Lettera aperta a "Il Tempo"

mercoledì 26 agosto 2009


Vorrei denunciare lo scandaloso stato di degrado in cui versa il rione Trastevere, letteralmente devastato dai graffiti che ormai ricoprono ogni edificio. Una situazione ai limiti dell'umana sopportazione, il rione sembra diventato terra di nessuno. L'ultima moda è quella degli stencil e delle affissioni abusive di stampe, che vengono appiccicate con la colla sui muri dei palazzi. Nessun edificio storico è risparmiato dalla furia degli "artisti" di strada. La situazione non migliora sui Lungoteveri. Anzi. Il tratto di muraglione che va da Ponte Garibaldi a Ponte Mazzini, all'altezza della banchina del Tevere, dal lato di Via Giulia, è una striscia continua di graffiti e murales. Ma laddove la concentrazione di graffiti raggiunge il suo livello massimo è certamente in Via dei Pettinari, la strada che unisce i due centri della movida romana, Trastevere e Campo de' Fiori. Lo stato di questa strada è raccapricciante, ci sono graffiti ovunque con una concentrazione spaventosa. Percorrerla è un'autentica descensio ad inferos. Ci sono scritte perfino sulle vetrine dei negozi, degli hotel, sui portoni delle case. In alcuni tratti l'intonaco quasi non si vede più. E siamo in pieno centro storico, a 50 metri c'è Palazzo Farnese, Via Giulia, Campo de' Fiori. Il cuore di Roma, la storia di Roma, tutto rovinato, nell'indifferenza generale e senza che i media ne parlino.

Shithouse

venerdì 21 agosto 2009


Che i graffiti siano diventati, nel giro di pochi anni, il principale problema di degrado urbano delle città italiane è sotto gli occhi di tutti. Un nutrito manipolo di criminali cavernicoli (che i nostri media continuano a spacciare per artisti) hanno letteralmente devastato le nostre città d'arte, non risparmiando neanche monumenti, chiese, palazzi storici, fontane. I romani ormai si sono abituati al fenomeno e ci convivono senza problemi. Alcuni aggiungono devastazione a devastazione e nel tentativo di ricoprire le scritte arrivano perfino ad intonacare il travertino, rovinandolo irrimediabilmente. Una devastazione senza fine. Ciononostante i telegiornali di questo paese del quarto mondo in cui viviamo continuano incredibilmente ad ignorare il fenomeno del graffitismo, o addirittura a presentarlo ai ragazzi come una "forma d'arte". E così non resta che affidarci alle tv straniere, nell'attesa che il mondo civile ci sbatta fuori dall'Europa a calci e ci costringa a prendere provvedimenti urgenti. La BBC dedica un servizio di fuoco alla Roma devastata dalle tag (grazie Les per il link!), con tanto di interviste a turisti increduli e allucinati davanti a simili, vomitevoli spettacoli. Ovviamente nessun telegiornale italiano ha ripreso la notizia. Tette e culi fanno più audience. E allora beccatevi il nostro video!

Appello urgente

venerdì 14 agosto 2009


Riceviamo e pubblichiamo un appello urgente.

Appello urgente per la signora Gabriella che si prende cura da anni di circa 100 gatti suddivisi in varie colonie feline in zona Anagnina-Tuscolana. La signora ha una pensione minima e grandi difficoltà a sfamare tutti gli animali presenti nelle colonie da lei gestite. Ha urgente bisogno di scatolette, per adulti e gattini, croccantini, pasta, e se possibile anche dei più comuni medicinali veterinari quali antibiotici, antiparassitari interni ed esterni, pomate oftalmiche ecc. Per continuare poi la sua grande opera di sterilizzazione all’interno di tali colonie, la signora avrebbe bisogno di volontari disposti ad aiutarla nelle catture e nel trasporto dal veterinario, in quanto lei è sprovvista di automobile. Per aiuti contattare direttamente sig.ra Gabriella 346/3059487. Per informazioni, visitate il sito della LAV: http://www.lav-roma.it/

Grazie, Serena

ShareThis

GUARDA I NOSTRI VIDEO