Lavori pubblici

mercoledì 23 giugno 2010


Secondo la nota Teoria delle finestre rotte, il lassismo porta degrado e il degrado chiama altro degrado. In questa spirale senza fine, la città abbandonata dalle amministrazioni piomba inevitabilmente nell'anarchia barbara e incivile. Comportamenti prima inaccettabili diventano la norma. Quando si alza la soglia del degrado tollerato, si finisce con l'accettare tutto. Guardate questa foto. Ci troviamo a Trastevere, a Via della Scala, proprio davanti alla omonima chiesa. Questa è la qualità dei lavori pubblici del Comune. Una pecetta di catrame entro cui affogare i sanpietrini. Una cosa indecente e inaccettabile in qualsiasi angolo del mondo civile. A Roma, in quel buco nero di illegalità e degrado che è diventato Trastevere, tutto questo è accettato e tollerato. In una qualsiasi città dell'Europa una simile smerdata avrebbe portato la gente in piazza coi forconi e le mazze a stanare il pecionaro di turno responsabile di un simile schifo. Qui a Roma no. C'è gente pagata per distruggere la città. Ci sono ex-pecorari, avanzi di galera, manovalanza a basso costo, ingaggiata per rattoppare alla cazzo di cane le buche sulle strade del centro storico patrimonio dell'umanità. Lavori ignobili, da denuncia, da esposizione in piazza al pubblico ludibrio. E nessuno dice niente. Ci sono abitanti che pagano fior di miliardi del vecchio conio per abitare in un quartiere ridotto alla stregua di una succursale di Malagrotta. Tutto il quartiere è così. L'Italgas sgarra le strade e ricopre tutto con ignobili colatone di cemento. Tutti vedono e prontamente si adeguano. Guardate che schifo. E chiedetevi se non è il caso di fare qualcosa, di pensare a qualcosa per mettere fine a tutto questo. Se vale la pena alzare il culo da quella cazzo di sedia in cui siete seduti per sollevare il finimondo, per scendere in piazza a protestare contro questo schifo senza fine. Pensateci e poi fateci sapere.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Io ci ho pensato e credo proprio che alzerei il culo non per quelli che vivono in centro e che spendono miliardi per vivere li (e chissenefrega!) ma alzerei il culo per quelli come me me che vivono nell'infinita periferia di roma, che non finisce su giornali o blog per buche, disservizi e quant'altro.
A me del centro mi non mi frega molto, perche' non ci vivo e non ci vive neanche la stragrande maggioranza dei romani. roma e' per chi la vive non per i turisti. il degrado non e' una vegrogna perche' i turisti lo fotografano ma e' una vergogna perche' rende invivibile la citta' agli stessi romani. di tutti i quartieri, il centro e' il meno degradato ed il piu' pieno di servizi. questo dovrebbe far riflettere tutti, anche chi si ostina a parlare sempre e solo del centro alla disperata ricerca di un riscontro mediatico

Riprendiamoci Roma ha detto...

I membri del gruppo abitano a Trastevere, Monteverde, Marconi, Portuense, EUR, Aurelio, Esquilino, Campo Marzio. Non è che ci mettiamo a girare Roma alla ricerca di qualcosa che non va.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Poi questo nello specifico era un articolo dedicato alla qualità dei lavori pubblici. E la scelta di Trastevere, manto a sampietrini sostituito con volgare toppa di calce, è emblematica.

Les ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Les ha detto...

anonimo, saremo contenti di occuparci della periferia, se ci segnali delle strade possiamo fare foto e magari organizzare una passeggiata antidegrado.
Noi qui denunciamo l'apatia dei cittadini del centro, che si vantano di dove vivono anche se fa schifo.

Les ha detto...

continua lo scempio delle ville, di nuovo al Pincio
-
http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/06/22/foto/villa_borghese_svastiche_sulla_fontana-5044910/1/

degradodivarese ha detto...

invece roma dovrebbe essere prima di tutto per e a misura di turista ! proprio come lo sono tutte le città della francia, dell'inghilterra, della scandinavia, dell'est europa,.. insomma, tutte meno quelle italiane (e roma per lo meno qualche indicazione anche se malconcia, per i turisti ce l'ha, milano neppure quello)
solo torino è abbastanza all'altezza di competere con le altre città europee, per na serie di accorgimenti che ha (dal tipo di segnaaltica che è un simil svizzera e francia, per gli spartitraffico verniciati di bianco e nero, per i trasporti, per le mappe informative in giro per il centro storico, ecc..)quindi, senza "forse" dico che torino è la città più europea d'italia !

theDRaKKaR ha detto...

scritta mail al Sindaco..

ma non si rompono di ricevere migliaia di e-mail di lamentele al giorno? mah....

theDRaKKaR ha detto...

@degrado

incidentalmente sono ritornato a Torino da Roma proprio perché mi ero rotto le palle di vivere nel terzo mondo (e non sono torinese, ma romano)

comunque il degrado sta aumentando vertiginosamente anche qui, ma pochi per ora se ne stanno accorgendo..

intanto ho aperto un blogghino locale

http://miglioratorino.blogspot.com/

Riprendiamoci Roma ha detto...

Grazie drakkar, l'ho inserito tra i link dei blog italiani antidegrado

degradodivarese ha detto...

lo so lo so che il degrado urbano è presente anche a torino e che purtroppo sta aumentando (attorno la rai, in via pò, sotto i portici, in via ccademia delle scienze, perfino in piazza castello lato aperto al traffico..) pertanto aspettiamo con entusiasmo e fiducia l'inizio ed organizzazione di passeggiate anti degrado anche nella città della mole, della sindone, della fiat, del martini, del 2° museo egizio più imp del mondo, dei misteri, della magia, eccetera eccetera.. !
manuele mariani

theDRaKKaR ha detto...

grazie a te Rip!
Degr, speriamo!

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO