Quer pasticciaccio brutto a Trastevere

mercoledì 12 maggio 2010


Pare che alcuni residenti di Trastevere si siano lamentati perché nell'intervento di ripulitura delle facciate sarebbero stati utilizzati colori sbagliati. Su ePolis di ieri, è comparso un articolo (potete leggerlo qui) con le denunce di Stefano Marin, Presidente del Consiglio del I Municipio, e di alcuni residenti, che segnalano danni a immobili vincolati (come la storica Farmacia che si trova accanto alla Chiesa di Santa Maria della Scala). Noi per primi avevamo fatto notare questa cosa, che cioè i colori selezionati dalla Sovrintendenza erano tutti sballati. O quantomeno, che l'AMA e il decoro urbano avevano consegnato i colori "a casaccio". In generale, tirava un'aria da "dilettanti allo sbaraglio". Cosa peraltro non evidenziata da nessun organo di stampa all'infuori del nostro blog. Lo stesso muro ridipinto dal sindaco, che si vede nella foto, è stato ridipinto con una vernice di colore diverso dall'originale. Per questo quel giorno ci eravamo limitati a staccare i manifesti abusivi affissi sul muretto che si affaccia su Via del Politeama e a rimuovere i graffiti con un solvente dalla saracinesca di un negozio. Allo stesso tempo, però, ci chiediamo: se residenti e consiglieri hanno così a cuore lo stato delle mura dei loro edifici, perché non hanno provveduto a ripulirli per tempo? L'intervento era autorizzato dal Comune, pubblicizzato a dovere e tutti i residenti ne erano informati. La prossima volta cerchiamo di essere più presenti e di chiedere maggiore rigore e attenzione nelle modalità di intervento. Aggiungiamo che se le cose dovessero continuare su questo andazzo, ossia gestite da Sovrintendenza e AMA con simili livelli di dilettantismo, non parteciperemo più a questo genere di eventi e seguiremo la strada dei singoli interventi di qualità, concordati con i residenti e se possibile con l'ausilio di pittori e restauratori, senza toccare monumenti o edifici sottoposti a vincolo. La disorganizzazione e il dilettantismo rischiano di uccidere il movimento antidegrado.

10 commenti:

n@po ha detto...

Se residenti e consiglieri del I Municipio hanno davvero a cuore il loro quartiere, perché non hanno verificato i colori durante le operazioni di pulizia?

Anonimo ha detto...

Ma soprattutto, dov'erano mentre si ripuliva?

Antonio ha detto...

E dove caspita erano mentre i vandali imbrattavano le strade??? Ma lamentarsi e chiedere interventi di pulizia prima no? Mah

Alessandro ha detto...

Una polemica un tantino pretestuosa...

asgard1 ha detto...

Sante parole, articolo condivisibile in pieno. Complimenti e continuate così.

simone ha detto...

E perché la restauratrice non ha ritenuto opportuno fare un trattamento protettivo antigraffiti? Che non lo sapeva che a Trasvetere la facciata ripulita della farmacia sarebbe durata da Natale a Santo Stefano? Non hanno proprio attenuanti

Riprendiamoci Roma ha detto...

Già, chissà perché. I restauratori forse vivono su marte.

Degrado Apriliano ha detto...

quel muro che si vede in foto necessiterebbe di un bel restauro, non di una spennellata con colore pure a casaccio. i buchi nel muro li vedo solo io?

Antonio ha detto...

Pretendi troppo! Già è tanto che siano venuti a dar un pò di colore sui muri imbrattati....:D

Anonimo ha detto...

Vabbè, tutte le obiezioni sono giuste, è colpa anche di altri, ok, ok ... però sbagliare i colori è veramente incredibile, fa tanto "Operazione sottoveste"!!! Che dilettanti...

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO