Un manifesto all'illegalità

domenica 28 febbraio 2010


Giulia Innocenzi ci scrive da parte di Italia Futura, l'associazione fondata da Luca Cordero di Montezemolo, per denunciare lo sfruttamento minorile nella pratica attacchinara. L'articolo da lei scritto e comparso sul sito dell'associazione si intitola Un manifesto all'illegalità ed è stato ripreso anche da alcuni giornali, tra cui il Corriere della Sera e Repubblica. Nelle foto allegate si vede un bambino, probabilmente rom, attaccare un manifesto su una colonnina pubblicitaria. Giulia lo ha fotografato in Viale Parioli all'ora di punta, le due del pomeriggio. Nel giro di pochi istanti, Giulia è stata avvicinata da due persone che con fare minaccioso le hanno intimato di andarsene. Ma le foto scattate sono state portate al commissariato di Ponte Milvio per la segnalazione alla Questura di Roma. L'episodio risale a qualche giorno fa, precisamente alla vigilia dell'approvazione del condono tombale e della "licenza di sporcare" da parte dei politici. Questo episodio ci mostra a quale barbaro livello sia giunta la classe politica italiana per affidare la propria campagna elettorale alla mafia attacchina. Gente senza scrupoli, che non ci pensa due volte a ricorrere anche al lavoro minorile pur di aumentare la percentuale di affissioni (e quindi di guadagno). E io mi chiedo come si possa ancora continuare a votare questa gente, che alimenta questo racket e lo fa alla luce del sole, senza vergogna, in una strada non certo degradata, non certo nascosta, all'ora di punta e alla vigilia dell'approvazione dell'emendamento vergogna, la licenza preventiva di imbrattare la città. Vi invito a segnalarci e a votare i politici di tutti i partiti che non praticano affissioni abusive. E vi chiedo di unirci a noi nella lotta a questa vera e propria piaga ambientale e sociale.

5 commenti:

Les ha detto...

Com'è possibile che i partiti politici di ogni schieramento spendano i soldi dei cittadini per stampare orrendi manifesti da far affiggere a ditte senza scrupoli sui muri della città?
La verità è che tutti i partiti considerano i cittadini meno di zero.

Les ha detto...

I residenti Campo Marzio consegnano i manifesti abusivi del PD al comitato elettorale di Emma Bonino
-
http://residenticampomarzio.ilcannocchiale.it/

Riprendiamoci Roma ha detto...

Grandi i Residenti! Ma anche noi abbiamo un blitz da documentare... vero Les? Lo faremo nei prossimi giorni.

Les ha detto...

Eh già!

fitzcarraldo ha detto...

Peccato non aver potuto partecipare ragazzi!
Ma finalmente ho sconfitto l'influenza e la prossima volta sarò con voi! Questi PORCI criminali (mi scusino i veri suini)sono tanti, potenti, ricchi e coperti da ampi settori della pubblica "amministrazione". Per loro nulla è un ostacolo, per loro non esistono regole o morale. Basta FARE SOLDI a palate, corrompendo, distruggendo, inquinando,a volte assassinando, violentando millenni di storia e di bellezza. Ma il dramma è che forse la maggiorparte dei romani e degli italiani li ammira e vorrebbe essere come loro. Le parole REGOLE e LEGALITA' danno fastidio a quasi tutti. Lo avete potuto notare dagli atteggiamenti provocatori di operatori AMA, Vigili Urbani e altri "pubblici dipendenti" in occasione di alcune nostre iniziative. L'Italia è diventata un verminaio di corruzione nascosta sotto il falso "lassa perde" e "volemose bene" e per averne una conferma basta vedere LE FACCE dei nostri futuri rappresentanti alla Regione, a cominciare da Celori, quello che da mesi campeggia indisturbato su centinaia di cartelloni illeggittimi. A proposito, lo so che non sembra possibile, ma hanno piazzato piccoli cartelli pubblicitari davanti al Battistero di S.Giovanni in Laterano e un folle 4 x 3 davanti ai resti Romani in Via Latina all'altezza di S. Giovanni Battista de Rossi! Luridi infami..domani vi mando le foto!

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO