LA PIAGA DEI BORSEGGIATORI. CI SCRIVE UN OPERATORE TURISTICO: CIFRE DA CAPOGIRO!

martedì 27 giugno 2017
Riceviamo pubblichiamo:                                                                                                                
Zingare in azione nella Metro di Roma
"Salve RR,

Ho condiviso molti vostri post sui borseggiatori di mezzi pubblici e monumenti. 

Sono titolare di un B&B e ogni anno circa 4 o 5 nostri turisti vengono derubati in metro o in aree turistiche. La stessa cosa capita a tanti nostri colleghi. 

Facendo due conti approssimativi, a Roma ci sono più di 8000 strutture ricettive tra hotel e b&b (basta vedere quelle registrate su Booking.com) , moltiplicando una media di 400/500€ a portafoglio per una media di 5 turisti a struttura (senza fare distinzione tra Hotel di 50camere e b&b di 3 camere), arriviamo a cifre che superano i 15milioni di euro solo di contante all'anno, senza contare gli effetti personali come smartphone, borse, bagagli, computer etc etc. 

È un business troppo grosso per essere giustificato dalle forze dell'ordine come marachelle di minorenni. 

Sono tante le denunce che facciamo insieme ai turisti ma purtroppo siamo inascoltati. Spero che questo post raggiunga chi di dovere per debellare una volta per sempre questa vergogna perpetrata ai danni di turisti e no. 

Cordiali Saluti "

Francesco Macrì 

FIORE ALL'OCCHIELLO? ATAC UMILIA I ROMANI, OGNI GIORNO E CON OGNI MODALITÀ. STACCATE LA SPINA,GRAZIE!!

lunedì 26 giugno 2017
Le CAPRE IGNORANTI: imbucati maledetti! 
ATAC inglisc - Parte 10467893. Gabbiotto Stazione Metro A di Valle Aurelia, indicazioni per prendere la ferrovia regionale FL3: TREIN FL3: go under the tunnel and climb". Tralasciando il "trEin", immaginiamo i turisti americani strisciare sotto il pavimento del tunnel e poi scalare con funi la stazione di interscambio (forse era meglio "go through the tunnel and then upstairs"..?) 😂😂😂 - Cose da Atac, definita dalla Raggi "fiore all'occhiello di Roma Capitale". Anch'essa serbatoio di voti, anch'essa toccata con le pinze, per non fare adirare i "grandi elettori". Se volete farvi prendere in giro e credere alle favolette andate in altri blog. La Municipalizzata dei Trasporti è uno dei cancri più grossi della Capitale. Da rifondare, ma non ne vediamo i presupposti, o da aprire ad altri concorrenti, rompendo il monopolio, come stanno chiedendo, tramite referendum, i Radicali romani. Bus rotti, treni e stazioni indecorose, personale di stazione e sui bus inesistente, evasione in crescita, crollo vendita titoli di viaggio e ignoranza dilagante. Una massa tumorale da spaccare in due col bisturi facendo scoppiare il bubbone. Ma se uno pensa ai voti, e cade nei ragionamenti di chi ha preceduto i "CITTADINI" oggi alla guida della città, le speranze di un reale miglioramento vanno sotto i tacchi. Roma si aspettava ben altro! Non ancora questo schifo. Ancora!?!? RR

DOPO IL TEVERE, ANCORA LAGHETTO DELL'EUR SHOCK! CONDIZIONI DISASTROSE.

sabato 24 giugno 2017
Sulle condizioni pessime del Laghetto dell'EUR avevamo parlato approfonditamente, sulle pagine di questo blog, un paio di mesi addietro. Siamo ritornati, lo ha fatto per noi una nostra collaboratrice, e le condizioni del laghetto sono, e non lo credevamo possibile, addirittura peggiorate! Non parliamo della zona dei giardini: anche su quello c'è da stendere un velo pietoso, come per tutto il verde cittadino. Ci limitiamo a parlare della qualità dell'acqua, molto più vicina a una cloaca che a un Lago urbano, all'infinità di alghe e al conseguente enorme puzzo, da svenire, che ne deriva. Questa coppia di foto che postiamo si uniscono, idealmente, a quelle a corredo nell'articolo sul sacro Tevere, anch'esso ridotto in condizioni pietose. Due simboli di Roma, testimoni incosapevoli dell'inesorabile declino della città. Guardate voi stessi le condizioni accennate. Per il tanfo di fogna purtroppo non possiamo aiutarvi! 


Potrebbe interessarti: http://eur.romatoday.it/laghetto-eur-giardino-cascate.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809
Queste le condizioni del cuore del Quartiere degli affari di Roma Capitale: cose inconcepibili a Paris La Défense. Cose inconcebibili nel resto d'Europa.  - N.B. Le foto si riferiscono alla zona delle cascate, invase da una distesa di mucillagine maleodorante: cosa piuttosto grottesca. Il Giardino delle Cascate e il Ponte Ashi, realizzato nel 1961 dall'Architetto De Vico, erano tornate alla disponibilità dei romani dopo 56 anni di chiusura! Il 5 Maggio 2017, data dell'apertura, avevamo registrato i toni trionfalistici del Consigliere Municipale Pentastellato Diario e del Presidente del IX D'Innocenti che avevano parlato di "passaggio importante per il rilancio del quartiere!" Un rilancio evidente: da fogna di Calcutta! RR



 

ESSERE DISABILE A ROMA: L'INCREDIBILE TESTIMONIANZA DI CLAUDIO

venerdì 23 giugno 2017
Questa lettera ci ha toccato molto. I diversamente abili a Roma esistono! Ricordatevelo quando lasciate l'auto sugli scivoli o quando occupate impropriamente un posto a loro dedicato. Incredibile la storia relativa alle multe, cosa per noi non nuova: una targa segnalata, legata ad un permesso disabili regolare, riceve multe dall'occhio elettronico ai varchi. Non riusciamo a capire, ve lo giuriamo, come nel 2017,  non ci sia un semplice script di individuazione targhe con diritto d'accesso che ne escluda la sanzione. Ce lo spiegano i Vigili? Chi ce lo spiega? L'Assessore a Roma Semplice? Come  funziona? Vergogna!                                                                                                    
"Ciao RR, sono Claudio De Luca...uno qualsiasi, un cittadino italiano disabile.
Vorrei esporre le mie difficoltà nella vita quotidiana in questa meravigliosa città di Roma,  che però di meraviglioso è rimasta la fama. Muovendomi quotidianamente in città per lavoro o visite mediche, mi trovo spesso in difficoltà serie, io e la mia sedia a rotelle elettrica spesso ci dobbiamo arrendere.  Nella maggior parte dei casi è veramente impossibile fate una semplice passeggiata con mia moglie, perché zone che dovrebbero essere accessibili ai disabili, sono in realtà preda di prepotenti e  arroganti cittadini che usano marciapiedi per parcheggiare. Anche le discese degli stessi sono quasi sempre ostruite da Smart ed altre vetture o motorini. I parcheggi per i disabili neanche a parlarne, perennemente occupati da vetture senza permesso. (E ma me so fermato un attimo!). Si incazzano pure se gli dici qualcosa. E non gli fanno nemmeno la multa nella maggior parte dei casi.  Infatti la colpa non è di chi infrange le regole,  ma di chi glielo permette. Non c'è controllo. Non siamo tutelati.  Dovremmo essere aiutati, perché bisognosi di maggiori attenzioni e soprattutto servizi, che non ci sono. Ma le multe le fanno, certo... sapete a chi? A me!  Vi spiego: ogni anno devo imbarcarmi con mia moglie e la mia fedele carrozzina per andare al comune e contestare migliaia di euro per multe dovuta alle ZTL. Ora, io dico una cosa... ho ovviamente la mia macchina regolarmente registrata al comune proprio per avere accesso a zone ZTL e parcheggi disabili,  o anche corsie preferenziali. 4 mesi fa mi è arrivata una cartella di Equitalia, la quale mi notificava multe per ZTL per la sommetta di appena 44.000,00 €. Ma perché io ogni anno devo sbattermi,andare al comune...ore di fila e contestare le mullte.  Ho la macchina registrata: non dovrei preoccuparmi di questo, invece no! Perché le telecamere dei varchi fanno la foto e arriva la multa. Oppure gli autisti degli autobus, che sono autorizzati a segnalare chi infrange il codice della strada.  E credetemi sono anni che va avanti così.  Poi nella periferia di Roma dimenticatevi dell'abbattimento delle barriere architettoniche.  In città non ci sono servizi igienici, figuriamoci per i disabili.  Nelle stazioni della metropolitana i bagni (quelli aperti) rischi di prenderti qualche malattia infettiva.  Nei centri commerciali, dove sostanzialmente sono attrezzati per i disabili, è l'unico posto dove non ci sono barriere architettoniche,  ma purtroppo i bagni per i disabili vengono usati da persone che stanno bene, sporcano e pisciano  dappertutto.  E nella maggior parte dei casi i maniglioni che dovrebbero aiutare a usare il bagno a un disabile, spesso sono mal messi e pericolanti.  Bisognerebbe abbattere prima di tutto le barriere architettoniche mentali ed essere più sensibili verso chi ha veramente bisogno. Anche perché non lo abbiamo scelto noi di essere disabili. Ognuno dovrebbe provare una settimana ciò che provo io ogni giorno.  E soprattutto andate in Giappone e vedete come si vive civilmente nel rispetto delle regole e delle persone in difficoltà.  Io per delle cure sono costretto ad andare ogni 3 mesi ad Osaka. Beh, vi posso assicurare che sono autonomo anche con la sedia a rotelle elettrica, per quanto sono organizzati. 
Con la speranza che un giorno qualcosa possa muoversi..."
Claudio De Luca 

I MALI ATAVICI DI ROMA PORTANO SEMPRE LA STESSA FIRMA: POLIZIA ROMA CAPITALE. FONTANA DI TREVI L'ULTIMO ESEMPIO!!


Fontana di Trevi vergognosamente nastrata!   
 
A Roma siamo talmente ridotti male da salutare positivamente un fatto, sapendo che peró è presente più di qualche sbavatura. Una condizione mentale paralizzante che noi di RR non riusciamo proprio a mandare giù. Dopo l'ordinanza a tutela delle Fontane emanata dal Sindaco Raggi, avevamo assistito, vomitanti,  alla nastratura di giallo di quella preziosissima di Trevi. È stata così per giorni, il tempo, lento, che la "iattura che Roma si ritrova", ovvero il proprio Corpo dei Vigili, si organizzasse. Con molta calma. Ci siamo accordati con residenti di zona per essere avvisati del lento ma imminente cambiamento. Ed eccoci giungere una mail: finalmente la "iattura romana" si è data una mossa e pare lo abbia fatto in pompa magna. Dalle foto che pubblichiamo, scattate da un membro dello Staff, potete notare ben sei agenti a presidio della Fontana di Trevi: una coppia al centro e due  ai lati, con tanto di walkie talkie!! Nessuno viene fatto avvicinare: il presidio è svizzero! Quello che avviene dietro e di lato non ha importanza alcuna: loro, i mononeuronici, possono svolgere una mansione alla volta. Il trionfo dell'abusivismo esplode in tutta la sua potenza a pochi metri dal perimetro presidiato. Una cosa vergognosa!  Gli abusivi, apprese le nuove dinamiche, si sono prontamente adeguati. Vendono di tutto e di più: anche merce contraffatta davanti ai Vigili che peró sono impegnati solo a far rispettare l'ordinana pro-decoro del Sindaco. Questa è la realtà di Roma. Una realtà triste e avvilente. La Polizia di Roma Capitale va  rifondata: i mali atavici della città portano la  firma degli appartenenti al Corpo. "Siamo sottodimensionati" - dicono. Ed è vero. Ma troppe ne abbiamo viste: ve lo ricordate il video del Vigile Tifoso all'Olimpico che, invece di fare presidio, non solo guardava la partita, ma zompettava e si univa ai cori degli ultras? Dopo nostro video fu giustamente deferito! Tra i circa 6.000 effettivi vige la disorganizzazione: troppi negli uffici, troppi al bar, troppi al cellulare, tanti corrotti. Non sono certo, nè vogliamo che lo siano, una troupe d'elite: ma quello che c'è scritto nel regolamento, più volte pubblicato su questo blog, pretendiamo, da CITTADINI, che venga seguito pedissequamente. Fontana di Trevi è uno degli esempi che quel regolamento è carta straccia!  Noi non lo accettiamo. Si nomini un esterno e si riparta da zero. RR



ShareThis

STATISTICHE GIORNALIERE

GUARDA I NOSTRI VIDEO