Il Fu Ponte Sisto

venerdì 8 gennaio 2010


Il nostro viaggio negli orrori romani continua. Qui ci troviamo a Ponte Sisto, uno dei ponti più belli e suggestivi di Roma, che unisce Piazza Trilussa alla ormai famigerata Via dei Pettinari. Guardate in quali condizioni di orrendo degrado si trova. Ma questo è niente. Provate a passarci la sera e vi ritroverete a dover fare lo slalom tra punkabbestia, bottiglie, siringhe e residui di cibo. In certi periodi dell'anno vi stazionano fissi anche un paio di venditori (abusivi) di pannocchie, con tanto di tavolaccio di legno arrangiato alla bell'e meglio. Un contesto di degrado assoluto in pieno centro storico. Ponte Sisto fu costruito nel rinascimento in piena epoca di renovatio urbis, in uno dei momenti più splendenti dal punto di vista artistico, architettonico e urbanistico di Roma. All'epoca era il solo ponte di epoca post romana a congiungere le due sponde del Tevere, pensato e realizzato come collegamento ideale tra Via Giulia e Via della Lungara. Fino al 1994 il ponte era in queste condizioni (vedi in alto a sinistra), privo delle balaustre e ricoperto da una demenziale, orripilante gabbia di metallo, segno di quanto noi italiani (e in special modo noi romani) teniamo in considerazione il nostro patrimonio artistico. Restaurato per il Giubileo, Ponte Sisto ha vissuto la sua "rinascita" durata non più di una decina d'anni. Da qualche anno a uqesta parte il ponte si è trasformato in uno degli angoli più malfamati e degradati di Roma, nell'indifferenza più totale. Pensare che da qui si gode pure una bella vista sul Cuppolone.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

cliccando su "rinascita" vedo quanto era bellissimo il ponte ...e mi viene tanta rabbia...

Les ha detto...

Ponte Sisto unisce Trastevere, il più famoso tra i quartieri tipici, e la zona dei grandi monumenti (Piazza Navona, Pantheon, Altare della Patria).
Ogni giorno è attraversato da centinaia di turisti che fanno la spola tra i due quartieri più rappresentativi di Roma.
I turisti si fermano e si fanno la foto ricordo sul ponte ridotto in quelle condizioni.
Immaginate cosa pensano di Roma.

Antonio ha detto...

E cosi regalano un ponte ai writers e agli "alternativi".
Ma piazzare una telecamera no? Almeno in questi posti cosi importanti dal punto di vista storico e turistico! Cavolo!

Alessandro ha detto...

Ci saranno pure le telecamere...Il problema è che siamo talmente assuefatti da questi stronzi bimbiminkia che scarabocchiano dove più gli aggrada!

Anonimo ha detto...

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_gennaio_9/fori-imperiali-tassa-abusiva-1602263598967.shtml

Anonimo ha detto...

gli unici palazzi puliti ...senza scritte e senza manifesti abusivi sono i palazzi con le telecamere...quindi viva le telecamere...lo so è triste ma l'hanno voluta loro... + telecamere + decoro + sicurezza

Anonimo ha detto...

Anche se metti le telecamere a che serve? loro vengono con il viso coperto. A Ponte Sisto serve una guardia fissa.

Alessandro ha detto...

Nelle stazioni della metropolitana ci sono le guardie fisse, eppure...

Anzi, qualcosa l'Atac lo sta facendo per ripulirle da questa zozzura. Dopo anni e anni di abbandono e prostrazione al vandalismo

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO