Associazioni confuse

mercoledì 30 giugno 2010


Le cronache di ordinario degrado si susseguono giornalmente sulle prime pagine dei giornali. La città è messa e ferro e fuoco dai barbari. E puntualmente scoppia la polemica delle associazioni di quartiere. Polemiche assai confuse, a dire il vero, che mancano totalmente di lucidità. I vandali scrivono sulla fontana di Villa Borghese? Le associazioni dei residenti tuonano: "Basta coi tavolini selvaggi!" Gettano la vernice nella Fontana di Trevi? Le associazioni dei residenti tuonano: "Ordinanza antivetro, subito!" La sensazione è che si faccia fatica a percepire la reale radice del problema. Le scritte sui muri, le scritte sui monumenti, le affissioni abusive, la sosta selvaggia, i quintali di sacchi di monnezza buttati in strada, l'arredo urbano inesistente e/o brutalizzato, gli episodi di ordinario vandalismo, i lavori pubblici fatti male. La mancanza di decoro, legalità e vivibilità. Questi sono i problemi del centro storico. Il problema non è abolire la movida. Quella c'è in ogni città del mondo, ma non genera il caos che c'è qui da noi. Il problema semmai è un altro. Non si può chiedere a un ragazzo che frequenta un cesso di quartiere nel centro di Roma di comportarsi bene. Non lo farà mai. Perché in un quartiere ridotto peggio di una latrina di Calcutta, come è ad esempio Trastevere, il ragazzo si sentirà sempre autorizzato a scrivere sui muri, a buttare le bottiglie in strada, ad attaccare manifesti sui palazzi. Il degrado chiama sempre degrado. E le responsabilità sono dei residenti e dei Comitati di Quartiere, che pur esistendo da molto tempo evidentemente (e la prova è nei fatti) non sono mai stati in grado di risolvere i problemi. E' un fallimento di cui si deve prendere atto. Possibile mai che questi comitati, in alcuni casi, non abbiano nemmeno un blog di riferimento in cui discutere? All'associazione Vivere Trastevere abbiamo proposto una serie di iniziative antidegrado, senza mai ricevere risposta.

3 commenti:

Les ha detto...

Ormai solo i più distratti non hanno capito che le associazioni di quartiere sono un ricettacolo di lamentele fini a sé stesse, mai centrate sui problemi veri del degrado urbano.
Come mai i residenti del centro si lamentano dei tavolini senza specificare che se gradevoli e non invadenti sono una risorsa per la socialità e l'economia?
Non è accettabile che i comitati focalizzino l'attenzione sui tavolini e non sul problema vero: le auto parcheggiate nelle piazze del centro.
Le associazioni chiedono l'ordinanza antivetro ma i ragazzi lasciano le bottiglie vuote perché vedono le buste dell'immondizia lasciate sui marciapiedi.
Solo quando non ci saranno le buste per terra, i ragazzi capiranno che il quartiere è pulito e comunque l'esempio lo deve dare l'AMA pulendo sempre le strade.
E poi lamentarsi dei vandali è inutile se poi si lascia la città in mano ai writers, se ne facciano una ragione i cittadini indignati dagli ultimi fatti di cronaca.
Fino a quando i muri saranno coperti da graffiti, ogni vandalo sarà autorizzato a scrivere sui busti del Pincio.
E' normale, si chiama emulazione.

Anonimo ha detto...

"Piscine di Torrespaccata: dove i topi mangiano i gatti." E ho detto tutto.

degradodivarese ha detto...

hai ragione, parlano parlano e concretamente non fanno nulla !

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO