti i poliziotti sbagliati... anche se temo che non sia un problema.

Anonimo ha detto...

Per me la state facendo un po troppo grossa, gli agenti si sono limitati a chiedervi cosa facevate...mi sembra più che legittimo !
Spero solo che ora non vi paragoniate agli eroi uccisi dagli israeliani mentre tentavano di portare viveri ai palestinesi !

Riprendiamoci Roma ha detto...

No, ci hanno detto proprio "Voi non potete togliere le affissioni, dovete segnalare la cosa ai vigili".

Antonio ha detto...

Anonimo la cosa grossa la fanno quelli che alla luce del sole affiggono ed attaccano pubblicità abusiva, e nessuna autorità muove un dito, questi si che la fanno grossa. Io cmq non mi pongo certamente il problema, appena vedo mi fermo e zac.

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO