Il 2010 dei Romani D.O.C.

venerdì 1 gennaio 2010

Apriamo questo 2010 augurando un buon anno a tutti i lettori del blog e a tutti i blogger antidegrado della capitale, sperando che questo sia l'anno buono per cominciare finalmente a cambiare qualcosa in meglio nella nostra città. Qualche giorno fa Les ci ha segnalato un interessante articolo del Messaggero dedicato ai buoni auspici di inizio anno per la città di Roma da parte di alcuni romani D.O.C.: da Francesco Totti a Fabio Firmani, da Enrico Brignano a Maurizio Battista. Tutti concordi nel chiedere maggiore ordine, maggiore pulizia, un maggiore senso di appartenenza. A questo punto non posso fare a meno di chiedermi perchè questi "romani D.O.C." non abbiano mai speso una parola per la loro città, non si siano mai fatti portavoce di nessuna iniziativa in sua difesa. Eppure la loro voce avrebbe un peso non indiffferente. I personaggi simbolo di Roma se ne sono sempre stati in silenzio. Non solo. I faccioni di Brignano e Battista li vediamo tutti i giorni stampati sui manifesti appiccicati sui pali della luce e dei semafori o sulle gigantografie degli odiati 6x3. Le scritte su Totti, sulla Roma e sulla Lazio ormai ricoprono ogni muro. Ma nella melassa buonista alla "volemose bbene" dell'intervista di fine anno, nessuno lo ha fatto presente. Nella speranza che questi "romani D.O.C." si diano una svegliata, rinnovo gli auguri agli unici veri romani D.O.C. che conosco, i blogger antidegrado, che a loro spese contribuiscono ogni giorno alla tutela del decoro di questa nostra città.

10 commenti:

daniele ha detto...

i have a dream!
vedere una città che non sfiguri di fronte alle altre capitali europee. Non cerco l'eccellenza, ma nemmeno l'oscenità palese. Hai ragione quando parli di queste "VIP" che sembrano delle verginelle. Danno l'impressione di cadere tutti dalle nuvole con le loro letterine a babbo natale. Io da loro non mi aspetto niente, ma da noi si! E' il nostro momento ragazzi, scendiamo in strada e facciamoci conoscere, e soprattutto facciamo conoscere il lato bello e pulito di questa città. E' il momento di riprenderci Roma

Les ha detto...

Intanto quelli di Repubblica, in vista elezioni, si sono accorti del degrado di Roma.
-
http://roma.repubblica.it/dettaglio/saldi-e-degrado-in-centro-shopping-tra-i-rifiuti-foto/1818942
-
Nei commenti solo retorica anticapitalista, nessuno parla di degrado.
I lettori di repubblica.it non sembrano colpiti dalla monnezza abbandonata.
Parlano d'altro, non hanno capito il senso dell'articolo!

daniele ha detto...

purtroppo è così les! il degrado lo vedono solo gli stranieri e quei pochi come noi che hanno gli occhi x vedere. Comunque buon anno!

Antonio ha detto...

Per retare in tema guardate come mi vengono a dire....in pratica siamo noi i malati.

>>
* Comportamenti o azioni mentali ripetitivi che l'individuo si sente obbligato a eseguire, come una sorta di rituale stereotipato (che può servire a "riparare" un "danno" oppure a diminuire l'ansia causata da un pensiero), per difendersi da una certa ossessione.
* I comportamenti o le azioni mentali sono mirate a combattere le ossessioni; spesso questi comportamenti o queste azioni mentali sono chiaramente eccessivi e/o non sembrano, da parte di un osservatore esterno, essere realmente connessi con l'ossessione che cercano di neutralizzare.
* Le compulsioni possono riguardare diverse tematiche come la contaminazione, il perfezionismo, l'ordine, il controllo.

Inizia a pensarci seriamente, perchè davvero, ogni giorno, dai tuoi resoconti giri per la città e non pensi ad altri, vai pure con qualcuno a fare un giro a Bologna e invece di goderti la "gita" ti fermi a confrontare la situazione del degrado tra Ferrara e Bologna.
Se non fosse che ascolti musichi, dei tuoi 265 messaggi direi che 200 sono dedicati a quest'unico tema.
Riflettici, seriamente.

Riprendiamoci Roma ha detto...

Auguri di BUON ANNO! Aspettate di vedere i servizi che ho preparato... ehehe!!!

Anonimo ha detto...

Antonio, non hanno tutti i torti, anch'io leggo spesso le vostre idee e rimando meravigliato. Specialmento un blogger (rip lo conosce bene) che se non la pensi come lui ti minaccia e attacca la democrazia.
A mio avviso voi state in buona fede ma a volte venite usati per finalità tutt'altro che giuste.
Chi è contro il parcheggione non deve avere la possibilità di dirlo (a costo di mandare email ai giornalisti...come disse quell'individuo, tu invece volevi passare alle vie di fatto ...).
Spero che non mi censuri...perchè quello che non vi piace lo considerate degrado e quindi va distrutto !

Riprendiamoci Roma ha detto...

Essere contro il parcheggione non è in sè un'idea degradante. Non fornire una alternativa al parcheggione, e quindi alla carenza cronica di posti auto, è invece un atteggiamento assolutamente degradante. Implica l'accettazione di uno "status quo" semplicemente inaccettabile.

Anonimo ha detto...

Io mi riferivo che era degradante il vostro comportamento. Che senso ha fare un sit-in di protesta ? Che senso ha mandare email ai giornali per non fare esprimere ad altri le proprie idee. Io credo che "gli anti-degrado" (passami il termine) si sentano dei in terra e come tali si vorrebbero comportare (decidere sulla vita degli altri).
Un alternaiva seria : nel centro non vanno fatti parcheggi, il parcheggio attira automobili. Se le vostre teorie sono che in altri paesi ci sono sappi che non solo non è vero, ma significa che non avete la minima argomentazione. Roma è 10 volte Parigi, 10 volte MIlano ... forse fin'ora abbiamo sbagliato noi. Basta con il cemento selvaggio. questà è l'unica alternativa ! QUal'è l'unica capitale del mondo che continua ad allargarsi senza limite (come direste voi)?

Riprendiamoci Roma ha detto...

Se non vuoi i parcheggi in centro allora vanno tolte anche le strade. Fai un'isola pedonale immensa e mandi le auto a cagare, comprese quelle dei residenti. Poi costruisci 14 linee metropolitane, come Londra o Parigi, e fai funzionare il bike sharing. A quel punto puoi togliere i parcheggi.

Che poi definire Termini "centro storico" è una mezza forzatura. Siamo a ridosso delle mura aureliane e il quartiere nato attorno alla stazione è tardo ottocentesco.

Anonimo ha detto...

Parlo di centro...non centro storico.

Posta un commento

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO