Dall'AMA, alle multe: la questione-Colosseo

sabato 22 maggio 2010


Ultimamente abbiamo un po' trascurato la rassegna stampa. Eh si, perché di notizie scottanti ne sono uscite parecchie. Giorni fa abbiamo dato conto della denuncia dell'Authority sui servizi pubblici nei confronti dell'AMA, descritta come un'azienda "costosa e inefficiente". Con questi requisiti una qualsiasi impresa fallirebbe domani stesso. Qui a Roma no. E difatti continuiamo ad annegare nella monnezza. Giorni fa è uscito un articolo del Corriere della Sera in cui il deputato Consolo si lamenta, udite udite, "per le troppe multe ricevute dai vigili". Roma da matti. Nessuno ha ritenuto opportuno fare al deputato le seguenti domande: "volete violare le leggi che voi stesso avete scritto? Che bell'esempio date alla gente? Avete così tanto le pezze al culo che non potete pagare neanche una multa a settimana?". Andiamo avanti. Il Colosseo cade a pezzi ed è destinato a crollare a causa dello smog e delle vibrazioni del traffico. Non ci sono più scuse: restaurare integralmente il Colosseo e pedonalizzare la piazza. Farlo subito, già da domani. Ricordiamo che il Colosseo è il monumento antico più famoso del mondo ed è tutelato dall'UNESCO (come tutto il centro storico di Roma) in quanto "patrimonio dell'umanità". Se un simile monumento dovesse crollare, la questione finirebbe sulle prime pagine di tutto il mondo. E a quel punto i nostri amministratori sarebbero chiamati a rispondere all'umanità intera delle proprie responsabilità. E così mentre da domani sarà possibile visitare il Colosseo anche in notturna, il piazzale antistante il monumento continua ad essere tenuto in condizioni raccapriccianti. L'abusivismo prospera indisturbato. Presto avremo pure una piscina con vista-Colosseo. Ai tanti VIP e politici che fanno a gara a farsi regalare casa con vista-Colosseo noi diciamo: pensateci bene, perché presto, quando il Colosseo crollerà a causa della vostra idiozia e del vostro dilettantismo, la vostra casa non varrà più un cazzo. Per finire: Tredicine dice che i camion-bar non sono i suoi, Bordoni sostiene che i cartelloni non sono aumentati, il bilancio non c'è ancora, i vigili parcheggiano in divieto di sosta e i negozi storici chiudono.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

No il colosseo cadrà sicuramente per i lavori della nuova metro. Non può reggere un altro impatto di questo tipo...lo sanno tutti ! Sono solo interessi dei palazzinari che devono ringraziare veltroni.

Degrado Apriliano ha detto...

Riprendiamoci, cosa ne pensi di questo sito?
www.epart.it
Porebbe tornarci utile...

Anonimo ha detto...

ma cosa ha osato dire 13? ahahahahahahahah

anzi, c'è poco da ridere.

theDRaKKaR ha detto...

A dispetto di quel che dice anonimo, oggi ingegneristicamente, grazie alle "talpe meccaniche" di ultima tecnologia è possibile costruire tunnel sotterranei anche a 30 metri di profondità: va da sé che a quella profondità si potrebbe costruire non solo il tunnel della metropolitana, ma anche un tunnel automobilistico che sostituisca il transito superficiale di attraversamento su Via dei Fori Imperiali

è solo una volontà politica (e ovviamente ci vogliono quattrini)

Riprendiamoci Roma ha detto...

Bellissimo sito degrado apriliano! grazie per la segnalazione

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO